SBK: Donington da ricordare per Melandri
Honda Ev-Neo: l'elettrico in anteprima in Europa!
Gomme termiche o catene da neve?

Arrivano gelo e grandi nevicate.

Se non potete proprio restare a casa e siete costretti a mettervi in macchina, ecco alcuni consigli per voi.

Gomme termiche o catene da neve?

Le ultime disposizioni contenute nel Codice della strada, non fanno differenza tra gomme termiche o catene da neve.

Le gomme termiche di ultima generazione garantiscono una perfetta aderenza anche a bassa temperatura su neve e fango. Inoltre ci permettono una mobilità superiore rispetto alle catene da neve.

Ma fate attenzione! A temperature elevate e in assenza di neve, le gomme termiche si usurano più rapidamente. Inoltre in presenza del solo ghiaccio le gomme termiche non sono sicure al cento per cento. Dovrete ricorrere anche voi alle catene.

Catene da neve

E passiamo alle catene da neve, spauracchio per tutti gli automobilisti. Ma la difficoltà nel montare le catene da neve è più una leggenda popolare che la verità.

Le catene di ultima generazione non hanno nulla a che fare con quelle di qualche anno fa. Con un po’ di accortezza, impiegherete meno di un minuto per ogni pneumatico.

Ma facciamo un passo indietro. Prima di acquistare le catene da neve, date un’occhiata al libretto della vostra auto e prendete bene le misure degli pneumatici. Per alcuni modelli di auto infatti le catene da neve di tipo standard non vanno bene.

Per quelle con cerchi molto grandi, le catene potrebbero toccare parti meccaniche come sospensioni o anche la carrozzeria.  Per queste auto potrebbe essere necessario utilizzare altri dispositivi, ad esempio i ragni.

Potete trovare catene con maglia a rombo, che oltre ad offrire la migliore tenuta di strada, sono anche facilissime da montare. Meno costose e allo stesso modo semplici da montare sono le catene con maglia a Y, che però hanno una tenuta inferiore.

Montaggio catene

Una volta che avrete acquistato le vostre catene da neve, potete cominciare con il montaggio.

Sarebbe utile esercitarsi nel garage di casa, per essere pronti nel momento in cui si verificherà l’emergenza.

Normalmente avrete 2 catene da neve, nel caso la vostra auto fosse a trazione integrale, è necessario applicare 4 catene.

Ricordate poi che le catene vanno montate sulle due ruote motrici, quindi sulle anteriori, se la vostra auto è a trazione anteriore e su quelle posteriori se invece la trazione è posteriore.

Aprite la confezione, estraete le catene e naturalmente il libretto d’istruzioni. Ogni costruttore ormai allega alle catene la spiegazione passo passo con l’ausilio di fotografie sul montaggio.

Indossate dei guanti, farà sicuramente molto freddo, e …cominciate!

Per prima cosa fate passare un capo del cavo dietro la ruota lasciando così le due estremità verso l’esterno.

Sollevate la catena fino ad agganciare il cavo e fatelo scorrere sul retro.

Infine fissate tutti gli altri ganci.

Più facile a dirsi che a farsi.

Ricordate sempre che è molto pericoloso viaggiare con neve e ghiaccio senza gli adeguati supporti.

Sanzioni

Se proprio non siete convinti, guardate al vostro portafoglio. Se fermati dalle autorità senza gomme o catene da neve, sarete soggetti ad una sanzione che va dagli 80,00 ai 318,00 euro!
E non finisce qui: c'è anche la decurtazione di 3 punti dalla patente, se si persiste nel guidare dopo la contravvenzione. In alcuni casi le forze dell'ordine potrebbero anche contestare la guida pericolosa, con un aggravio ulteriore di 39,00 euro di multa e la decurtazione di altri 2 punti dalla patente.

Ricordate che dal 15 novembre al 15 aprile nella gran parte delle autostrade e strade statali italiane c'è l'obbligo di catene a bordo o di viaggiare con le gomme termiche.

Fate attenzione e viaggiate sicuri.

Per conoscere tutte le autostrade con obbligo di transito con catene a bordo, clicca qui

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Accessori Auto

Carsh sta per Car-Sharing: si tratta di un'app che promette di far risparmiare ancora più tempo e denaro dai servizi di car sharing. Quest'app, infatti, permetterà di geolocalizzare tutti i veicoli di sharing - car sharing, bike sharing e moto sharing - disponibili di gran parte degli operatori con confronto delle tariffe. Tutto in tempo reale. Come funziona Carsh? Il funzionamento di Carsh è semplice: utilizza l'antenna gps del nostro cellulare per geolocalizzarci e le antenne gps integrate nelle auto del car sharing per mostrarle sulla mappa. I dati vengono direttamente dai servizi di car sharing e dai loro siti: in questo modo potremo conoscere tutte le informazioni aggiornate in tempo reale sui mezzi di car sharing, bike sharing e scooter sharing disponibili intorno a noi e comparare i prezzi di ciascuno di essi. Carsh sarà completamente gratuita e verrà lanciata il 22 settembre 2014 come perfetta conclusione della "settimana europea della mobilità sostenibile 2014". L'app arriva in un momento molto promettente per i suoi sviluppatori e non solo perché l'utilizzo di app per l'auto sta crescendo esponenzialmente. Grazie alla crisi economica le persone cercano di risparmiare sempre più: il car sharing ha già numeri importanti ma è destinato a crescere. Attualmente, in Italia, più di 220 mila persone si sono iscritte a servizi di car sharing e siamo fiduciosi che questo aggregatore - Carsh - spopolerà sia su dispositivi Apple che su Android (sarà, infatti, lanciato su entrambi i market: Apple store e Google Play store). Queste cifre sono emerse dalla "settimana europea della mobilità sostenibile", insieme ad altri dati interessanti: circa tremila auto in undici città italiane, con una presenza più massiccia a Milano e Roma, mentre in Europa gli iscritti sono oltre 500 mila, con oltre 13 mila vetture. Nel mondo si stima che, entro il 2020, ci saranno 12 milioni di utenti, per un giro d'affari di 6,2 miliardi di euro. La ciliegina sulla torta di Carsh è che sarà persino possibile prenotare l'auto scelta direttamente dall'interno dell'app; un modo per ottenere tutto e subito: miglior prezzo, vicinanza e prenotazione. Nel frattempo a Milano si prepara il servizio di moto sharing. A Roma, invece, il car sharing ha creato disagi: sono state infatti danneggiate numerose auto di car sharing.
CONDIVIDI

Accessori Auto

I sistemi di controllo sulle strade italiane aumentano continuamente e l'attenzione dell'automobilista a segnalazioni e cartelli autostradali è messa a dura prova. Un dispositivo che sta ottenendo un forte successo e che potrà aiutare l'automobilista a districarsi nella guida è Il Coyote: autovelox, tutor, t-red, vergilius, ztl (zone a traffico limitato) e tanto altro non saranno più un'insidia. Cos'è e come funziona [caption id="attachment_15696" align="aligncenter" width="500"] Ecco Il Coyote, il dispositivo che segnala limiti di velocità, autovelox, tutor, vergilius, telecamere semaforiche ecc.[/caption] Per chi non ne avesse mai sentito parlare, vediamo cos'è Il Coyote: si tratta di un dispositivo simile ad un navigatore satellitare che permette di guidare in sicurezza e responsabilmente ottenendo informazioni sempre aggiornate sulle condizioni del traffico e sulle zone a traffico limitato, nonché riducendo il rischio infrazioni grazie alla segnalazione del limite di velocità e della presenza di autovelox fissi o mobili, di Tutor che calcolano la velocità media, del sistema Vergilius - che si sta sempre più diffondendo in Italia - e delle telecamere semaforiche T-Red. È dotato di display antiriflesso da 3.2" rigorosamente touch screen. Molti si chiederanno: ma è affidabile? Per rispondere, vediamo come funziona Il Coyote. Innanzitutto, come nei classici navigatori, sono presenti delle mappe che contengono le informazioni fisse, cioè quelle già note e aggiornate dall'azienda francese che produce il dispositivo. All'accensione, però, Il Coyote si connette ai server e scarica tutte le informazioni aggiornate. Inoltre, il dispositivo ha anche delle funzioni social che consentono agli utilizzatori di fornire informazioni sempre aggiornate all'intera comunità (che conta oltre 3 milioni di utilizzatori): con questo sistema Il Coyote segnalerà anche autovelox mobili e traffico congestionato. Le segnalazioni possono anche avere un peso diverso a seconda del "livello" che Il Coyote assegna ad un utente: un modo per valutare l'attendibilità di una segnalazione. È persino possibile conoscere quanti utenti hanno percorso la strada su cui ci troviamo (naturalmente tutto in modo anonimo). Non mancano i comandi vocali e la connessione bluetooth ad auricolari (che rende utilizzabile Il Coyote anche dai motociclisti). È tutto? No! Il Coyote ha anche un'innovativa funzione di prevenzione dei colpi di sonno: analizzando il nostro stile di guida (come i cambiamenti di velocità e direzione, l'ora e la durata del viaggio) il sistema è in grado di valutare il rischio di un colpo di sonno e consigliarci una sosta. Sul sito ufficiale Coyote sono disponibili anche altri prodotti, fra cui le app per smartphone Apple, Android e Windows Phone.
CONDIVIDI

Accessori Auto

Le app più utili per interagire con l'auto, consigliate da Nuvolari L'utilizzo di smartphone e tablet - e delle cosiddette app - è in continuo aumento: la tecnologia si integra sempre più nelle nostre esistenze modificando ogni aspetto della vita quotidiana, dalla localizzazione all'accesso alle informazioni, dalla reperibilità alla condivisione di contenuti. In questo contesto, non potevano mancare decine e decine di app dedicate all'automobile: Nuvolari ha selezionato per voi le più utili. Non vi resta che scoprire quali sono le migliori app per l'auto e provarle! App per ritrovare la macchina Per alcuni non c'è solo il problema di trovare parcheggio, ma anche di ritrovare l'auto parcheggiata. Per entrambi i problemi, esistono - manco a dirlo - delle app che vi permetteranno di risolverli. Parkopedia Parcheggi (per iPhone, Android e Windows Phone) è una delle app più famose per la ricerca di parcheggi: l'app nasce con lo scopo di "mappare e classificare ogni posto auto nel mondo" e conta, ad oggi, oltre 30 milioni di posti auto in 45 paesi in tutto il mondo. Basta cercare i parcheggi più vicini, verificare orari di apertura, disponibilità di posti in tempo reale e prezzi e, infine, chiedere all'app di portarvi sin lì. Anche per ritrovare l'auto esistono decine di app: Augmented Car Finder (per iPhone) e Car Finder della Ulisse srl (per Android), ad esempio, memorizzano la posizione dell'auto. La prima fa parte delle app che utilizzano il GPS per far ciò: quando parcheggiamo l'auto, basterà dirlo all'app che memorizzerà la posizione e ci aiuterà a ritrovarla mostrandola sulla mappa o indicandoci la direzione con una freccia. La seconda, gratis e senza pubblicità, funziona invece utilizzando in sinergia GPS e bluetooth (se l'auto ne è provvista): tenendo lo smartphone in collegamento bluetooth con l'auto, l'app capirà quando l'avremo parcheggiata (spegnendo l'auto si spegne il bluetooth) e in tal modo ne memorizzerà la posizione. Potremo inoltre condividere la posizione con altre persone che utilizzano l'auto. App auto usate Sono disponibili su Google Play Store ed Apple App Store le app per utilizzare i migliori servizi di compravendita di automobili usate: AutoScout24, automobile.it, Subito.it, Kijiji ecc. La maggior parte di queste applicazioni offre servizi di ricerca avanzati, di filtering dei risultati e di localizzazione interattiva, oltre alla possibilità di contattare direttamente il venditore, magari telefonandogli: in fondo lo smartphone è pur sempre un telefono. e-Statement: app per constatazione amichevole Grazie a un'applicazione sarà possibile compilare la constatazione amichevole sul nostro device: realizzata dalla Euresa e disponibile in nove paesi dell'Unione Europea, fra cui l'Italia, e-Statement consentirà di digitalizzare e semplificare le procedure successive a un incidente. Sarà sufficiente scaricare l'app, installarla e compilare preventivamente alcuni dati (alcuni dati personali e identificativi tra cui il numero della patente e della polizza). L'app resterà sul nostro smartphone e potremo usarla in caso di incidente: l'utilizzatore verrà guidato passo passo nella compilazione direttamente sul telefono. Oltre alla comodità della digitalizzazione, l'app è anche fornita di funzioni cartografiche per disegnare l'incidente e dà la possibilità di utilizzare la fotocamera del dispositivo per integrare delle fotografie alla pratica. Tutto il materiale, al termine della procedura, verrà inviato tramite la connessione internet  alla propria compagnia di assicurazione e, in copia, alla propria casella di posta elettronica. Vuoi scaricare e-statement, l'app per la constatazione amichevole? Bisognerà aspettare: attualmente è disponibile una versione beta per le sole compagnie di assicurazione, gli utenti dovranno aspettare l'uscita ufficiale dell'app per la constatazione amichevole nel 2015 in Francia (per iOS e Android) e in Italia (per iOS, Android, BlackBerry e Windows Phone), e poi a seguire anche in altri paesi europei. App per la gestione dei costi dell'auto Si chiama "Veicoli - Gestione auto e moto" ed è un'app disponibile per Android che consente di gestire tutti i costi dei propri veicoli e tenerne traccia. In particolare, per ogni veicolo in nostro possesso, l'app permette di inserire una foto del veicolo e di gestire costi e scadenze di bollo, assicurazione e revisione, oltre a tracciare le spese relative al carburante. Potete scaricarla dal Google Play Store CLICCANDO QUI. Per Apple potreste provare Road Trip che, analogamente all'app per il sistema Google, consente di tracciare i costi dell'auto, fra cui anche i consumi di carburante dell'auto su base giornaliera o al chilometro e l'usura delle gomme, oltre a statistiche, grafici e promemoria per le scadenze di manutenzione. In tempi di crisi, segnaliamo anche Prezzi Benzina, l'app gratuita che segnala i distributori di benzina più vicini con i relativi prezzi. Disponibile per gli O.S. Android ed Apple e per gli smartphone Nokia, l'app è sempre aggiornata grazie alla logica 2.0: sono gli utenti stessi che segnalano prezzi e caratteristiche dei distributori per qualsiasi tipo di carburante (benzina, diesel, Gpl e metano). Se avete un'auto elettrica niente paura: c'è l'app di Enel Drive. Altre interessanti app per l'auto Naturalmente sarebbe impossibile elencare tutte le app utili, come l'immancabile Google Maps (che da quando ha acquisito Waze è in grado di fornire anche informazioni in tempo reale sul traffico). Vi piace ascoltare musica mentre siete alla guida? Potreste provare Play the Road, l'app sviluppata per Volkswagen, che imposta la musica in base al vostro stile di guida. Se siete tra quelli che guardano con sospetto le funzionalità del Telepass, temendo addebiti errati, potreste provare l'app Telepass dove visualizzare tutti i dati relativi al vostro utilizzo. E ancora, spaventati da Tutor e Autovelox? Molti navigatori offrono l'integrazione di segnalatori per questi dispositivi, inseriti nelle mappe come POI (point of interest), così da poter viaggiare tranquilli fino all'avviso del nostro navigatore su smartphone. Non mancano sull'argomento delle app dedicate appositamente agli autovelox: Autovelox! (per iPhone e Android), Autovelox Italia - CamSam (per iPhone, Android e Windows Mobile), Radardroid (Android),  iCoyote Europe (iPhone e, recentemente, anche Android). Per i possessori di iPhone 5, c'è da provare CarPlay: l'app che porta le principali funzionalità del telefono direttamente sul display dell'auto; è utilizzabile con la voce tramite Siri, il dispositivo vocale di Apple, oppure con i comandi che controllano normalmente il display dell'auto. Bisogna avere un'auto recente - e solo di alcune marche, come Ferrari, Volvo e Mercedes - oltre all'iPhone 5; se avete Android ed Audi, potete provare Audi Smart Display, che dovrebbe uscire a breve. Non potevano mancare, su Nuvolari, le app per le prestazioni del veicolo: velocità massima e media, distanza percorsa, grafici, notifiche per il superamento dei limiti di velocità sono solo alcune delle funzioni di SpeedView, un tachimetro digitale che funziona con il gps integrato nello smartphone. Per chi vuole ancora più parametri, magari provando l'auto in pista, è consigliata l'app per iPhone Dynolicious: accelerazione da zero a cento, cavalli, forza di gravità sui lati e sui freni possono essere testati e memorizzati, così da analizzare anche l'usura del veicolo nel tempo. In questo caleidoscopio di applicazioni, va ricordato che utilizzare il telefono mentre si è alla guida è molto pericoloso. Per coloro i quali non possono fare a meno di utilizzare lo smartphone anche in auto, è possibile scaricare app quali iCarConnect o Ultimate Car Dock, che riassumono le funzioni più importanti del telefono con scritte chiare ed enormi e il massimo dell'intuitività, con orario e batteria rimanente ben visibili, controlli vocali e widget (sempre giganti) personalizzabili e tanto altro ancora.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

LT MULTIMEDIA SPA - PI 11631451009