Peter Lenz – Niente polemiche, solo riflessioni
Porsche Panamera – richiamate 11.324 vetture
F1 2011 - Shanghai, Day1: Vettel imprendibile

No one can stop Vettel. Anche in Cina il campione del mondo fa il vuoto. Verrebbe da aggiungere "nel primo giorno di prove libere", ma la sensazione è che anche sul tracciato di Shanghai, per gli altri, McLaren in testa, non resterà che accontentarsi di ambire al secondo gradino del podio.

Certo, la gara è tutta un'altra cosa, ma come commentereste il risultato delle libere 1, in cui la prima monoposto non-Red Bull si becca ben 2 secondi al giro? Trattasi di Hamilton, che prende per l'esattezza, due secondi ed un decimo nelle prime prove del mattino, salvo poi riavvicinarsi nel pomeriggio, rimanendo ad un decimo dal Campione del mondo.

Qual è il risultato più veritiero? Quello mattutino o quello delle libere 2? Probabilmente una via di mezzo, ma fa comunque impressione il passo delle vetture di Adrian Newey.

I valori in campo di questo venerdi, son comunque quelli visti nelle prime due tappe del Mondiale 2011: Red Bull imprendibile (almeno con Vettel), seguita da McLaren, Renault e Ferrari in ordine sparso.

Le frecce d'argento si son mostrate come la seconda forza, con Hamilton e Button subito dietro Vettel. La Renault si appoggia sopratutto a Nick Heidfield, mentre la Ferrari sembra aver imboccato un week-end con più ombre che luci. Massa è stato il pilota con le migliori prestazioni, mentre Alonso, in mattinata si è concetrato su prove aerodinamiche (da Maranello è arrivata una nuova ala anteriore), mentre nel pomeriggio è stato vittima di problemi di natura idraulica.

Insomma, nel box di Stefano Domenicali si respira aria pesante. La 150° Italia oltre a non avere la prestazione della Red Bull (nè della McLaren) ora soffre anche di problemi di affidabilità. Vedremo domenica considerando che il grande cruccio della monoposto di Maranello è il giro secco, mentre sul passo recupera decisamente sui migliori.

Bene la Mercedes che con Nico Rosberg e Michael Schumacher, nel pomeriggio, si inseriscono in quarta e quinta piazza.

Nelle retrovie, da segnalare la buona prestazione di Vitantonio Liuzzi che, nonostante qualche problema alla sua HRT, con pochi giri sul groppone si mette dietro entrambe le Virgin nei due turni di prove.

 

FORMULA 1, Shanghai, FP1
01. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'38"739
02. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'39"354 +0"615
03. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'40"845 +2"106
04. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'40"940 +2"201
05. Nick Heidfeld - Lotus Renault - 1'40"987 +2"248
06. Felipe Massa - Ferrari - 1'41"046 +2"307
07. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - 1'41"189 +2"450
08. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - 1'41"222 +2"483
09. Vitaly Petrov - Lotus Renault - 1'41"231 +2"492
10. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - 1'41"328 +2"589
11. Nico Rosberg - Mercedes - 1'41"361 +2"622
12. Fernando Alonso - Ferrari - 1'41"434 +2"695
13. Nico Hulkenberg - Force India-Mercedes - 1'41"494 +2"755
14. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault - 1'41"579 +2"840
15. Paul di Resta - Force India-Mercedes - 1'41"610 +2"871
16. Daniel Ricciardo - Toro Rosso-Ferrari - 1'41"752 +3"013
17. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - 1'41"939 +3"200
18. Michael Schumacher - Mercedes - 1'42"301 +3"562
19. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'43"792 +5"053
20. Jerome D'Ambrosio - Virgin-Cosworth - 1'44"089 +5"350
21. Vitantonio Liuzzi - HRT-Cosworth - 1'44"359 +5"620
22. Timo Glock - Virgin-Cosworth - 1'44"438 +5"699
23. Luiz Razia - Team Lotus-Renault - 1'44"542 +5"803
24. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - 1'45"019 +6"280

 

FORMULA 1, Shanghai, FP2

01. Sebastian Vettel - Red Bull-Renault - 1'37"688
02. Lewis Hamilton - McLaren-Mercedes - 1'37"854 +0"166
03. Jenson Button - McLaren-Mercedes - 1'37"935 +0"247
04. Nico Rosberg - Mercedes - 1'37"943 +0"255
05. Michael Schumacher - Mercedes - 1'38"105 +0"417
06. Felipe Massa - Ferrari - 1'38"507 +0"819
07. Adrian Sutil - Force India-Mercedes - 1'38"735 +1"047
08. Nick Heidfeld - Lotus Renault - 1'38"805 +1"117
09. Vitaly Petrov - Lotus Renault - 1'38"859 +1"171
10. Mark Webber - Red Bull-Renault - 1'39"327 +1"639
11. Kamui Kobayashi - Sauber-Ferrari - 1'39"538 +1"850
12. Pastor Maldonado - Williams-Cosworth - 1'39"667 +1"979
13. Sebastien Buemi - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"771 +2"083
14. Fernando Alonso - Ferrari - 1'39"779 +2"091
15. Jaime Alguersuari - Toro Rosso-Ferrari - 1'39"828 +2"140
16. Rubens Barrichello - Williams-Cosworth - 1'39"925 +2"237
17. Sergio Perez - Sauber-Ferrari - 1'39"953 +2"265
18. Heikki Kovalainen - Team Lotus-Renault - 1'40"476 +2"788
19. Jarno Trulli - Team Lotus-Renault - 1'41"482 +3"794
20. Narain Karthikeyan - HRT-Cosworth - 1'42"902 +5"214
21. Tonio Liuzzi - HRT-Cosworth - 1'43"850 +6"162
22. Jerome D'Ambrosio - Virgin-Cosworth - 1'44"008 +6"320
23. Timo Glock - Virgin-Cosworth - 1'44"747 +7"059

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Lo sport di punta dei motori continua a perdere proseliti: le richieste e le idee degli addetti ai lavori e delle scuderie vengono valutate dalla FIA sempre più nell'ottica di ridare spettacolarità alla Formula 1 per renderla appassionante come un tempo. Frenare i team radio La proposta parte dai boss della Formula 1: dare una frenata alle comunicazioni radio dei team potrebbe essere una delle iniziative per rendere lo sport nuovamente impegnativo per i piloti. La notizia arriva da Londra - apparsa sul sito di Autosport - e segue le discussioni avvenute ad un incontro sulle strategie della Formula 1 durante il Gran Premio d'Italia: sembra che alcuni team abbiano chiesto alla FIA di trovare il modo di inibire alcuni tipi di comunicazione radio perché considerate un motivo di abbandono dei fan. "Le comunicazioni radio hanno distrutto il fascino della Formula 1", è quanto apparso su Motorsport: il motivo è che i piloti vengono percepiti come burattini che si limitano a seguire le istruzioni provenienti dai box e questa è una delle cause del declino della Formula 1. C'è anche il discorso che i piloti si affidano sempre più alle informazioni provenienti dai box su come guadagnare tempo, specialmente in rapporto ai compagni di squadra. Sintomatico, in tal senso, quanto accade ai contendenti al titolo Nico Rosberg e Lewis Hamilton che costantemente ricevono informazioni dalla Mercedes. Soli e senza aiuti "Il pilota deve guidare l'auto da solo e senza aiuto", è quanto previsto dall'articolo 20.1 del Regolamento Sportivo della F1: un fondamento fornito dal regolamento su cui si basa la questione e la cui rigida applicazione viene auspicata per ridare brio alla Formula 1. Nonostante molti desidererebbero rimuovere completamente le comunicazioni radio, sembra che la direzione sarà quella di vietare comunicazioni specifiche dai box volte a migliorare le performance dei piloti. In questo modo le comunicazioni permesse sarebbero quelle inerenti alla sicurezza e alle questioni procedurali: le comunicazioni più avvincenti e popolari tra i fan continueranno senza cambiamenti.  La FIA e i team continueranno a discuterne: qualche chiarimento dovrebbe arrivare prima del GP di Singapore. 
CONDIVIDI

Auto

Secondo il magazine tedesco "Bunte", che avrebbe avuto l'indiscrezione direttamente dalla clinica di Losanna, Schumi potrebbe essere dimesso entro Natale. Schumacher: cresce l'ottimismo Finalmente una notizia incoraggiante per il pilota tedesco, le cui condizioni restano gravi: i danni subiti hanno compromesso il linguaggio (Michael, attualmente, comunica solo con il movimento degli occhi), la memoria e i movimenti. L'incidente sciistico di Schumi del 29 dicembre 2013 non gli ha risparmiato rogne e polemiche: emblematiche la faccenda del furto della cartella clinica e del suicidio del presunto ladro. Qualora l'indiscrezione del magazine tedesco si tramutasse in realtà, Michael Schumacher trascorrerebbe il Natale a casa dopo circa un anno di ospedale. Un eventuale ritorno a casa non implica che l'ex pilota Ferrari avrà recuperato dai danni subiti: purtroppo non esistono previsioni sull'auspicabile - ma non scontato - recupero delle funzioni motorie, mnestiche e linguistiche del sette volte campione di Formula 1 tedesco. Non resta che augurargli un grande in bocca al lupo!
CONDIVIDI

Auto

Per il campionato mondiale di Formula 1 2015 la Sauber sembra intenzionata a dare spazio a Simona de Silvestro, pilota svizzera entrata a far parte della scuderia di Hinwil all'inizio del 2014. Il profilo di Simona de Silvestro Simona de Silvestro, nata il 1 settembre del 1988, viene da Thun, Svizzera. Ha partecipato alla prima gara kart nel 1996: dopo 9 anni ha debuttato in Formula Renault e l'anno dopo negli USA in Formula BMW diventando la prima donna a salire sul podio ad Indianapolis. In tempi più recenti, ha corso per la KV Racing Technology nelle IZOD IndyCar Series. Nel corso della sua carriera, Simona de Silvestro si è guadagnata il soprannome "The Iron Maiden"; è stata anche vittima di un incidente nel 2011 che le ha provocato delle ustioni alle mani a causa dell'incendio dell'autovettura. La Sauber annuncia di averla ingaggiata nel febbraio 2014 e di aver previsto un anno di addestramento col team con l'obiettivo di iniziare a correre ufficialmente nel 2015. I test - con la Sauber 2012 - sono iniziati a Fiorano, nell'aprile 2014. Una donna per rilanciare la Formula 1 La Formula 1 non sta vivendo di certo i suoi tempi migliori: troppe regole e troppa tecnologia sembrano aver portato via l'agonismo e le emozioni da cardiopalmo che questo sport aveva sempre regalato ai suoi numerosi proseliti. Le critiche a questo sport sono aumentate in modo esponenziale e sono in molti a ritenere che la bravura del pilota sia ormai quasi ininfluente. Sembra, pertanto, che un eventuale sedile assegnato a Simona de Silvestro sia visto con grande favore dai vari sponsor e da coloro i quali curano le immagini dei brand e gli aspetti economici della competizione: una novità che potrebbe allargare il pubblico - composto prevalentemente da uomini - e portare un po' di nuova attenzione sulla Formula 1. Simona de Silvestro dovrà dimostrare in pista il proprio talento e la propria idoneità a sedere su una monoposto di F1 se vuole evitare facili luoghi comuni sull'inadeguatezza del gentil sesso agli sport motoristici. Ma anche se non dovesse riuscirci, ciò non sarà sufficiente a spostare l'attenzione dalla noiosità della Formula 1 che per alcuni è diventata "uno sport per femminucce". E di certo non per la presenza di una donna al volante.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv