Ferrari 599 Hy-Kers: potenza Verde
Svelata la Ferrari 599 GTO
Alessia Polita: brutto incidente a Misano

Brutto incidente per la pilota marchigiana Alessia Polita.

Durante le qualifiche di sabato della Stock 600 del Campionato Italiano Velocità, sulla pista di Misano Alessia Polita ha perso il controllo della sua Yamaha R6. 

La pilota è stata trasportata immediatamente in ospedale e sottoposta ad un intervento chirurgico d'urgenza. Alessia Polita fortunatamente non è in pericolo di vita, ma sembra aver riportato delle gravi lesioni che potrebberio cambiare radicalmente la sua vita futura.

Alessia Polita è una vecchia conoscenza di Nuvolari. Nel 2005 fu protagonista insieme ad altri 8 piloti della serie Riders. Le nostra telecamere seguivano queste giovani promesse del motociclismo alle prese con il Campionato Europeo Stock 600 del 2005. È proprio in quella occasione che abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare la grinta di Alessia. Grinta non solo in pista, ma anche nella vita di tutti i giorni. Fu sempre Alessia Polita una delle tre motocicliste protagoniste della prima serie Donne e Dune con Fabio Fasola.

Siamo certi che Alessia sarà essere forte e grintosa anche in questa difficile circostanza. Forza Alessia!

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Altri Campionati - Moto

Tony Cairoli ha siglato una doppietta in Brasile portando a 30 punti il suo vantaggio in testa al campionato Tony Cairoli  e la sua KTM si sono rivelati ancora una volta imbattibili a Beto Carrero, nella regione di Santa Catarina ,in Brasile, dove sul circuito disegnato da Hermann Tilke, collocato all’interno del più grande parco tematico del Sud America, si è disputata la terza prova del mondiale MXGP. Il siciliano ha dominato entrambe le manche e ha portato a 30 punti il vantaggio sull’inseguitore francese Gautier Paulin (KRT Kawasaki Racing) e sul belga Jeremy Van Horebeek (Yamaha Motocross) che lo seguono appaiati. Si tratta della 65° vittoria in carriera per il pilota che ora è pronto per replicare il 12 e 13 aprile ad Arco di Trento dove si correrà il 2° GP Trentino, quarta prova del mondiale. “In Brasile mi sono davvero divertito, rispetto alle prove la pista era molto più tecnica e la pioggia non ha fatto che migliorare le cose”, ha commentato Cairoli “In queste condizioni riesco a guidare come voglio e a fare la differenza. Adesso arriva il GP Trentino, è la prima gara in Europa e si corre in Italia. E’ un appuntamento importantissimo per il quale mi sto preparando da tempo. So che la pista è stata alllungata, smossa e lavorata come piace a me. E’ noto che io non amo il terreno duro, ma il fascino di questa gara tra le Alpi è unico“. Nella classe MX2 in Brasile ha vinto a sorpresa lo svizzero Arnaud Tonus (Kawasaki), davanti all’olandese Coldenhoff (Suzuki). Anche per il ginevrino l’appuntamento di Arco di Trento è praticamente la gara di casa. Il due volte campione del mondo Jeffrey Herlings ha saltato invece la trasferta brasiliana per un infortunio ad una spalla subito in una gara del campionato olandese, ma sarà al via del GP Trentino. Di: Fiammetta La Guidara
CONDIVIDI

Moto

In occasione del MotoGP che si si correrà ad Austin sul Circuit of the Americas, è stata organizzata una raccolta fondi in memoria di Marco Simoncelli. Passano gli anni ma il ricordo di Marco Simoncelli è sempre vivo tra il pubblico del Mondiale MotoGP e non solo, anche grazie alle tante iniziative promosse dalla sua famiglia. Kevin Schwantz, noto campione del motociclismo e attuale ambasciatore del Circuit of the Americas, ha organizzato  una raccolta di denaro proprio per la Fondazione Marco Simoncelli. Per ogni persona che acquisterà entro il 4 aprile un biglietto per il MotoGP degli Stati Uniti, sarà donato 1 euro alla Fondazione Marco Simoncelli. "Marco Simoncelli era un grande pilota e una persona speciale. Tutti i suoi fan adesso potranno onorare la sua memoria e contribuire a un'importante causa semplicemente acquistando un biglietto del Gran Premio di Austin"  
CONDIVIDI

Moto

Sul suo profilo Twitter si descrive così: “Ex campione di MotoGp, appassionato pescatore e padre orgoglioso”. Ma chi si immagina un attempato signore che, dopo aver raccolto onori e gloria e abbastanza soldi per assicurarsi una tranquilla vecchiaia lontano dal rombo delle moto, ha sbagliato clamorosamente.  Casey Stoner, l' ex pilota che ha trovato la sua felicità nei pargoli e nell'arte di far abboccare trote di fiume è un ragazzo che compirà 29 anni il prossimo 16 ottobre. É uno che può dare ancora molto (e in questo la Honda è stata lungimirante, assumendolo come collaudatore per lo sviluppo delle moto da competizione) ma che ha deciso di farsi da parte. Era il 17 maggio di due anni fa. L'australiano correva per il team Repsol Honda e, alla vigilia del Gp di Le Mans, stupisce tutti con una dichiarazione bomba. “Sono due anni che pensavo a questo. Ho parlato molto con la mia famiglia e alla fine ho deciso di ritirarmi alla fine della stagione 2012. Nel 2013 non correrò più – ha spiegato – Ci sono molte cose di quest’ambiente che non sono compatibili con me e che non mi piacciono, anche se ho passato molti momenti bellissimi e indimenticabili. Ma questa è la mia decisione finale”. Stoner aveva 26 anni e non era più contento di quello che faceva: “Questa non è la MotoGP di cui sono innamorato”.  La MotoGp allora ha perso un grande protagonista, fu la frase di circostanza dei colleghi. Ma a distanza di due anni dal suo ritiro, mai affermazione fu più azzeccata. A differenza di molti protagonisti del circo a due ruote organizzato dalla Dorna, Stoner era un non-allineato. Sobrio, lontano dallo stereotipo del pilota di moto e dalle sue guasconerie, praticamente sconosciuto alle cronache rosa: si è sposato giovane con Adriana Tuchyna, che è stata a lungo la sua umbrella-girl e da lei ha avuto una figlia, Alessandra Maria. Per il resto solo tanto lavoro e tanta moto. Con una trafila che – come accade quasi sempre – inizia prestissimo: tanta moto su ovali sterrati in Australia e poi una segnalazione, che porta le sue abilità in moto all'attenzione di Alberto Vergani, talent scout e patron dell'azienda costruttrice di caschi Nolan: è grazie al suo sostegno finanziario che il 15enne australiano esordisce nel campionato inglese. Poi il salto in 125 e 250, qualche vittoria e un talento grezzo ma efficace in pista. Non vince mai un mondiale nelle categorie minori, Casey, ma il suo modo di aggredire l'asfalto non lascia indifferenti. É un ragazzo tranquillo ma in pista si trasforma, non si risparmia, è estremo nella guida e spesso finisce per terra.  Le sue memorabili scivolate gli frutteranno il soprannome – molto amato dalla stampa italiana – di Rolling Stoner. Cade molto e in modo spettacolare anche quando passa in MotoGp: al suo primo mondiale nel 2006 con la Honda arriva ottavo. È bravo, ma non si sa gestire, cade troppo spesso, lo liquidarono alcuni osservatori. Eppure l'australiano noiosetto e ben educato che si era sposato con la sua “ombrellina” un posto nella storia se lo è conquistato, ma non per avere vinto due titoli mondiali. D'accordo, ha scritto il suo nome nell'albo d'oro nel 2007 e 2011 ed è stato il primo australiano a frequentarlo dai tempi di Mick Doohan. No, Stoner è ben altro di un due volte campione del mondo. É il pilota che è riuscito a compiere un'impresa in cui è fallito anche il tanto celebrato Valentino Rossi: ha vinto un titolo con la Ducati. Già, la vituperata Desmosedici: una moto troppo potente, difficile da gestire, scalpitante, troppo reattiva e cattiva. Meglio le giapponesi, nate per vincere e più abituate a farlo. Invece nel 2007 Stoner con la sua guida nervosa e cattiva ha domato la bestia di Borgo Panigale, ha vinto 10 Gp su 18 disponibili e ha messo tutti in fila. Sarà anche scarso e cadrà anche spesso, questo Rolling Stoner, ma Valentino Rossi da Tavullia, in Ducati ha inanellato le due stagioni più fallimentari della sua carriera. E da allora, dati alla mano, non si è più ripreso, imboccando in modo inesorabile il viale del tramonto. Stoner è uscito comunque da vincitore, annunciando con largo anticipo il suo addio a un “circus” troppo distante da lui. E lo ha fatto senza cattiveria, calcolando bene i tempi, da attore consumato che conosce i meccanismi dello spettacolo e li domina, non li subisce. Di: Marco Gentili Per l'articolo si ringrazia Sportswirter (www.sportswriter.it)
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv