Articoli

Furto dati di Schumi: sospettato si suicida, il mistero si infittisce

Auto

Già avevamo parlato del furto di dati dalla cartella clinica di Schumacher. Purtroppo la faccenda ha assunto un risvolto funesto a causa del suicidio dell'unico sospettato. Fino al suicidio le indagini erano state condotte con massimo riserbo. Il furto dei dati di Michael Schumacher Sono emersi ulteriori particolari sul furto di dati: il sospettato era un dirigente della Rega, società svizzera di soccorso aereo responsabile del trasferimento di Schumacher da Grenoble a Losanna. Sembra che sia stata proprio quella l'occasione in cui il ladro ha approfittato della confusione per rubare alcune informazioni dalla cartella clinica del pilota tedesco e tentare di rivenderle alla stampa internazionale. Con il nickname Kagemusha il ladro ha proposto la vendita di tali dati ad una cifra di poco inferiore ai 50 mila euro. Il mistero di Zurigo Il nome del sospettato non è stato reso noto, così come era rimasto segreto il suo arresto di martedì a Zurigo fino all'annuncio ufficiale di stamattina del suicidio. L'annuncio rivela ben poco dell'accaduto: è noto soltanto che il sospettato del furto della cartella clinica di Schumacher si è impiccato in cella e che nell'interrogatorio aveva respinto le accuse. Sembra che il dirigente della Rega sia stato individuato tramite delle analisi informatiche che avrebbero permesso di identificare il PC da cui sono partite le comunicazioni per tentare di vendere i preziosi dati riservati di Schumacher, risultando proprio un computer della Rega. La società svizzera si è tutelata con una denuncia verso ignoti e il sospettato impiccatosi in cella gode ancora della presunzione di innocenza: il suicidio non equivale ad un'ammissione di colpa e dovrà passare altro tempo prima che tutti gli aspetti diventino chiari e che venga identificato il colpevole. La procura, tuttavia, ha aggiunto alle proprie dichiarazioni che non ci sono altri sospettati, per cui il caso potrebbe essere chiuso.

CONDIVIDI

Anteprime

Mercedes-Benz ha aggiornato il suo listino modelli con protezione speciale: la nuova Mercedes S600 Guard fornisce una protezione a tutto tondo arrivando ad una classe di resistenza VR9, sia nelle aree trasparenti che in quelle non trasparenti. Basata sulla nuova Classe S, la Mercedes S600 fornisce un comfort di primo livello, delle straordinarie sospensioni AIRMATIC, un portentoso motore V12, l'intelligent driver assistance: il nuovo modello di punta delle Mercedes Guard innalza il livello del segmento continuando la lunga tradizione Mercedes-Benz per i veicoli dotati di protezioni speciali. In effetti, i modelli Guard danno a Mercedes il titolo di Casa con la più vasta gamma di modelli del genere: Classe S, E, M e G hanno tutte il proprio derivato Guard. Questa Mercedes-Benz S600 Guard 2015 rappresenta così l'ultimo eccellente arrivato nella famiglia Guard. In cosa consistono le protezioni Mercedes Guard? Le protezioni della Mercedes S600 Guard seguono i principi di protezione integrata che per molti anni hanno fatto il successo di questi modelli Mercedes-Benz. Ecco quali sono le peculiarità principali: Forza e stabilità eccezionali grazie alla struttura di base rinforzata, integrata nella scocca già nelle fasi produttive Un alto livello di comfort mantenuto grazie ad un'integrazione sofisticata con una sovrapposizione intelligente degli elementi protettivi La Mercedes-Benz S600 Guard fornisce prestazioni di altissimo livello grazie al motore V12 che genere 390 kW (530 cavalli) aumentando ancora la già grande potenza del precedente modello. Gli 830 Nm di coppia e la trasmissione automatica 7G-TRONIC - per la prima volta disponibile sul motore V12 - permettono alla S-Guard di combinare un consumo di carburante relativamente basso con un'accelerazione impressionante per una rapida fuga da situazioni pericolose. La velocità massima è limitata elettronicamente a 210 km/h per ragioni inerenti al peso della vettura.
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Marco Wittmann vince al  Red Bull Ring di Spielberg (Austria) la sesta tappa del DTM 2014 allungando il suo vantaggio nella classifica generale. Questa sul circuito austriaco di Spielberg, trasmessa in diretta da Nuvolari domenica 3 agosto, è la terza vittoria per il tedesco Marco Wittmann che si porta a +39 sullo svedese Mattias Ekström. La corsa a Spielberg (Austria) del DTM 2014 Quella del  Red Bull Ring a Spielberg in Austria è stata una tappa molto controversa del DTM 2014: la BMW riesce addirittura a piazzare un poker assicurandosi le prime quattro posizioni. Dietro Wittmann, infatti, arrivano Augusto Farfus, Timo Glock e Martin Tomczyk. A rendere controversa la gara è stata una penalità inflitta al pilota Mercedes Robert Wickens che ha ricevuto la bandiera nera per non aver rispettato la drive-through, così come una drive-through è scattata per Jamie Green, pilota che è stato anche in testa per 4 giri prima di aver ricevuto la penalità per essersi fermato al pit stop con un giro di ritardo rispetto a quelli consentiti. È stata una questione di tempo perché il canadese della Mercedes, partito in pole position, fosse raggiunto e superato: è stata una lotta avvincente che ha permesso ai primi otto piloti di rimanere vicini. Farfus ha guidato l'attacco con tutte le proprie forze senza riuscire a superare Wickens. Il brasiliano si è fermato al pit stop appena possibile, sperando di approfittare della pausa del canadese: nei giri successivi si sono fermati tutti gli altri e i box affollati hanno provocato l'unsafe release di Wickens. La battaglia, tuttavia, è continuata in pista con Jamie Green emrso a sorpresa dalla girandola di pit stop al comando prima di ottenere la penalità per aver percorso oltre il 50% della pista sulle sue gomme. Un evitabile errore di comunicazione. Wickens riusciva a tenere a bada Farfus, ma c'era ancora la penalità da scontare: la Mercedes stava ancora discutendo del fatto con gli stewards, contestando l'unsafe release, tuttavia, terminati i tre giri utili per scontare la penalità, Wickens ha avuto la bandiera nera che l'ha costretto al ritiro. Farfus ha preso il comando e l'ha lentamente ceduto al leader della classifica piloti Marco Wittmann. Ecco i primi 10 piloti della gara del  Red Bull Ring a Spielberg (Austria) di questo DTM 2014  01 Marco Wittmann 02 Augusto Farfus Jr. +3.298 03 Timo Glock +5.391 04 Martin Tomczyk +6.237 05 Timo Scheider +6.666 06 Adrien Tambay +12.213 07 Mattias Ekström +14.046 08 Jamie Green +14.456 09 Christian Vietoris +15.224 10 Bruno Spengler +15.782
CONDIVIDI

Altri Sport

Scopriamo di seguito quali sono i 5 aerei passeggeri più veloci mai realizzati. 5. Cessna Citation X [caption id="attachment_15533" align="aligncenter" width="800"] Il Cessna Citation X, il quinto aereo passeggeri più veloce del mondo[/caption] Velocità di crociera Mach 0.795 (972 Km/h) Velocità massima Mach 0.92 (1127 Km/h) Nonostante abbia una velocità massima di ben 1127 Km/h, che lo rende potenzialmente l'aereo più veloce attualmente in funzione, il Cessna Citation X è solo 5° nella nostra classifica degli aerei passeggeri più veloci del mondo a causa della sua velocità di crociera non all'altezza della velocità massima. Il Cessna Citation X è un jet americano che costa circa 21 milioni di dollari e può ospitare solo 12 passeggeri. 4. Airbus A380 [caption id="attachment_15534" align="aligncenter" width="800"] L'Airbus A380 è il quarto aereo passeggeri più veloce del mondo[/caption] Velocità di crociera 0,85 Mach (1041.3 Km/h) Velocità massima 0,96 Mach (1176 Km/h) Un ottimo 4° posto per l'Airbus A380 come aereo passeggeri più veloce del mondo: questo risultato è certamente eccellente se si pensa che l'Airbus A380 è anche l'aereo più grande del mondo. Si tratta di un jumbo jet della francese Airbus Industrie: ha un costo di 318 milioni di dollari e la sua velocità di crociera supera i 1000 km/h. Ancor più impressionante la velocità massima che può toccare i 1176 km/h in condizioni climatiche neutrali. 3. Boeing 747 -400 ER [caption id="attachment_15535" align="aligncenter" width="800"] Un pezzo di storia al terzo posto: il Boeing 747[/caption] Velocità di crociera Mach 0.855 (1047.4 Km/h) Velocità massima Mach 0.92 (1127 Km/h) Un terzo posto a sorpresa per il Boeing 747 nella classifica degli aerei passeggeri più veloci al mondo: la sua velocità di crociera supera di pochissimo quella dell'Airbus A380, nonostante una velocità massima decisamente inferiore. Tuttavia merita di entrare in questa classifica, soprattutto se consideriamo che si tratta di un aereo di oltre 40 anni (esordisce il 22 gennaio del 1970), di cui sono stati costruiti 1400 esemplari, che ha stabilito e ancora stabilisce i più alti standard di velocità e comfort nel settore. Quella in classifica è una versione più performante rispetto al classico Boeing 747 ma la sostanza è esattamente la stessa. Continuando a leggere la classifica scoprirete perché in realtà è proprio il Boeing 747 l'aereo passeggeri più veloce del mondo. 2. Concorde [caption id="attachment_15536" align="aligncenter" width="1024"] Il mitico Concorde della British Airways è il secondo aereo passeggeri più veloce mai costruito[/caption] Velocità di crociera Mach 2.02 (2474.6 Km/h) Velocità massima Mach 2.04 (2499.1 Km/h) Indubbiamente uno degli aerei più famosi: al 2° posto della nostra classifica degli aerei passeggeri più veloci del mondo troviamo il Concorde. In grado di trasportare fino a 120 passeggeri, collegava Parigi o Londra con New York impiegando meno della metà del tempo impiegato da altri aerei di linea. Il suo nome completo era Aérospatiale-BAC Concorde e si trattava di un aereo da trasporto supersonico. Ne sono stati costruiti solo 20 a causa dei costi esorbitanti - di costruzione e di utilizzo - che hanno portato ad una perdita economica. Air France e British Airways hanno ricevuto dei finanziamenti per l'acquisto, ma i prezzi dei voli molto alti hanno in tutti i casi bloccato la diffusione di questo mezzo di trasporto - che ha anche numerosi problemi di natura tecnica, come il rumore, che lo rendono utilizzabile senza problemi solo sull'oceano -. È stato in funzione dal 1976 al 2003: è stato ritirato a seguito del declino nell'utilizzo degli aerei dovuto agli attentati terroristici e alla caduta di un Concordia, il 25 luglio del 2000, partito da Parigi e diretto a New York, schiantatosi poco dopo il decollo sull'hotel Hotellissimo causando 113 morti. 1. Tupolev TU 144 [caption id="attachment_15537" align="aligncenter" width="1024"] Il Tupolev Tu 144: l'aereo passeggeri più veloce del mondo[/caption] Velocità di crociera 2,17 Mach (2658.3 Km/h) Velocità massima 2,30 Mach (2817.6 Km/h) È il Tupolev TU 144 l'aereo passeggeri più veloce del mondo in assoluto: si tratta dell'unico altro aereo da trasporto supersonico oltre al Concordia. Sviluppato dalla Tupolev e costruito dalla VASO, questo aereo sovietico volò per trasporto passeggeri dal novembre del 1977 al giugno del 1978 e fu soprannominato Concordski per sottolineare la somiglianza del Tupolev con il Concordia. Il mezzo russo effettuò soltanto 55 voli passeggeri, sufficienti per stabilire gli attuali record di velocità per aerei passeggeri, prima di essere dedicato esclusivamente ad altri utilizzi a causa di numerosi problemi legati alla sicurezza.  
CONDIVIDI
Video
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv