Snowboard in Trentino: Surf&Feos
Le strade più trafficate d' Europa
F1 2010 - Barcellona: Webber e Red Bull imprendibili

Spesse volte si dice che il mondiale - quello vero - cominci in Europa, subito dopo la lunga trasferta asiatica iniziale. Questo perchè molte squadre portano i primi veri aggiornamenti, alle vetture. I valori in campo quindi, vengono stabiliti a partire da Barcellona (oltretutto test-track per i team in inverno), in occasione dl primo Gran premio nel vecchio continente. Mai come quest'anno poi tale 'ipotesi' assume tinte concrete, considerando i fattori metereologici che hanno influenzato i gp di Australia, Malesia e Cina.

E se un verdetto dobbiamo comuinicare, allora possiamo dire fin da subito che la Red Bull motorizzata Renault, è sicuamente un passo avanti a tutta la concorrenza. Niente F-duct come Ferrari e McLaren, così come lo scorso anno niente Kers, ma una incredibile velocità ed un grip eccezionale. La vettura di Adrian Newey sembrerebbe la f1 perfetta, se non fosse per la sua fragilità.

E con una vettura del genere, Mark Webber ha svolto al meglio il proprio lavoro: Pole position il sabato, partenza perfetta e vittoria perentoria la domenica. L'australiano, considerato comunque il meno pericoloso nel lotto dei 'papabili al titolo', conscio anche delle voci che lo vogliono scaricato dal team il prossimo anno in favore di Kimi Raikkonen o di Felipe Massa, ha sfruttato appieno una vettura in grado di rifilare quasi un secondo a tutte le altre in qualifica.

Lo stesso invece, non si può dire di Sebastian Vettel. Il giovane tedesco ha subito, per la prima volta quest'anno, il suo team-mate. Il problema - per Vettel - non è stato tanto in qualifica (dove fu già battuto in Malesia, salvo poi vincere la corsa), quanto in gara, sia nella velocità che nella gestione. Se poi ci si mette di mezzo un inconveniente al freno anteriore sinistro, ecco completata la 'domenica terribile' di Sebastian Vettel. E fortuna ha voluto che Lewis Hamilton si sia ritirato a 2 giri dalla fine.

Parliamo quindi dell'inglese. In Spagna ha disputato una corsa fenomenale, essendo stato l'unico (insieme ad Alonso) a ceracre di tenere il passo delle Red Bull. Anzi, per il campione del mondo 2008, c'è stato anche il sorpasso ai danni di Vettel, con una manovra bella e decisa. Sarebbe stato un risultato eccezionale per il giovane Lewis. Peccato che la sospensione anteriore sinistra a 2 tornate dall'obiettivo lo abbia mollato di netto, facendolo schiantare contro le gomme. Ancora una volta quindi, un imprevisto ha bloccato il #2 di casa McLaren.

E veniamo al protagonista più atteso di Barcellona: Fernando Alonso. L'asturiano ha confermato ancora una volta che il pilota, quando vuole, può fare la differenza. La Ferrari a Barcellona ha sofferto, inutile negarlo. L'F-duct ha dato qualche vantaggio, ma la vettura è sembrata inferiore alla Red Bull e più o meno allo stesso livello della McLaren. E allora la differenza, quel quid in più, ce l'ha messo Alonso, riuscendo a portare la F10 in seconda fila (con Massa nono) e guidando sempre al limite in gara. Un quarto posto era alla sua portata tranquilla poi, complici le disavventure di Vettel e Hamilton, è arrivato un eccezionale secondo posto. Bene cosi per la Ferrari e il #8, che ha dato veramente l'impressione di metterci l'anima con una Ferrari - lo ripetiamo - senza grip (Felipe Massa ha parlato di 'macchina da rally' nelle curve lente).

E chiudiamo dando uno sguardo in casa Mercedes. Michael Schumacher, grazie anche ad una Mercedes GP profondamente mutata ne passo (e con la presa d'aria sdoppiata) è sembrato molto più a suo agio, riuscendo a contenere gli attacchi di Button e concludendo quarto,seppur staccatissimo dalla vetta. Male invece Nico Rosberg che con le nuove soluzioni proprio non si trova. Segnale inequivocabile che Ross Brawn punti più sul Kaiser che sul giovane Nico? Probabile. Nel frattempo arriva Montecarlo. Occhi puntati su questo incerto mondiale 2010, tra cordoli e muretti! Stay tuned!

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Lo sport di punta dei motori continua a perdere proseliti: le richieste e le idee degli addetti ai lavori e delle scuderie vengono valutate dalla FIA sempre più nell'ottica di ridare spettacolarità alla Formula 1 per renderla appassionante come un tempo. Frenare i team radio La proposta parte dai boss della Formula 1: dare una frenata alle comunicazioni radio dei team potrebbe essere una delle iniziative per rendere lo sport nuovamente impegnativo per i piloti. La notizia arriva da Londra - apparsa sul sito di Autosport - e segue le discussioni avvenute ad un incontro sulle strategie della Formula 1 durante il Gran Premio d'Italia: sembra che alcuni team abbiano chiesto alla FIA di trovare il modo di inibire alcuni tipi di comunicazione radio perché considerate un motivo di abbandono dei fan. "Le comunicazioni radio hanno distrutto il fascino della Formula 1", è quanto apparso su Motorsport: il motivo è che i piloti vengono percepiti come burattini che si limitano a seguire le istruzioni provenienti dai box e questa è una delle cause del declino della Formula 1. C'è anche il discorso che i piloti si affidano sempre più alle informazioni provenienti dai box su come guadagnare tempo, specialmente in rapporto ai compagni di squadra. Sintomatico, in tal senso, quanto accade ai contendenti al titolo Nico Rosberg e Lewis Hamilton che costantemente ricevono informazioni dalla Mercedes. Soli e senza aiuti "Il pilota deve guidare l'auto da solo e senza aiuto", è quanto previsto dall'articolo 20.1 del Regolamento Sportivo della F1: un fondamento fornito dal regolamento su cui si basa la questione e la cui rigida applicazione viene auspicata per ridare brio alla Formula 1. Nonostante molti desidererebbero rimuovere completamente le comunicazioni radio, sembra che la direzione sarà quella di vietare comunicazioni specifiche dai box volte a migliorare le performance dei piloti. In questo modo le comunicazioni permesse sarebbero quelle inerenti alla sicurezza e alle questioni procedurali: le comunicazioni più avvincenti e popolari tra i fan continueranno senza cambiamenti.  La FIA e i team continueranno a discuterne: qualche chiarimento dovrebbe arrivare prima del GP di Singapore. 
CONDIVIDI

Auto

Secondo il magazine tedesco "Bunte", che avrebbe avuto l'indiscrezione direttamente dalla clinica di Losanna, Schumi potrebbe essere dimesso entro Natale. Schumacher: cresce l'ottimismo Finalmente una notizia incoraggiante per il pilota tedesco, le cui condizioni restano gravi: i danni subiti hanno compromesso il linguaggio (Michael, attualmente, comunica solo con il movimento degli occhi), la memoria e i movimenti. L'incidente sciistico di Schumi del 29 dicembre 2013 non gli ha risparmiato rogne e polemiche: emblematiche la faccenda del furto della cartella clinica e del suicidio del presunto ladro. Qualora l'indiscrezione del magazine tedesco si tramutasse in realtà, Michael Schumacher trascorrerebbe il Natale a casa dopo circa un anno di ospedale. Un eventuale ritorno a casa non implica che l'ex pilota Ferrari avrà recuperato dai danni subiti: purtroppo non esistono previsioni sull'auspicabile - ma non scontato - recupero delle funzioni motorie, mnestiche e linguistiche del sette volte campione di Formula 1 tedesco. Non resta che augurargli un grande in bocca al lupo!
CONDIVIDI

Auto

Per il campionato mondiale di Formula 1 2015 la Sauber sembra intenzionata a dare spazio a Simona de Silvestro, pilota svizzera entrata a far parte della scuderia di Hinwil all'inizio del 2014. Il profilo di Simona de Silvestro Simona de Silvestro, nata il 1 settembre del 1988, viene da Thun, Svizzera. Ha partecipato alla prima gara kart nel 1996: dopo 9 anni ha debuttato in Formula Renault e l'anno dopo negli USA in Formula BMW diventando la prima donna a salire sul podio ad Indianapolis. In tempi più recenti, ha corso per la KV Racing Technology nelle IZOD IndyCar Series. Nel corso della sua carriera, Simona de Silvestro si è guadagnata il soprannome "The Iron Maiden"; è stata anche vittima di un incidente nel 2011 che le ha provocato delle ustioni alle mani a causa dell'incendio dell'autovettura. La Sauber annuncia di averla ingaggiata nel febbraio 2014 e di aver previsto un anno di addestramento col team con l'obiettivo di iniziare a correre ufficialmente nel 2015. I test - con la Sauber 2012 - sono iniziati a Fiorano, nell'aprile 2014. Una donna per rilanciare la Formula 1 La Formula 1 non sta vivendo di certo i suoi tempi migliori: troppe regole e troppa tecnologia sembrano aver portato via l'agonismo e le emozioni da cardiopalmo che questo sport aveva sempre regalato ai suoi numerosi proseliti. Le critiche a questo sport sono aumentate in modo esponenziale e sono in molti a ritenere che la bravura del pilota sia ormai quasi ininfluente. Sembra, pertanto, che un eventuale sedile assegnato a Simona de Silvestro sia visto con grande favore dai vari sponsor e da coloro i quali curano le immagini dei brand e gli aspetti economici della competizione: una novità che potrebbe allargare il pubblico - composto prevalentemente da uomini - e portare un po' di nuova attenzione sulla Formula 1. Simona de Silvestro dovrà dimostrare in pista il proprio talento e la propria idoneità a sedere su una monoposto di F1 se vuole evitare facili luoghi comuni sull'inadeguatezza del gentil sesso agli sport motoristici. Ma anche se non dovesse riuscirci, ciò non sarà sufficiente a spostare l'attenzione dalla noiosità della Formula 1 che per alcuni è diventata "uno sport per femminucce". E di certo non per la presenza di una donna al volante.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv