Snowboard in Trentino: Surf&Feos
Le strade più trafficate d' Europa
F1 2010 - Barcellona: Webber e Red Bull imprendibili

Spesse volte si dice che il mondiale - quello vero - cominci in Europa, subito dopo la lunga trasferta asiatica iniziale. Questo perchè molte squadre portano i primi veri aggiornamenti, alle vetture. I valori in campo quindi, vengono stabiliti a partire da Barcellona (oltretutto test-track per i team in inverno), in occasione dl primo Gran premio nel vecchio continente. Mai come quest'anno poi tale 'ipotesi' assume tinte concrete, considerando i fattori metereologici che hanno influenzato i gp di Australia, Malesia e Cina.

E se un verdetto dobbiamo comuinicare, allora possiamo dire fin da subito che la Red Bull motorizzata Renault, è sicuamente un passo avanti a tutta la concorrenza. Niente F-duct come Ferrari e McLaren, così come lo scorso anno niente Kers, ma una incredibile velocità ed un grip eccezionale. La vettura di Adrian Newey sembrerebbe la f1 perfetta, se non fosse per la sua fragilità.

E con una vettura del genere, Mark Webber ha svolto al meglio il proprio lavoro: Pole position il sabato, partenza perfetta e vittoria perentoria la domenica. L'australiano, considerato comunque il meno pericoloso nel lotto dei 'papabili al titolo', conscio anche delle voci che lo vogliono scaricato dal team il prossimo anno in favore di Kimi Raikkonen o di Felipe Massa, ha sfruttato appieno una vettura in grado di rifilare quasi un secondo a tutte le altre in qualifica.

Lo stesso invece, non si può dire di Sebastian Vettel. Il giovane tedesco ha subito, per la prima volta quest'anno, il suo team-mate. Il problema - per Vettel - non è stato tanto in qualifica (dove fu già battuto in Malesia, salvo poi vincere la corsa), quanto in gara, sia nella velocità che nella gestione. Se poi ci si mette di mezzo un inconveniente al freno anteriore sinistro, ecco completata la 'domenica terribile' di Sebastian Vettel. E fortuna ha voluto che Lewis Hamilton si sia ritirato a 2 giri dalla fine.

Parliamo quindi dell'inglese. In Spagna ha disputato una corsa fenomenale, essendo stato l'unico (insieme ad Alonso) a ceracre di tenere il passo delle Red Bull. Anzi, per il campione del mondo 2008, c'è stato anche il sorpasso ai danni di Vettel, con una manovra bella e decisa. Sarebbe stato un risultato eccezionale per il giovane Lewis. Peccato che la sospensione anteriore sinistra a 2 tornate dall'obiettivo lo abbia mollato di netto, facendolo schiantare contro le gomme. Ancora una volta quindi, un imprevisto ha bloccato il #2 di casa McLaren.

E veniamo al protagonista più atteso di Barcellona: Fernando Alonso. L'asturiano ha confermato ancora una volta che il pilota, quando vuole, può fare la differenza. La Ferrari a Barcellona ha sofferto, inutile negarlo. L'F-duct ha dato qualche vantaggio, ma la vettura è sembrata inferiore alla Red Bull e più o meno allo stesso livello della McLaren. E allora la differenza, quel quid in più, ce l'ha messo Alonso, riuscendo a portare la F10 in seconda fila (con Massa nono) e guidando sempre al limite in gara. Un quarto posto era alla sua portata tranquilla poi, complici le disavventure di Vettel e Hamilton, è arrivato un eccezionale secondo posto. Bene cosi per la Ferrari e il #8, che ha dato veramente l'impressione di metterci l'anima con una Ferrari - lo ripetiamo - senza grip (Felipe Massa ha parlato di 'macchina da rally' nelle curve lente).

E chiudiamo dando uno sguardo in casa Mercedes. Michael Schumacher, grazie anche ad una Mercedes GP profondamente mutata ne passo (e con la presa d'aria sdoppiata) è sembrato molto più a suo agio, riuscendo a contenere gli attacchi di Button e concludendo quarto,seppur staccatissimo dalla vetta. Male invece Nico Rosberg che con le nuove soluzioni proprio non si trova. Segnale inequivocabile che Ross Brawn punti più sul Kaiser che sul giovane Nico? Probabile. Nel frattempo arriva Montecarlo. Occhi puntati su questo incerto mondiale 2010, tra cordoli e muretti! Stay tuned!

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Il Museo Ferrari di Maranello si allarga e apre la mostra California Dreaming. Il Museo Ferrari ha appena inaugurato il nuovo edificio che ospita l’ufficio informazioni e l’area divertimento. Area divertimento Un’area divertimento riservata a bambini, ragazzi e, perché no, adulti che potranno cimentarsi con delle vere Formula 1 trasformate in simulatori. La mostra California Dreaming La vera novità dell’anno è la mostra dal titolo California Dreaming che sarà ospitata al Museo Maranello per tutto il 2014 e che certamente riuscirà a superare il record di 32.000 visitatori paganti, registrato nel 2013. La mostra California Dreaming, che celebra non solo il debutto della California T a Ginevra, ma anche i 60 anni di Ferrari negli USA, si sviluppa in 5 sale del Museo Ferrari. Prima sala La prima sala è collocata al pian terreno ed è dedicata alle corse e celebra in particolare la pista di Laguna Seca con la sua famosa curva soprannominata cavatappi. In mostra la 312 di Mario Andretti, la 156 con la quale Phil Hill vinse il titolo mondiale, la T4 di Gilles Villeneuve e la 375 con la quale Alberto Ascari partecipò alla 500 Miglia di Indianapolis nel 1952 e la Ferrari realizzata per l’IndyCar degli anni’80 accanto alla sua derivata Alfa Romeo con telaio Lola. Nella seconda ala della prima sala si trovano le moto Yamaha e Ducati di Valentino Rossi e Casey Stoner con le quali diedero vita ad un memorabile duello con sorpasso proprio sulla curva del cavatappi di Laguna Seca. Non manca l’angolo delle rarità come la 712 Can Am, costruita per la Nordamericana del 1971, la 333 SP e il prototipo sportivo 330P che dominò il Mondiale Marche. Seconda sala Nella seconda sala il tema è la Ferrari nel cinema con le auto protagoniste dei film hollywoodiani e gli Oscar italiani. La passeggiata continua nell’allestimento che riproduce le famose Rodeo Drive e Beverly Hills dove troneggiano la California degli anni ’50 e la nuovissima T, contornate da una delle dieci 275 GTB4 NART, venduta all’asta a 25 milioni di dollari e dalle più classiche 250 America, Spider Pininfarina e SA Aperta. Campo da golf La sala successiva è stata trasformata in un campo da golf e rappresenta Pebble beach e il suo famoso Concorso d’Eleganza. Anche in questa sala le auto sono protagoniste: la 500 Superfast, la 330 America e la 400 Superamerica. In mostra anche la Ferrari trasformata in Burano protagonista del film Destino sull’asfalto con Kirk Douglas, la Thomassina, una 250 GT ispirata alla P4 realizzata dal designer americano Tom Meade e la Testa d’oro, realizzata su telaio Testarossa da Colani. Tecnologia Nell’ultima sala si parla di tecnologia con i volanti-computer dell’era Schumacher, il cambio F1 al volante, i freni carboceramici, i motori turbo di nuova generazione e la supercar La Ferrari.
CONDIVIDI

Auto

Stefano Domenicali lascia la Ferrari. Alla fine Stefano Domenicali si è dimesso dal suo incarico da team principal di Scuderia Ferrari. Il suo posto sarà preso da Marco Mattiacci. Le parole di Stefano Domenicali "Ci sono particolari momenti nella vita professionale di ognuno di noi in cui ci vuole il coraggio di prendere decisioni difficili e anche molto sofferte. È ora di attuare un cambiamento importante. Da capo, mi assumo la responsabilità,  come ho sempre fatto, della situazione che stiamo vivendo. Si tratta di una scelta presa con la volontà di fare qualcosa per dare una scossa al nostro ambiente e per il bene di questo gruppo, a cui sono molto legato. Ringrazio di cuore tutte le donne e gli uomini della squadra, i piloti e i partner per il magnifico rapporto avuto in questi anni. A tutti auguro che presto si possa tornare ai livelli che la Ferrari merita. Infine, vorrei fare l’ultimo ringraziamento al nostro Presidente per avermi sempre sostenuto e un saluto a tutti i tifosi con il rammarico di non aver raccolto quanto duramente seminato in questi anni". Malcontento dei tifosi Ferrari Luca Montezemolo aveva già preso posizione dopo gli insuccessi della Ferrari nell'avvio del Campionato Mondiale di Formula 1 2014: è arrivato il momento di cambiare. Ma Stefano Domenicali non ha atteso e ha deciso di dimettersi anche alla luce del malcontento dei tifosi che lo ritengono la causa principale degli insuccessi della Ferrari.  
CONDIVIDI

Eventi Auto

Tutto pronto per l' Ayrton Senna Tribute 1994-2014, dall' 1 al 4 maggio all'Autodromo di Imola. Sono passati 20 anni dal tragico incidente durante il Gran Premio di San Marino nel quale Ayrton Senna perse la vita, ma non si smorza l'ammirazione e il desiderio di celebrarlo. Il Tribute 1994-2014 per Ayrton Senna, organizzato da FormulaPassion.it è ricco di eventi e di ospiti che hanno fatto la storia della Formula 1 e non solo. E per celebrare degnamente Ayrton Senna non mancheranno durante le quattro giornate  delle competizioni in diverse discipline. Partita del cuore Memorial Senna Si parte con la partita del cuore Memorial Senna alle 18.00 dell'1 maggio. In questa partita giocheranno molti dei piloti che furono presenti ad un altro speciale incontro di calcio che si disputò a Pescara nel 1992. In quella partita Ayrton Senna segnò un goal. Kart, Run e Bike Memorial Senna Il 2 maggio si aprirà con il Kart Memorial Senna. La giornata del 4 maggio vedrà atleti di due diverse discipline impegnati rispettivamente al mattino per la gara podistica di 10 km Run Memorial Senna e nel pomeriggio nella gara ciclistica di 100 km Bike Memorial Senna. Correranno alla Run Memorial Senna anche il pluricampione Venanzio Ortis e il pilota Jarno Trulli, mentre per la Bike Memorial Senna è prevista la partecipazione del mito del ciclismo Francesco Moser. Fiat Chiribiri Da segnalare l'apertura della manifestazione alle 9.00 dell' 1 maggio con una parata di auto all'interno dell'autodromo di Imola, con in testa una Fiat Chiribiri.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv