Aston Martin V12 Zagato – lavoro di fino
MotoGp 2010 – Le Mans: Lorenzo non si ferma più
Arriva il Common Feeding

Arriva dal Politecnico di Torino una innovazione nel campo dei motori diesel.

Il gruppo di ricerca, capitanato dai Professori Andrea Catania e Alessandro Ferrari, ha sperimentato e brevettato il sistema di iniezione Common Feeding (CF). A prima vista si configura come una valida alternativa la classico sistema di iniezione per i motori diesel Common Rail (CR).

Enormi i vantaggi e la riduzione di costi per le case automobilistiche. Il mercato di riferimento è quello delle automobili diesel che al momento copre in Europa circa il 35% dell’intero settore automotive. Si tratta di una percentuale continuamente in crescita negli ultimi dieci anni, anche per effetto della normativa europea che promuove il diesel tra i propulsori tradizionali proprio per le sue minori emissioni di CO2.

L'intuizione dei Professori Catania e Ferrari è stata nel semplificare il sistema di iniezione eliminando il rail, cioè l’accumulatore interposto tra la pompa ad alta pressione del gasolio e gli iniettori a controllo elettronico, che immettono la quantità di combustibile desiderata nella camera di combustione. 

Questa semplificazione permette una riduzione dei costi, grazie all'eliminazione del rail, ed una installazione più agevole del sistema di iniezione all’interno del motore. L'ingombro infatti è ridotto e si ha anche una migliore risposta dinamica del propulsore in fase di accelerazione. Questa caratteristica è stata verificata in test condotti al banco motore e che tuttora si sta cercando di sfruttare per ridurre le emissioni inquinanti normate allo scarico del propulsore.

Cardine dell’innovazione proposta dal nuovo sistema CF è una rivoluzionaria pompa ad alta pressione direttamente connessa agli iniettori tramite condotti ad alta pressione del combustibile. Il volume ridottissimo integrato nella pompa stessa è responsabile della eliminazione del rail. 

Il team ha anche recentemente applicato il sistema CF ad un motore diesel Euro 5, ottenendo dati sulle emissioni inquinanti comparabili con quelli relativi ai tradizionali motori Common Rail.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Maserati festeggia il suo centesimo anniversario con un raduno a Modena. La Casa del Tridente, infatti, fu fondata il 1° dicembre 1914 a Bologna da Alfieri Maserati. Una storia fatta di successi, di periodi difficili e di tanto orgoglio: all'inizio sviluppava auto per gare su strada contando soltanto su 5 dipendenti, di cui 2 erano i fratelli di Alfieri Maserati: Ettore ed Ernesto. Il raduno Maserati 2014 è partito, come detto, da Modena insieme ai discendenti di Ettore ed Ernesto: Carlo e Alfieri Maserati. Le celebrazioni del 100° anniversario della fondazione della Maserati cominciano con questa prima giornata del programma ufficiale con un gran successo: più di 200 Maserati e oltre 500 collezionisti e clienti delle vetture del Tridente provenienti da 30 Paesi nei cinque continenti: 3500 GT, 5000 GT, A6GCS/53, Mexico, Ghibli, Sebring, Mistral, Quattroporte, Bora, Indy, Khamsin e anche il prototipo Boomerang, oltre ai modelli attuali. La flotta di Maserati di tutte le epoche si è riunita in piazza Grande: sullo sfondo la Ghirlandina, il celebre campanile della città emiliana. Si tratta di un evento dal respiro internazionale: gli Stati Uniti sono infatti il Paese numero 1 per unità vendute, la Cina segue (ma con un tasso di crescita maggiore). In Europa i risultati di Regno Unito, Germania e Italia sono pressoché identici. Forte interesse intorno al marchio anche in Australia e Giappone. Tutto è iniziato con la visita del capannone nel quale, in via de’ Pepoli, 1 (Bologna), fu fondata la Maserati per poi incontrare Carlo e Alfieri, i discendenti diretti di Ettore ed Ernesto.  Alfieri dichiara: "tra tante Case automobilistiche nate in Italia nel secolo scorso, solo poche hanno tagliato un traguardo così importante; Maserati ha un dna che racchiude genialità, innovazione e voglia di creare: cose uniche e diverse che ritroviamo anche nelle automobili di oggi". E poi tocca a Carlo, suo cugino: "100 anni fa nasceva Società Anonima Officine Alfieri Maserati; vorrei esprimere tutta la mia gratitudine a coloro che hanno reso possibile il successo di Maserati e di tendere verso nuovi traguardi. Il merito di questi successi viene anche dall'unità che ha sempre contraddistinto i membri della famiglia Maserati, oltre che - naturalmente - alle straordinarie prodezze tecniche, che ad esempio permisero di costruire una vettura racing in soli 6 mesi".
CONDIVIDI

Auto

Il prossimo GP si correrà a Singapore: sarà la quattordicesima gara della stagione 2014 di Formula 1. Si correrà domenica 21 settembre sul Circuito di Singapore. Il GP di Singapore   Il Gran Premio di Singapore è piuttosto recente nella storia della Formula 1: è stato introdotto il 28 settembre 2008. Si corre sul Singapore Street Circuit. Ha anche una caratteristica particolare: il GP di Singapore 2008 è stata la prima gara di Formula 1 ad essersi disputata in notturna nella storia ed è tuttora l'unica tappa che non si svolge alla luce del sole per l'intera durata. Si tratta di un percorso cittadino intorno a Marina Bay (la baia antistante la foce del fiume Singapore), proprio nel centro storico di Singapore. Alonso La fiducia verso il pilota spagnolo è aumentate: i bookmaker lo quotano, infatti, a 25,00, più dei precedenti GP. In effetti Alonso si è mostrato a suo agio al circuito notturno di Singapore: vi ha conquistato cinque podi in sei gare di cui due vittorie; tuttavia, le quote sono ben lontane da quelle dei favoriti: Hamilton 1,85, Rosberg 3,10 e poi Ricciardo a 9,00. Purtroppo il potenziale della Ferrari resta limitato e Alonso pare piuttosto rassegnato, ecco le sue parole: "qui ho fatto cinque podi in sei gare, ho vinto due volte, però quest'anno abbiamo un potenziale più limitato e siamo già orientati al 2015. In ogni caso lotteremo al massimo". Montezemolo Non mancano le domande su Montezemolo. Alonso, così, da Singapore commenta: "è vero, ci sono stati molti cambiamenti e magari altri ce ne saranno: Montezemolo è stato un uomo di grande successo ma credo che tutte le novità siano per migliorare e come tali le affronto", e sul suo futuro aggiunge: "non sono né più lontano né più vicino alla Ferrari; non è cambiato nulla". Chiude poi salutando Montezemolo così: "è stato il nostro punto di riferimento per molti anni; è stata una grande epoca per la Ferrari. Gli auguro buona fortuna per tutti i nuovi progetti, mentre al nuovo Presidente auguro il meglio e un futuro pieno di successi". Scambio Alonso - Vettel? Appare irritato dalle voci circolate in Italia su uno scambio con Vettel: "è triste quando sento queste voci in Italia. Certamente non aiutano la Ferrari che è invece la ragione per la quale tutti noi siamo qui".
CONDIVIDI

Accessori Auto

Carsh sta per Car-Sharing: si tratta di un'app che promette di far risparmiare ancora più tempo e denaro dai servizi di car sharing. Quest'app, infatti, permetterà di geolocalizzare tutti i veicoli di sharing - car sharing, bike sharing e moto sharing - disponibili di gran parte degli operatori con confronto delle tariffe. Tutto in tempo reale. Come funziona Carsh? Il funzionamento di Carsh è semplice: utilizza l'antenna gps del nostro cellulare per geolocalizzarci e le antenne gps integrate nelle auto del car sharing per mostrarle sulla mappa. I dati vengono direttamente dai servizi di car sharing e dai loro siti: in questo modo potremo conoscere tutte le informazioni aggiornate in tempo reale sui mezzi di car sharing, bike sharing e scooter sharing disponibili intorno a noi e comparare i prezzi di ciascuno di essi. Carsh sarà completamente gratuita e verrà lanciata il 22 settembre 2014 come perfetta conclusione della "settimana europea della mobilità sostenibile 2014". L'app arriva in un momento molto promettente per i suoi sviluppatori e non solo perché l'utilizzo di app per l'auto sta crescendo esponenzialmente. Grazie alla crisi economica le persone cercano di risparmiare sempre più: il car sharing ha già numeri importanti ma è destinato a crescere. Attualmente, in Italia, più di 220 mila persone si sono iscritte a servizi di car sharing e siamo fiduciosi che questo aggregatore - Carsh - spopolerà sia su dispositivi Apple che su Android (sarà, infatti, lanciato su entrambi i market: Apple store e Google Play store). Queste cifre sono emerse dalla "settimana europea della mobilità sostenibile", insieme ad altri dati interessanti: circa tremila auto in undici città italiane, con una presenza più massiccia a Milano e Roma, mentre in Europa gli iscritti sono oltre 500 mila, con oltre 13 mila vetture. Nel mondo si stima che, entro il 2020, ci saranno 12 milioni di utenti, per un giro d'affari di 6,2 miliardi di euro. La ciliegina sulla torta di Carsh è che sarà persino possibile prenotare l'auto scelta direttamente dall'interno dell'app; un modo per ottenere tutto e subito: miglior prezzo, vicinanza e prenotazione. Nel frattempo a Milano si prepara il servizio di moto sharing. A Roma, invece, il car sharing ha creato disagi: sono state infatti danneggiate numerose auto di car sharing.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv