Max Biaggi commenta il World Superbike
Mazda MX 5 Karai – esclusività tedesca
Come si calcola la distanza di sicurezza

Velocità e mancato rispetto della distanza di sicurezza sono tra le principali cause degli incidenti in Italia.

Da una recente indagine è emerso che più del 50% degli automobilisti italiani non sanno assolutamente quale è la distanza di sicurezza da mantenere alle diverse velocità.

Come si calcola la distanza di sicurezza

Cos' è la distanza di sicurezza

Premettiamo che la distanza di sicurezza è quella distanza che un veicolo deve mantenere rispetto a quello che lo precede così da non tamponarlo in caso di frenata improvvisa.

Fattori che influiscono sul calcolo della distanza di sicurezza

I fattori che influiscono sul calcolo della distanza di sicurezza sono molteplici. Oltre a tenere presente l'abilità e la prontezza di di riflessi del guidatore, bisogna considerare le condizioni del veicolo, dell'impianto frenante e naturalmente degli penumatici. Non da meno importanti sono la velocità, il peso del veicolo, le condizioni meteorologiche e le caratteristiche del manto stradale.

Calcolo della distanza di sciurezza

Ecco alcuni esempi di distanza minima di sciurezza che sono stati calcolati da ACI.

  • ad una velocità di 50 km/k la distanza di sicurezza in metri dal veicolo che precede deve essere almeno di 25 metri
  • ad una velocità di 90 km/h la distanza di sicurezza in metri dal veicolo che precede deve essere almeno di 40 metri
  • ad una velocità di 130 km/h la distanza di sicurezza in metri dal veicolo che precede deve essere almeno di 130 metri

In ogni caso per avere la sicurezza di marciare mantenendo la giusta distanza di sicurezza, si può fare un semplice calcolo matematico. Si deve dividere per 10 la propria velocità espressa in km/h e poi elevare il risultato al quadrato. Esempio: (50 km/h ÷10)² = 25 metri.

Bisogna ricordare che se il veicolo non è in condizioni ottimali e ha pneumatici e freni consumati la distanza di scurezza indicata non sarà sufficiente ad evitare un tamponamento. Se piove i valori vanno aumentati di almeno il 20-30%

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Donne al volante, pericolo costante. La battuta è ormai assicurata, ma non è così e la vita di tutti i giorni e gli studi di settore lo dimostrano. Sondaggio Linear Una recente inchiesta condotta dall'Osservatorio Linear ha messo in evidenza come le donne siano diventate abili nella guida a volte anche più degli uomini. Chi è più bravo alla guida? Alla domanda " chi è più bravo alla guida tra uomini e donne?" il 60% degli intervistati ha risposto che tra i due sessi non c'è nessuna differenza nella guida. La percentuale che ha risposto così sale al 70% se si considera un campione di sole donne. D'altro canto c'è uno zoccolo duro del 27% che afferma che gli uomini sono di gran lunga migliori delle donne, percentuale che sale al 39% se si considerano solo gli intervistati di sesso maschile. Il sondaggio di Linear segnala anche che le donne sono molto meno aggressive degli uomini. Per il 48% degli intervistati non c'è nessuna differenza se a guidare l'auto sia una donna o un uomo, mentre il 25% si sente assolutamente sicuro se al volante c'è una donna. Insicurezza Sembra però che per il 32% del campione totale intervistato e per il 42% degli uomini le donne siano ancora troppo insicure nella guida. Il 31% è pronto a dichiarare che le donne non hanno nessun difetto nella guida. Parcheggio Su un punto donne e uomini sono d'accordo: il parcheggio. Il 29% afferma che le donne non sanno parcheggiare, tesi avvalorata anche dal 29% delle stesse donne. Si sa che le donne sono multitasking e può capitare che mentre guidano approfittino per sistemare il trucco, come dichiarano il 17% degli intervistati e come ammettono il 13% delle donne. Uomini al volante Gli uomini italiani al volante sono segnalati dal 44% per l'eccessiva sicurezza, come confermato dal 48% delle donne. Inoltre secondo il 34% gli italiani sono troppo veloci alla guida e si distraggono facilmente col telefono, col navigatore satellitare e con la radio.
CONDIVIDI

Auto

Ancora una novità in tema di patenti di guida. Stavolta parliamo del rinnovo della patente e del cambio della procedura. A partire dal 9 gennaio 2014 alla scadenza della patente di guida, quando ci recheremo all'ufficio preposto per il rinnovo, non dovremo più apporre un nuovo bollino che accerti l'avvenuto rinnovo. Nuova procedura rinnovo patente La nuova procedura per il rinnovo della patente, secondo quanto stabilito dal Ministero dei Trasporti con il decreto già pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 dicembre 2013, prevede che a scadenza, dopo aver effettutato le prove mediche, si riceva un nuovo documento. Portale dell'automobilista Il procedimento è completamente automatizzato. Il medico autorizzato all'accertamento delle condizioni di salute dell'automobilista dovrà inserire all'interno di una apposita sezione del Portale dell'automobilista tutte le informazioni del caso:  lo stato di salute dell'esaminato, gli estremi del pagamento per la tassa di rinnovo, la fototessera e la firma. Il medico rilascerà una ricevuta attestante l'avvenuto rinnovo e l'automobilista riceverà a casa la nuova patente. Costo per rinnovo patente Il costo per il rinnovo della patente resta  invariato ed è composto da 16 euro per la marca da bollo, 9 euro per le tasse della Motorizzazione. Si deve aggiungere il costo della visita medica e il costo della posta assicurata per il ricevimento della nuova patente, pari a 6,80 euro.
CONDIVIDI

Auto

Conseguire la patente di guida A e B da privatista è possibile. Basta rivolgersi agli Uffici della Motorizzazione Civile della propria provincia. Novità patente dal 19 gennaio 2013 Per poter conseguire la patente di guida sono stati introdotti a partire dal 19 gennaio 2013 una serie di novità. Sono aumentate le categorie, non più solo A e B, e sono cambiati i requisiti per il conseguimento: Patente categoria A1: età minima 16 anni Patente categoria A2: età minima 18 anni Patente categoria A3: età minima 21 anni Patente categoria B: età minima 18 anni Documentazione per il conseguimento della patente Dopo aver deciso quale patente di guida si vuole conseguire, occorre passare presso gli Uffici della Motorizzazione Civile per ritirare la modulistica necessaria: Modello TT2112, da compilare in ogni sua parte con i propri dati anagrafici e codice fiscale. Al modello TT 2112 andranno aggiunte: due foto tessera, recenti e a capo scoperto un documento valido + relativa fotocopia un certificato medico che potrà essere rilasciato dalle seguenti categorie di medici secondo l'art.119 del Codice della Strada medici dipendenti dalle unità sanitarie locali medici appartenenti alMinistero della Salute medici appartenenti alla Polizia di Stato medici appartenenti al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco medici miltari in in servizio permanente effettivo ispettore medico del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ispettore medico dele Ferrovie dello Stato Inoltre al certificato medico va apposta una marca da bollo da 14,62 e una fotografia. Occorre inoltre presentare anche la fotocopia del certificato medico. Si dovranno presentare inoltre gli attestati dei seguenti versamenti: versamento di 14,62 euro sul c/c 4028 versamento di 14,62 euro sul c/c 4028 versamento di 15,00 euro sul c/c 9001 versamento di 9,00 euro sul c/c 9001     Una volta consegnata tutta la documentazione alla Motorizzazione Civile, si riceverà una ricevuta con la quale dopo circa tre settimane si tornerà per ritirare il foglio rosa, con il quale si potranno cominciare le esercitazioni nella guida. Dopo circa un mese dalla consegna della documentazione, ci si potrà informare presso gli sportelli della Motorizzazione Civile sulle sessioni d'esame.  Una volta superato il test, si dovranno attendere 10 giorni per poter sostenere la prova pratica di guida. Esame Pratico patente B Tra le novità introdotte dal decreto ministeriale del 20 aprile 2012, in attuazione del'articolo 122, comma 5-bis, del Codice della Strada, c'è anche la definizione dei requisiti per poter sostenere la prova pratica di guida per la patente B. Dopo l'ottenimento del foglio rosa, bisogna fare almeno 6 ore di esercitazioni di guida su strade extraurbane, su autostrade, anche in notturna, presso un'autoscuola, con un istruttore di guida qualificato e abiltato alla professione. Le lezioni di guida sarnno indivisuali e non potranno durare più di 2 ore al giorno. Alla fine di ogni lezione occorre compilare un foglio di un appaosito libretto, che dovrà essere firmato tanto dall'istruttore quanto dall'allievo. la Scuiola Guida rilascerà all'allievo un attestato di frequenza dopo la fine delle esercitazioni, che dovrà essere presentato per poter sostenere l'esame pratico di guida. Per le esercitazioni di guida, bisogna rispettare dei precisi limiti di velocità e di comportamento: 100 km/h sulle autostrade 90 km/h per le strade extraurbane principali in autostrade che abbiamo carreggiate con tre o più corsie, si possono impegnare solo le due corsie più vicine al bordo detstro della carreggiata. se si fa pratica su un veicolo diverso da quello della Scuoal Guida, non può esserci nessun altr opasseggero oltre a colui che fa le veci dell'istruttore può esimersi dalle lezioni di guida in autostrade, strade extraurbane, e guida notturna, chi a 17 anni abbia già ottenuto l'autorizzazione a guidare accompagnato perchè ha già conseguito la patente A1. Può usufruire di questo permesso di esercitarsi alla guida con un adulto patentato, colui che non abbia mai ricevuto revoca alla autorizzazione e che presenti la domanda di conseguimento della patente B entro i 6 mesi successivi al compimento dei 18 anni.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv