Parapendio in Italia, 5 luoghi dove volare
F1 2011 – Shanghai: Vettel fa tre su tre
Il trailer del documentario su Ayrton Senna

Su Youtube è arrivato il trailer del documentario sulla vita di Ayrton Senna che dovrebbe uscire in autunno nelle sale cinematografiche. Un tributo intenso per un pilota divenuto leggenda.

Il film, per quanto si è potuto assistere dal trailer (giapponese), ripercorre la carriera dell'asso brasiliano, attraverso spezzoni reali, fino al tragico incidente del primo maggio 1994 sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Di seguito quindi, ecco il trailer del film-documentario




Ayrton Senna - In ricordo di una Leggenda

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Durante le vacanze estive l'automobile viene sottoposta a enorme stress: bagagli ad incastro stile "tetris", distanze da percorrere spesso non irrisorie, traffico congestionato sotto il sole cocente (specialmente se dovrete attraversare la Salerno-Reggio Calabria), aria condizionata e musica a palla. E non è solo questione di multe, il rischio è veder realizzato il vostro peggior incubo: restare in panne in una zona sconosciuta, lontana dai meccanici e con un caldo record. Vediamo quali accorgimenti prendere prima di partire per le vacanze estive. 1. Non si sa mai, in caso di necessità... Verificate di avere in auto il triangolo d'emergenza e il giubbotto (o le bretelle) riflettenti: grazie alla nostra guida potreste non averne bisogno, ma si tratta comunque di elementi necessari. Il triangolo è obbligatorio, mentre il giubbotto va indossato quando si esce dal veicolo per sistemare il triangolo o comunque se l'automobile è ferma sulla corsia d'emergenza. Consiglio: tenete il giubbotto nell'abitacolo per poterlo indossare prima di uscire dal veicolo e ricordate che l'obbligo riguarda anche i passeggeri. Naturalmente anche ruotino di scorta e kit per la sostituzione non devono mancare; per non farvi mancare nulla citiamo la chiave per i bulloni delle ruote, una torcia e dei guanti da lavoro. 2. Documentazione in regola: revisione, bollo, assicurazione, libretto, patente Fate in modo che la documentazione sia in regola: durante le vacanze ci sono più controlli; d'altronde l'estate è il momento migliore per risanare le aride casse comunali dei paesi di mare con una pioggia di multe. 3. Lo stato degli pneumatici Asfalto bollente e tanti chilometri rendono necessario un controllo accurato delle gomme prima di partire per le vacanze. Pressione, usura e convergenza sono il pane quotidiano di ogni gommista. 4. Il meccanico di fiducia (e magari l'elettrauto) Mentre farà finta di ascoltare i dettagli della vostra vacanza estiva, il meccanico di fiducia potrà svolgere un check-up dell'auto in un'oretta e scovare qualche problema: olio dei freni e del motore, liquido di raffreddamento, pastiglie, ammortizzatori, cinghia di azionamento della pompa, filtri, batteria, luci... Vedrete che qualcosa verrà fuori: meglio prima che durante le vacanze. 5. Tergicristalli e liquido lavavetri Sì, l'articolo parla delle vacanze estive, ma la nuvola fantozziana potrebbe accanirsi contro di voi e, se non siete preparati, state certi che lo farà: sostituite le spazzole tergicristalli se necessario e verificare il liquido lavavetri; vi servirà anche per rimuovere la collezione di insetti dal parabrezza e in caso di strade molto polverose. 6. Il carburante Benzina, gas o diesel che sia, è bene fare un pieno presso quel distributore che conoscete e che ha prezzi concorrenziali. Se la spesa per il carburante è una cosa che vi spaventa, sappiate che viaggiare con i finestrini aperti - specialmente in autostrada - fa aumentare di molto i consumi. Meglio usare il climatizzatore (fate controllare anche quello e il relativo filtro prima di partire). Anche i bagagli sul tettuccio dell'auto faranno lievitare la spesa per il carburante: con il box aerodinamico la situazione migliora, ma è bene bilanciare i pesi che dovrà trasportare l'auto, usare marce alte e mantenere una velocità moderata e costante per consumare meno e destinare i soldi risparmiati alla vostra vacanza. 7. L'abitacolo e i bagagli L'abitacolo della macchina diventa magicamente più piccolo quando moglie e figli mostrano le valigie in cui hanno faticosamente racchiuso il minimo indispensabile per la vacanza. Come se ciò non bastasse, i bagagli più pesanti andrebbero caricati per primi e disposti il più vicino possibile al centro dell'auto per bilanciare la distribuzione dei pesi. Quelli più piccoli e leggeri vanno messi sopra ma senza superare in altezza i sedili e senza lasciare oggetti sulla cappelliera: in caso di frenata rischiereste di essere travolti da bagagli e oggetti. Se in auto viaggiano dei bambini, è bene utilizzare navicelle e passeggini assicurandosi che siano ben saldi e allacciati alle cinture di sicurezza o all’attacco Isofix. L’alloggiamento corretto è sul sedile posteriore. Infine, dopo aver caricato l'auto bisognerebbe regolare l'altezza dei fari per non diventare l'odioso di turno che abbaglia gli altri conducenti. 8. Il conducente In caso di viaggi lunghi, alternatevi alla guida con un secondo conducente. Ad ogni modo, bisogna sempre mettersi al volante riposati, reduci da un pasto leggero e privo di alcolici. Una scorta di caffè può far comodo. Completano il profilo del perfetto guidatore da vacanza: abbigliamento comodo, scarpe chiuse e navigatore satellitare coadiuvato da qualche ricerca preventiva sul percorso. Ah, non dimenticate di inserire subito il vostro CD preferito nell'autoradio prima che lo faccia qualcun altro. 9. Animali domestici Gli animali domestici soffrono particolarmente il caldo: provvedete a rinfrescare la macchina con l'aria condizionata già prima che questi salgano a bordo. Utilizzate, inoltre, degli appositi trasportini in modo da evitare interferenze degli animali col guidatore. In caso di soste, non lasciateli nell'abitacolo perché le temperature possono salire vertiginosamente anche in pochi minuti. Per legge potete trasportare in abitacolo un solo animale. Se ne avete più di uno e non volete rischiare una multa, dovrete tenerli nel vano di carico e separati dall'abitacolo da un divisorio.
CONDIVIDI

Il Campionato Italiano di Motocross MX1-MX2 ritorna in Emilia dopo la prova d'apertura a Faenza. Ora si va in quel di Castellarano. Il 19 Luglio! Clicca qui per vedere l'evento in diretta online.
CONDIVIDI

Troppo agonismo può causare incidenti e pericoli: nonostante le raccomandazioni degli organizzatori, i piloti hanno esagerato portando alla decisione estrema di sospendere la Gara3 della tappa di Monza della FIA Formula 3 European Championship 2015. Si tratta di una decisione storica e senza precedenti. Ci spiega l'accaduto Domenico Luiso. FIA Formula 3: colpo di scena a Monza nella Gara3 La FIA Formula 3 2015 va in onda su Nuvolari: sul digitale terrestre al canale 60 (in caso di problemi di ricezione occorre ripetere la sintonizzazione dei canali) e in streaming gratuito su Italia Smart. Il nostro commentatore Domenico Luiso esprime le sue considerazioni sugli storici avvenimenti della tappa di Monza del campionato europeo di FIA Formula 3 2015: la vetrina internazionale dove i piloti emergenti combattono per mettersi in mostra e tentare l'approdo in Formula 1. Ecco l'articolo di Domenico. Una bella lezione, oppure decisione eccessiva? Questo il tema della domenica brianzola dove è andata in scena la quarta tappa della FIA Formula 3 e dove per la prima volta nella storia è stata sospesa una competizione Internazionale per eccessivo agonismo. Molti gli incidenti occorsi e soltanto grazie alla robustezza degli attuali telai della formula cadetta non è accaduto nulla di grave ai piloti coinvolti. Tanti, sicuramente troppi gli incidenti avvenuti nelle 3 competizioni di Monza che hanno portato alla decisione della direzione di gara di chiudere anticipatamente l'ultima gara. Si scatenano le polemiche sull'età precoce dei piloti che hanno deciso di fare il salto di categoria nella Formula Cadetta per eccellenza, potendo vantare su una vetrina mondiale di assoluto valore per ripercorrere le orme di Max Verstappen, che a soli 17 anni è stato proiettato direttamente in Formula 1. Piloti di 16/17 anni, ma non solo, come leggerete successivamente, con un bagaglio di esperienza limitato (?) ma che fino alle gare di Monza hanno fatto parlare solo in positivo, delle belle sfide e dello spettacolo messo in scena! I fatti Dopo gli appuntamenti di Silverstone, Hockenheim e Pau, la FIA Formula 3 sbarca a Monza per disputare le tradizionali 3 gare previste dal regolamento per ciascuno degli 11 appuntamenti in calendario. Interrotta gara1 per ben 3 volte con la Safety Car, ma la competizione si chiude regolarmente. Chiusa, invece, anticipatamente gara2 dopo il doppio decollo dell'italiano Beretta e il canadese Stroll. Punteggio dimezzato e richiamo a tutti i piloti con supplementare briefing durato fino a tarda notte, dove il direttore di gara Fabrizio Fondacci e il commissario FIA Nils Wittich hanno elargito "lavate di testa" à gogo, annunciando che gara3 sarebbe stata sospesa se si fossero ripetute le scorrettezze e l'eccessivo agonismo delle gare precedenti. Gara3: al "pronti via" subito la prima neutralizzazione, subito dopo il re-start la seconda e definitiva sospensione, così come promesso dalla direzione gara: 4 giri dietro alla Safety Car per arrivare al 50% della competizione, poi chiusura della gara, che anche in questo caso ha assegnato metà del punteggio. Considerazioni Il circuito brianzolo è di quelli ad altissima velocità, in fondo al rettilineo principale si sfiorano i 270 km/h, dove è facile guadagnare la scia di chi precede per cercare il sorpasso. I circuiti che sono stati teatro delle gare precedenti - Silverstone e Hockenheim - non sono di certo da "pecorelle smarrite", per non parlare di quello cittadino di Pau, careggiata stretta e 2 punti (curva del ponte e tornantino) molto insidiosi. Ma in precedenza non si era visto nulla di simile! Il campionato è di quelli di altissimo livello competitivo: 35 piloti da tutto il Mondo, 21 di questi sono stati campioni nelle varie formule inferiori (inferiori sì, ma di assoluto prestigio come i mondiali Kart). Soltanto 2 sono i piloti passati direttamente dal Kart al FIA Formula 3. Red Bull, Lotus e Ferrari schierano ufficialmente i loro gioielli, Mercedes, Volkswagen puntano al titolo con piloti "ad hoc", anche se non presentati ufficialmente. Si sono scatenati in molti a dare sommarie valutazioni insistendo sulla esagerata presenza di baby piloti, ma l'esperienza c'è e purtroppo a farne le spese sono stati proprio i piloti che lottano per il Titolo (Rosenqvist e Dennis che inseguono il nostro Giovinazzi, leader della classifica di campionato), vedendosi dimezzare il punteggio di 2 gare. Cosa manca? Il budget! Giustamente i piloti, manager e soprattutto i padri, cercano di saltare la tradizionale filiera di 4/5 anni di categorie inferiori per affacciarsi al paddock della massima formula. Non c'è più la disponibilità degli anni passati, dunque si bruciano le tappe. Un solo anno di apprendistato e poi via, proiettati direttamente in Formula 3 Internazionale. Due anni, se va bene, e fanno “Bingo”; se va male si torna a giocare con il simulatore. Ovviamente è un bel rischio, ma tant'è… Ma a Monza cosa è successo? Hanno davvero perso improvvisamente la testa? Come scritto, il circuito è di quelli insidiosi per le velocità che si raggiungono e dove i piloti si trovano a confrontarsi a pochi centimetri per il sorpasso. Basta "pizzicare" un cordolo, oppure una errata valutazione ad uscire dalla scia e la frittata è fatta. Nessuno però ha fatto cenno alle altre categorie con vetture turismo saltate per aria con ruote distaccate e conseguente pericolo di invadere la pista. Vetture GT che sono arrivate in pieno alle prime 2 varianti mancando la frenata, dove solo un miracolo ha evitato conseguenze gravi. Probabilmente perché non è interesse personale, diversamente della pattuglia dei giovani che fanno di certo gola a molti promotori. Commentatori "social" a cui basta vedere 30 secondi netti di un accaduto, su 105 minuti di gare per ogni weekend, per esprime un giudizio generico sulla categoria. Rischio chiama rischio, così come gli interventi di sicurezza: ogni incidente ha richiesto (?) l'intervento della Safety car. Per ben 3 volte in ogni gara. Ogni neutralizzazione richiede altrettanti re-start, che notoriamente creano gli stessi rischi di qualsiasi partenza, avendo compattato tutto il gruppo. Non mi piacciono i commenti populisti che affermano "poi non ci lamentiamo che le gare di Formula 1 sono noiose e senza sorpassi", però un minimo di verità la spolverano. Rimane la consapevolezza che nella calda giornata brianzola i protagonisti di questo spettacolare campionato hanno sicuramente esagerato, ma… Una bella lezione, oppure decisione eccessiva?
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

LT MULTIMEDIA SPA - PI 11631451009