Peter Lenz – Niente polemiche, solo riflessioni
Porsche Panamera – richiamate 11.324 vetture
F1 2011 - Shanghai, Day1: Vettel imprendibile

No one can stop Vettel. Anche in Cina il campione del mondo fa il vuoto. Verrebbe da aggiungere "nel primo giorno di prove libere", ma la sensazione è che anche sul tracciato di Shanghai, per gli altri, McLaren in testa, non resterà che accontentarsi di ambire al secondo gradino del podio.

Certo, la gara è tutta un'altra cosa, ma come commentereste il risultato delle libere 1, in cui la prima monoposto non-Red Bull si becca ben 2 secondi al giro? Trattasi di Hamilton, che prende per l'esattezza, due secondi ed un decimo nelle prime prove del mattino, salvo poi riavvicinarsi nel pomeriggio, rimanendo ad un decimo dal Campione del mondo.

Qual è il risultato più veritiero? Quello mattutino o quello delle libere 2? Probabilmente una via di mezzo, ma fa comunque impressione il passo delle vetture di Adrian Newey.

I valori in campo di questo venerdi, son comunque quelli visti nelle prime due tappe del Mondiale 2011: Red Bull imprendibile (almeno con Vettel), seguita da McLaren, Renault e Ferrari in ordine sparso.

Le frecce d'argento si son mostrate come la seconda forza, con Hamilton e Button subito dietro Vettel. La Renault si appoggia sopratutto a Nick Heidfield, mentre la Ferrari sembra aver imboccato un week-end con più ombre che luci. Massa è stato il pilota con le migliori prestazioni, mentre Alonso, in mattinata si è concetrato su prove aerodinamiche (da Maranello è arrivata una nuova ala anteriore), mentre nel pomeriggio è stato vittima di problemi di natura idraulica.

Insomma, nel box di Stefano Domenicali si respira aria pesante. La 150° Italia oltre a non avere la prestazione della Red Bull (nè della McLaren) ora soffre anche di problemi di affidabilità. Vedremo domenica considerando che il grande cruccio della monoposto di Maranello è il giro secco, mentre sul passo recupera decisamente sui migliori.

Bene la Mercedes che con Nico Rosberg e Michael Schumacher, nel pomeriggio, si inseriscono in quarta e quinta piazza.

Nelle retrovie, da segnalare la buona prestazione di Vitantonio Liuzzi che, nonostante qualche problema alla sua HRT, con pochi giri sul groppone si mette dietro entrambe le Virgin nei due turni di prove.

 

FORMULA 1, Shanghai, FP1
01. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'38"739
02. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'39"354 +0"615
03. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'40"845 +2"106
04. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'40"940 +2"201
05. Nick Heidfeld - Lotus Renault - 1'40"987 +2"248
06. Felipe Massa - Ferrari - 1'41"046 +2"307
07. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - 1'41"189 +2"450
08. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - 1'41"222 +2"483
09. Vitaly Petrov - Lotus Renault - 1'41"231 +2"492
10. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - 1'41"328 +2"589
11. Nico Rosberg - Mercedes - 1'41"361 +2"622
12. Fernando Alonso - Ferrari - 1'41"434 +2"695
13. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - 1'41"494 +2"755
14. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault - 1'41"579 +2"840
15. Paul di Resta - Force India-Mercedes - 1'41"610 +2"871
16. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - 1'41"752 +3"013
17. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - 1'41"939 +3"200
18. Michael Schumacher - Mercedes - 1'42"301 +3"562
19. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'43"792 +5"053
20. Jerome D'Ambrosio - Virgin-Cosworth - 1'44"089 +5"350
21. Vitantonio Liuzzi - HRT-Cosworth - 1'44"359 +5"620
22. Timo Glock - Virgin-Cosworth - 1'44"438 +5"699
23. Luiz Razia - Team Lotus-Renault - 1'44"542 +5"803
24. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - 1'45"019 +6"280

 

FORMULA 1, Shanghai, FP2

01. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'37"688
02. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'37"854 +0"166
03. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'37"935 +0"247
04. Nico Rosberg - Mercedes - 1'37"943 +0"255
05. Michael Schumacher - Mercedes - 1'38"105 +0"417
06. Felipe Massa - Ferrari - 1'38"507 +0"819
07. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'38"735 +1"047
08. Nick Heidfeld - Lotus Renault - 1'38"805 +1"117
09. Vitaly Petrov - Lotus Renault - 1'38"859 +1"171
10. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'39"327 +1"639
11. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'39"538 +1"850
12. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - 1'39"667 +1"979
13. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"771 +2"083
14. Fernando Alonso - Ferrari - 1'39"779 +2"091
15. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"828 +2"140
16. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - 1'39"925 +2"237
17. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - 1'39"953 +2"265
18. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault - 1'40"476 +2"788
19. Jarno Trulli - Team Lotus-Renault - 1'41"482 +3"794
20. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - 1'42"902 +5"214
21. Tonio Liuzzi - HRT-Cosworth - 1'43"850 +6"162
22. Jerome D'Ambrosio - Virgin-Cosworth - 1'44"008 +6"320
23. Timo Glock - Virgin-Cosworth - 1'44"747 +7"059

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Per il campionato mondiale di Formula 1 2015 la Sauber sembra intenzionata a dare spazio a Simona de Silvestro, pilota svizzera entrata a far parte della scuderia di Hinwil all'inizio del 2014. Il profilo di Simona de Silvestro Simona de Silvestro, nata il 1 settembre del 1988, viene da Thun, Svizzera. Ha partecipato alla prima gara kart nel 1996: dopo 9 anni ha debuttato in Formula Renault e l'anno dopo negli USA in Formula BMW diventando la prima donna a salire sul podio ad Indianapolis. In tempi più recenti, ha corso per la KV Racing Technology nelle IZOD IndyCar Series. Nel corso della sua carriera, Simona de Silvestro si è guadagnata il soprannome "The Iron Maiden"; è stata anche vittima di un incidente nel 2011 che le ha provocato delle ustioni alle mani a causa dell'incendio dell'autovettura. La Sauber annuncia di averla ingaggiata nel febbraio 2014 e di aver previsto un anno di addestramento col team con l'obiettivo di iniziare a correre ufficialmente nel 2015. I test - con la Sauber 2012 - sono iniziati a Fiorano, nell'aprile 2014. Una donna per rilanciare la Formula 1 La Formula 1 non sta vivendo di certo i suoi tempi migliori: troppe regole e troppa tecnologia sembrano aver portato via l'agonismo e le emozioni da cardiopalmo che questo sport aveva sempre regalato ai suoi numerosi proseliti. Le critiche a questo sport sono aumentate in modo esponenziale e sono in molti a ritenere che la bravura del pilota sia ormai quasi ininfluente. Sembra, pertanto, che un eventuale sedile assegnato a Simona de Silvestro sia visto con grande favore dai vari sponsor e da coloro i quali curano le immagini dei brand e gli aspetti economici della competizione: una novità che potrebbe allargare il pubblico - composto prevalentemente da uomini - e portare un po' di nuova attenzione sulla Formula 1. Simona de Silvestro dovrà dimostrare in pista il proprio talento e la propria idoneità a sedere su una monoposto di F1 se vuole evitare facili luoghi comuni sull'inadeguatezza del gentil sesso agli sport motoristici. Ma anche se non dovesse riuscirci, ciò non sarà sufficiente a spostare l'attenzione dalla noiosità della Formula 1 che per alcuni è diventata "uno sport per femminucce". E di certo non per la presenza di una donna al volante.
CONDIVIDI

Auto

Già avevamo parlato del furto di dati dalla cartella clinica di Schumacher. Purtroppo la faccenda ha assunto un risvolto funesto a causa del suicidio dell'unico sospettato. Fino al suicidio le indagini erano state condotte con massimo riserbo. Il furto dei dati di Michael Schumacher Sono emersi ulteriori particolari sul furto di dati: il sospettato era un dirigente della Rega, società svizzera di soccorso aereo responsabile del trasferimento di Schumacher da Grenoble a Losanna. Sembra che sia stata proprio quella l'occasione in cui il ladro ha approfittato della confusione per rubare alcune informazioni dalla cartella clinica del pilota tedesco e tentare di rivenderle alla stampa internazionale. Con il nickname Kagemusha il ladro ha proposto la vendita di tali dati ad una cifra di poco inferiore ai 50 mila euro. Il mistero di Zurigo Il nome del sospettato non è stato reso noto, così come era rimasto segreto il suo arresto di martedì a Zurigo fino all'annuncio ufficiale di stamattina del suicidio. L'annuncio rivela ben poco dell'accaduto: è noto soltanto che il sospettato del furto della cartella clinica di Schumacher si è impiccato in cella e che nell'interrogatorio aveva respinto le accuse. Sembra che il dirigente della Rega sia stato individuato tramite delle analisi informatiche che avrebbero permesso di identificare il PC da cui sono partite le comunicazioni per tentare di vendere i preziosi dati riservati di Schumacher, risultando proprio un computer della Rega. La società svizzera si è tutelata con una denuncia verso ignoti e il sospettato impiccatosi in cella gode ancora della presunzione di innocenza: il suicidio non equivale ad un'ammissione di colpa e dovrà passare altro tempo prima che tutti gli aspetti diventino chiari e che venga identificato il colpevole. La procura, tuttavia, ha aggiunto alle proprie dichiarazioni che non ci sono altri sospettati, per cui il caso potrebbe essere chiuso.
CONDIVIDI

Auto

Il 1 agosto del 1976 Niki Lauda restò coinvolto nel gravissimo incidente che gli sfigurò il volto al Gran Premio di Germania presso il Nürburgring Nordschleife. Niki Lauda domina il campionato di Formula 1  del 1975 Il pilota austriaco aveva dominato il campionato del 1975 chiudendo il campionato piloti con 64,5 punti, quasi 20 in più del secondo classificato, Emerson Fittipaldi, che ne aveva collezionati 45. Terzo Carlos Reutemann con 37 e soltanto quarto James Hunt con la Hesketh a quota 33 punti. Campionato 1976 L'anno seguente James Hunt passa alla McLaren e ottiene due pole position nei primi due Gran Premi (in Brasile e Sud Africa) ma è Lauda "il computer" a vincere entrambi i Gran Premi. Prosegue con due secondi posti e altre 2 vittorie che sembrano ipotecare la vittoria finale. Vince anche il Gran Premio di Gran Bretagna, presentandosi alla tappa successiva in Germania con 5 vittorie, 2 secondi posti, un terzo posto e un ritiro. Gran Premio di Germania del 1976 Il primo agosto del 1976 era la volta del pericolosissimo Nürburgring Nordschleife per il GP di Germania: si tratta dell'ultimo GP di Formula 1 che si è corso su quel circuito. Niki Lauda, che aveva avuto problemi di sovrasterzo, partiva secondo; in pole c'era James Hunt che aveva fatto registrare un tempo di 7'06"5. Alla partenza, tuttavia, il comando fu preso da Regazzoni, compagno di squadra alla Ferrari di Lauda, che effettuò un'ottima partenza dalla sua quinta posizione - a differenza di Lauda che si trovò ottavo -.  Nel corso del primo giro, Regazzoni andò in testacoda e ne approfittò Ronnie Peterson che, pur partendo undicesimo, riuscì ad arrivare in testa. Non pioveva e la pista iniziava ad asciugarsi, così la maggior parte dei piloti decise di passare alle gomme slick, Lauda compreso. L'incidente di Lauda al secondo giro Con le gomme da asciutto, Lauda sbandò in una curva al Bergwerk, probabilmente per aver sfiorato il cordolo. La macchina andò in leggero sovrasterzo verso l'interno della curva per poi scartare con decisione dal lato opposto: all'esterno della curva il tracciato era delimitato da un rialzo montuoso per cui erano presenti delle rocce. La monoposto di Lauda si schiantò con violenza verso le rocce per poi tornare in pista ruotando vorticosamente avvolta dalle fiamme (ci fu una fuoriuscita di benzina). Come se ciò non bastasse, dopo essere stata evitata da Guy Edwards, la Ferrari di Lauda fu colpita da due vetture che sopraggiungevano: quella di Harald Ertl e quella di Brett Lunger. Ciò causò lo svenimento di Lauda che perse anche il casco; i tre piloti tentarono di soccorrere l'austriaco. Anche Arturo Merzario si fermò per aiutare il ferrarista: Niki fu estratto, proprio da Merzario, dal veicolo ancora in fiamme; le sue condizioni erano gravissime, con ferite ed ustioni terribili e soprattutto un avvelenamento dovuto ai fumi rilasciati dalla benzina in fiamme. La gara venne interrotta ma ripartì alle 16 e si concluse con la vittoria di Hunt. Dopo aver combattuto tra la vita e la morte, il 5 agosto Lauda fu dichiarato fuori pericolo e dopo soli 42 giorni decise di tornare sulla sua monoposto per il Gran Premio d'Italia. Lauda aveva ancora il volto pieno di ferite, molte delle quali sanguinavano sfregando contro il casco; aveva, inoltre, una percezione visiva distorta a causa delle palpebre non ancora perfettamente ristabilite. Nonostante questo, Niki Lauda ottenne un quinto posto nelle qualifiche e concluse la gara piazzandosi quarto. L'incidente del 76 sfigurò per sempre il volto di Lauda e allo stesso modo segnò i cuori di tutti gli appassionati di Formula 1, lasciando in essi il ricordo di emozioni irripetibili.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv