Snowboard in Trentino: Surf&Feos
Le strade più trafficate d' Europa
F1 2010 - Barcellona: Webber e Red Bull imprendibili

Spesse volte si dice che il mondiale - quello vero - cominci in Europa, subito dopo la lunga trasferta asiatica iniziale. Questo perchè molte squadre portano i primi veri aggiornamenti, alle vetture. I valori in campo quindi, vengono stabiliti a partire da Barcellona (oltretutto test-track per i team in inverno), in occasione dl primo Gran premio nel vecchio continente. Mai come quest'anno poi tale 'ipotesi' assume tinte concrete, considerando i fattori metereologici che hanno influenzato i gp di Australia, Malesia e Cina.

E se un verdetto dobbiamo comuinicare, allora possiamo dire fin da subito che la Red Bull motorizzata Renault, è sicuamente un passo avanti a tutta la concorrenza. Niente F-duct come Ferrari e McLaren, così come lo scorso anno niente Kers, ma una incredibile velocità ed un grip eccezionale. La vettura di Adrian Newey sembrerebbe la f1 perfetta, se non fosse per la sua fragilità.

E con una vettura del genere, Mark Webber ha svolto al meglio il proprio lavoro: Pole position il sabato, partenza perfetta e vittoria perentoria la domenica. L'australiano, considerato comunque il meno pericoloso nel lotto dei 'papabili al titolo', conscio anche delle voci che lo vogliono scaricato dal team il prossimo anno in favore di Kimi Raikkonen o di Felipe Massa, ha sfruttato appieno una vettura in grado di rifilare quasi un secondo a tutte le altre in qualifica.

Lo stesso invece, non si può dire di Sebastian Vettel. Il giovane tedesco ha subito, per la prima volta quest'anno, il suo team-mate. Il problema - per Vettel - non è stato tanto in qualifica (dove fu già battuto in Malesia, salvo poi vincere la corsa), quanto in gara, sia nella velocità che nella gestione. Se poi ci si mette di mezzo un inconveniente al freno anteriore sinistro, ecco completata la 'domenica terribile' di Sebastian Vettel. E fortuna ha voluto che Lewis Hamilton si sia ritirato a 2 giri dalla fine.

Parliamo quindi dell'inglese. In Spagna ha disputato una corsa fenomenale, essendo stato l'unico (insieme ad Alonso) a ceracre di tenere il passo delle Red Bull. Anzi, per il campione del mondo 2008, c'è stato anche il sorpasso ai danni di Vettel, con una manovra bella e decisa. Sarebbe stato un risultato eccezionale per il giovane Lewis. Peccato che la sospensione anteriore sinistra a 2 tornate dall'obiettivo lo abbia mollato di netto, facendolo schiantare contro le gomme. Ancora una volta quindi, un imprevisto ha bloccato il #2 di casa McLaren.

E veniamo al protagonista più atteso di Barcellona: Fernando Alonso. L'asturiano ha confermato ancora una volta che il pilota, quando vuole, può fare la differenza. La Ferrari a Barcellona ha sofferto, inutile negarlo. L'F-duct ha dato qualche vantaggio, ma la vettura è sembrata inferiore alla Red Bull e più o meno allo stesso livello della McLaren. E allora la differenza, quel quid in più, ce l'ha messo Alonso, riuscendo a portare la F10 in seconda fila (con Massa nono) e guidando sempre al limite in gara. Un quarto posto era alla sua portata tranquilla poi, complici le disavventure di Vettel e Hamilton, è arrivato un eccezionale secondo posto. Bene cosi per la Ferrari e il #8, che ha dato veramente l'impressione di metterci l'anima con una Ferrari - lo ripetiamo - senza grip (Felipe Massa ha parlato di 'macchina da rally' nelle curve lente).

E chiudiamo dando uno sguardo in casa Mercedes. Michael Schumacher, grazie anche ad una Mercedes GP profondamente mutata ne passo (e con la presa d'aria sdoppiata) è sembrato molto più a suo agio, riuscendo a contenere gli attacchi di Button e concludendo quarto,seppur staccatissimo dalla vetta. Male invece Nico Rosberg che con le nuove soluzioni proprio non si trova. Segnale inequivocabile che Ross Brawn punti più sul Kaiser che sul giovane Nico? Probabile. Nel frattempo arriva Montecarlo. Occhi puntati su questo incerto mondiale 2010, tra cordoli e muretti! Stay tuned!

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

L'elettronica è sempre più importante per la Formula 1: lo sa bene Nico Rosberg che può imputare ad essa il suo crollo dal primo posto nella classifica piloti. È stata tutta colpa di un chip andato in tilt che ha costretto al ritiro Rosberg. Il titolo, di fatti, si allontana con questo GP dalle mani del pilota tedesco della Mercedes per dirigersi verso il compagno di squadra: grazie al trionfo, infatti, è Lewis Hamilton a guidare la classifica piloti di questa Formula 1 2014 con 3 punti di vantaggio sul compagno di scuderia. Elettronica e gomme vere protagoniste [caption id="attachment_15872" align="aligncenter" width="800"] I piloti di Formula 1 in azione durante il GP di Singapore 2014[/caption] A spegnere ogni luce nella notte di Singapore per Rosberg è stata l'elettronica: un inconveniente che ha, invece, illuminato Hamilton. Mercedes F1 W05: stessa vettura, destini diversi. Dietro l'inglese, parecchio dietro, le Red Bull di Vettel - secondo - e di Ricciardo - terzo -. Le due Red Bull e la Ferrari di Alonso - quarto - hanno percorso gli ultimi giri appaiati senza però regalare qualche tentativo di sorpasso: le gomme consumatissime degli ultimi chilometri devono aver scoraggiato i piloti che si sono accontentati di mantenere le posizioni. C'è da dire che Alonso è stato comunque protagonista di un'eccellente gara, considerando che la scuderia l'abbia richiamato ai box mentre in pista c'era la safety car penalizzando fortemente lo spagnolo. Fernando infatti appare soddisfatto: "È stato un buon weekend per la squadra e soprattutto per me". E sulla safety commenta: "la safety car? A volte ti aiuta, a volte ti danneggia - come stavolta - ma essere stato lì davanti con gli altri è stata una bella sensazione..." Hamilton invece lancia un messaggio al compagno di squadra: "ringrazio il mio team, ma Rosberg si è fermato e non va bene: dobbiamo lavorare per portare due auto sul podio". Ironia o sportività? Ognuno interpreti le parole del pilota inglese come meglio crede. Lewis parla anche delle gomme: "ero consapevole di avere molto vantaggio riguardo alle gomme; quando sono rientrato e ho visto che le Red Bull avevano le gomme finite, mi sono sentito a mio agio e sono passato con decisione". Nico Rosberg non poteva che essere rammaricato: "È un gran peccato; ho imprecato moltissimo in macchina: per fortuna non avete sentito niente. Il volante non funzionava e mi ha costretto al ritiro: così, purtroppo, Hamilton mi ha superato nella classifica iridata". Sebastian Vettel ringrazia la safety car: "dobbiamo ringraziare la Safety car, perché siamo rimasti in pista con le gomme al limite. Sono molto contento di questo podio, perché è arrivato grazie a tanta concentrazione ed impegno. Spero di fare ancora meglio nelle prossime gare, perché stiamo tornando davanti, nonostante i problemi". I problemi tecnici hanno condizionato anche la gara di Ricciardo; il pilota australiano dichiara: "mi sento quasi a casa qui a Singapore, perché l'Australia è vicina. Vengono tanti australiani qui e ciò per me è fantastico. Sono curioso di rivedere la partenza perché ho la sensazione che Alonso avrebbe dovuto ridare la posizione anche a me. Ho avuto qualche problema dopo la partenza, perdendo potenza. Dopo le cose sono andate meglio, ma nel finale ho avuto nuovamente cali di potenza. Questa è una pista faticosa, non solo per il pilota, ma anche per l'auto.
CONDIVIDI

Auto

Il prossimo GP si correrà a Singapore: sarà la quattordicesima gara della stagione 2014 di Formula 1. Si correrà domenica 21 settembre sul Circuito di Singapore. Il GP di Singapore   Il Gran Premio di Singapore è piuttosto recente nella storia della Formula 1: è stato introdotto il 28 settembre 2008. Si corre sul Singapore Street Circuit. Ha anche una caratteristica particolare: il GP di Singapore 2008 è stata la prima gara di Formula 1 ad essersi disputata in notturna nella storia ed è tuttora l'unica tappa che non si svolge alla luce del sole per l'intera durata. Si tratta di un percorso cittadino intorno a Marina Bay (la baia antistante la foce del fiume Singapore), proprio nel centro storico di Singapore. Alonso La fiducia verso il pilota spagnolo è aumentate: i bookmaker lo quotano, infatti, a 25,00, più dei precedenti GP. In effetti Alonso si è mostrato a suo agio al circuito notturno di Singapore: vi ha conquistato cinque podi in sei gare di cui due vittorie; tuttavia, le quote sono ben lontane da quelle dei favoriti: Hamilton 1,85, Rosberg 3,10 e poi Ricciardo a 9,00. Purtroppo il potenziale della Ferrari resta limitato e Alonso pare piuttosto rassegnato, ecco le sue parole: "qui ho fatto cinque podi in sei gare, ho vinto due volte, però quest'anno abbiamo un potenziale più limitato e siamo già orientati al 2015. In ogni caso lotteremo al massimo". Montezemolo Non mancano le domande su Montezemolo. Alonso, così, da Singapore commenta: "è vero, ci sono stati molti cambiamenti e magari altri ce ne saranno: Montezemolo è stato un uomo di grande successo ma credo che tutte le novità siano per migliorare e come tali le affronto", e sul suo futuro aggiunge: "non sono né più lontano né più vicino alla Ferrari; non è cambiato nulla". Chiude poi salutando Montezemolo così: "è stato il nostro punto di riferimento per molti anni; è stata una grande epoca per la Ferrari. Gli auguro buona fortuna per tutti i nuovi progetti, mentre al nuovo Presidente auguro il meglio e un futuro pieno di successi". Scambio Alonso - Vettel? Appare irritato dalle voci circolate in Italia su uno scambio con Vettel: "è triste quando sento queste voci in Italia. Certamente non aiutano la Ferrari che è invece la ragione per la quale tutti noi siamo qui".
CONDIVIDI

Auto

Lo sport di punta dei motori continua a perdere proseliti: le richieste e le idee degli addetti ai lavori e delle scuderie vengono valutate dalla FIA sempre più nell'ottica di ridare spettacolarità alla Formula 1 per renderla appassionante come un tempo. Frenare i team radio La proposta parte dai boss della Formula 1: dare una frenata alle comunicazioni radio dei team potrebbe essere una delle iniziative per rendere lo sport nuovamente impegnativo per i piloti. La notizia arriva da Londra - apparsa sul sito di Autosport - e segue le discussioni avvenute ad un incontro sulle strategie della Formula 1 durante il Gran Premio d'Italia: sembra che alcuni team abbiano chiesto alla FIA di trovare il modo di inibire alcuni tipi di comunicazione radio perché considerate un motivo di abbandono dei fan. "Le comunicazioni radio hanno distrutto il fascino della Formula 1", è quanto apparso su Motorsport: il motivo è che i piloti vengono percepiti come burattini che si limitano a seguire le istruzioni provenienti dai box e questa è una delle cause del declino della Formula 1. C'è anche il discorso che i piloti si affidano sempre più alle informazioni provenienti dai box su come guadagnare tempo, specialmente in rapporto ai compagni di squadra. Sintomatico, in tal senso, quanto accade ai contendenti al titolo Nico Rosberg e Lewis Hamilton che costantemente ricevono informazioni dalla Mercedes. Soli e senza aiuti "Il pilota deve guidare l'auto da solo e senza aiuto", è quanto previsto dall'articolo 20.1 del Regolamento Sportivo della F1: un fondamento fornito dal regolamento su cui si basa la questione e la cui rigida applicazione viene auspicata per ridare brio alla Formula 1. Nonostante molti desidererebbero rimuovere completamente le comunicazioni radio, sembra che la direzione sarà quella di vietare comunicazioni specifiche dai box volte a migliorare le performance dei piloti. In questo modo le comunicazioni permesse sarebbero quelle inerenti alla sicurezza e alle questioni procedurali: le comunicazioni più avvincenti e popolari tra i fan continueranno senza cambiamenti.  La FIA e i team continueranno a discuterne: qualche chiarimento dovrebbe arrivare prima del GP di Singapore. 
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv