Indy 500 2011 – Highlights della 500 miglia e foto
WakeBoard: Giorgia Gregorio campionessa Mondiale
Italiano Karting - attesa per la prova di Lonato il 7 Agosto

C’è grande attesa per la quarta prova del Campionato Italiano CSAI Karting in programma alla Pista South Garda Karting di Lonato dal 5 al 7 agosto, dove è prevista la presenza di un gran numero di piloti. D’altra parte il Campionato Italiano CSAI Karting si sta sempre più rivelando fucina di campioni e palcoscenico di belle gare, in un contesto di grande competitività per i piloti ma anche a livello tecnico per i team e le case presenti. Nelle tre delle sei gare finora disputate, sono state ben 450 le partecipazioni, con molti piloti provenienti anche dall’estero in rappresentanza di oltre 25 paesi.

I recenti appuntamenti di Sarno, Jesolo e Viterbo, hanno messo in evidenza tanti giovani promettenti in ognuna delle quattro categorie del Campionato, ora sotto osservazione con l’iniziativa CSAI e Ferrari Driver Academy per la selezione di nuovi talenti da individuare nel karting e in particolare nel campionato italiano. 

In ogni prova sono infatti selezionati tre giovani da avviare ad un percorso formativo, iniziativa che sarà ripetuta anche nel prossimo appuntamento del 7 agosto a Lonato.

Intanto a rivelarsi fra i più competitivi nella categoria giovanile KF3 in questa prima parte del campionato, è stato il pugliese Federico Pezzolla (Intrepid-Tm) del team Taglienti Kart, mattatore nella prima prova di Sarno e poi vincente anche  a Jesolo in gara-1 e a Viterbo in gara-2, fra l’altro spesso interprete di belle rimonte per la griglia invertita applicata fra le due finali di ogni prova.

In campionato Pezzolla ha così potuto assicurarsi un discreto margine sugli inseguitori, capitanati dal bresciano Luca Corberi (Tony Kart-Vortex) che ha all’attivo un successo in gara-2 a Jesolo. Fra i maggiori rivali di Pezzolla si è fatto notare anche il toscano Mattia Vita (DR-Parilla), al debutto in campionato a Viterbo e subito andato a podio in ambedue le finali, con una vittoria in gara-1 e un secondo posto in gara-2 conquistato alle spalle proprio di Pezzolla.

Fra gli altri giovani in evidenza nella categoria, anche Lorenzo Paggi (Tony Kart-Tm), terzo in campionato, il norvegese Oystein Helgheim (Parolin-Tm), Nicolò Balsamo (Birel-Bmb) e Antonio D’Angelo (Pcr-Parilla). Fra gli stranieri, in crescita anche il canadese Lance Stroll (Zanardi-Parilla) già da tempo inserito nel programma Ferrari Driver Academy.

Nella categoria superiore, la KF2, è l’avellinese Gianni Vigorito (Birel-Bmb) ad aver preso il sopravvento in campionato con due vittorie (Jesolo e Viterbo) e due secondi posti. All’inseguimento del pilota campano si è inserito il pescarese campione italiano in carica Alessio Santilli (Intrepid-Tm), vincitore di gara-2 a Viterbo e intenzionato al bis nel Tricolore. Fra i giovani in evidenza in questa categoria, anche il veneto Nicola Marcon (Tony Kart-Vortex), costretto però ad uno stop nella gara di Viterbo per un incidente in partenza con Matteo Gasparrini, altro giovane interessante ma per ora un po’ sfortunato.

Altri protagonisti in questa categoria sono Alberto Di Folco (Tony Kart-Vortex), quarto in campionato ma in attesa del responso del TNA per una squalifica tecnica a Sarno, e Roberto Manduchi (Parolin-Tm). Ma in KF2 c’è da aspettarsi l’inserimento di altri protagonisti, fra i quali Riccardo Cinti (Tony Kart-Bmb), fra i maggiori leader nella passata stagione.

Nella categoria con il cambio, la KZ2, è l’altoatesino Fabian Federer (Crg-Tm) ad essersi posto in testa al campionato con le due vittorie di Jesolo e Viterbo, oltre a rivelarsi in gran forma per aver vinto anche a metà giugno il Campionato Europeo della categoria e la “classica” della notturna dello scorso 9 luglio proprio sulla pista di Lonato. Ma Federer non potrà davvero cullarsi sugli allori, perché nella categoria la competitività è molto alta e sono in diversi a cercare il successo in campionato, a cominciare dalla coppia del team Formula K con il belga Yannick De Brabander e Antonio Piccioni, e l’altra coppia del team CKR, Marco Zanchetta e Alessandro Bressan, tutti protagonisti anche a livello internazionale.

Oltre a questi prim’attori, abbiamo anche Massimo Mazzali (Crg-Tm), Alessandro Giulietti (Tony Kart-Tm), Alberto Cavalieri (Intrepid-Tm), Francesco Celenta (CRG-Tm) e Marco Pizzuti (Birel-Tm) intenzionati a cogliere bei risultati e rendere ancora più avvincente la corsa al titolo.

Nella categoria più piccola, la 60 Mini, sono stati spesso i giovanissimi stranieri ad essersi  messi in evidenza, come il romeno Marco Dionisios (Top Kart-Lke) e ultimamente anche lo svizzero Gjergj Haxhiu (Hero-Lke), ma in questa categoria le classifiche di campionato sono di pertinenza esclusiva dei piloti italiani, e in testa alla graduatoria troviamo il campano Remigio Garofano (Top Kart-Lke) inseguito da Lorenzo Travisanutto (Tony Kart-Lke) e Luigi Angelillo (Top Kart-Parilla), tutti sempre in lotta per la vittoria. Fra i nuovi arrivati, anche il figlio del due volte campione del Mondo F1 Mika Hakkinen, Hugo, che a Viterbo è riuscito a qualificarsi in finale.

Il prossimo appuntamento del Campionato Italiano CSAI Karting è fissato per il 6-7 agosto alla Pista South Garda Karting di Lonato (Brescia). Diretta TV su Nuvolari domenica 7 agosto dalle ore 14,50.

Dal karting alla Ferrari Driver Academy

Nell’ambito del Campionato Italiano CSAI Karting, con l’ultima gara disputata a Viterbo lo scorso 3 luglio, è partita l’iniziativa della CSAI in collaborazione con la Ferrari Driver Academy diretta da Luca Baldisserri per selezionare i giovani più promettenti da avviare ad un percorso formativo verso l’automobilismo.

La selezione proseguirà anche nelle gare di Lonato (7 agosto), Sant’Egidio alla Vibrata (28 agosto) e Ortona (2 ottobre) ed è riservata ai ragazzi nati tra il 1995 e 1998, con la scelta di tre giovani per ogni appuntamento per un test psico-attitudinale a Fiorano e per alcuni anche la prova di una Formula ACI CSAI Abarth.

Tra i 12 ragazzi selezionati nelle quattro prove del campionato, ne verranno infine scelti tre che prenderanno parte ad uno stage di formazione della durata di quattro giorni presso l’Autodromo di Vallelunga con istruttori della Ferrari Drivers Academy e della Scuola Federale CSAI di Vallelunga.

Nella scorsa gara del Campionato Italiano CSAI Karting di Viterbo la selezionata è stata effettuata da Giancarlo Minardi (osservatore della CSAI), Luca Baldisserri (Ferrari Driver Academy) e alcuni responsabili della Scuola Federale. Alla fine, sui circa 160 piloti partecipanti alla gara di Viterbo, i primi tre selezionati di questa nuova iniziativa della CSAI sono stati Gianni Vigorito (15 anni, di Avellino), Alessio Santilli (16 anni, di Pescara) e Mattia Vita (14 anni di Lucca).

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Il 22 luglio si celebra la prima vera competizione di motori di tutti i tempi Era il 22 luglio del 1894 quando 21 vetture (13 a benzina ed 8 a vapore) cominciarono la Parigi-Rouen (126 km), la prima vera competizione automobilistica di tutti i tempi. Nonostante la prima automobile fosse nata soltanto 8 anni prima, nel 1886, ben 17 delle 21 vetture taglieranno il traguardo di Rouen. Ad abbandonare la competizione sono 4 auto a vapore. Persino il regolamento era abbastanza aleatorio, oltretutto non esistevano orari d'arrivo ufficiali, ragion per cui la classifica di velocità non poteva che essere approssimativa, tant'è che a decretare la vittoria era una giuria: il più veloce fu il conte Albert De Dion alla guida del trattore De Dion-Bouton (6 ore e 48 minuti), ma la giuria ritenne che i vincitori dovessero essere la Panhard & Levassor e la Peugeot poiché il primo classificato era un veicolo troppo pesante e poco maneggevole. Anche la data ha subito un percorso travagliato: inizialmente la Parigi-Rouen si sarebbe dovuta svolgere il 1 giugno, poi fu rimandata al 7 giugno, poi addirittura al 22 luglio poiché la maggior parte dei veicoli non era pronta per la gara. Questo slittamento non fu sufficiente, però, a consentire la partecipazione dell'unico veicolo italiano: il triciclo elettrico costruito a Castelnuovo di Garfagnana nello stabilimento tessile del Conte Giuseppe Carli non era ancora pronto per quella data. La foto in cima a questo articolo ritrae la partenza della Parigi-Rouen: può essere considerata, a sua volta, la prima fotografia di una gara automobilistica.
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

La gara del 13 luglio al Moscow Raceway, trasmessa in diretta da Nuvolari, segna la prima vittoria nel DTM di Maxime Martin, un pilota ancora all'inizio della sua carriera. Il belga partiva con una pole position che ha saputo gestire come un pilota veterano: con sole cinque gare in DTM, Martin ha tagliato per primo il traguardo a bordo della sua SAMSUNG BMW M4 DTM. Secondo Bruno Spengler, sempre su BMW, a 4,259 secondi di distanza dal belga. Bravo e fortunato al Moscow Raceway L'ottima strategia di Martin e del suo team rischiava di andare a monte al giro 23 quando l'ingresso della safety car ha ricompattato il gruppo dando la possibilità di rientrare in gara a chi era partito con le gomme dure. È stato grazie ad un secondo, più lungo ingresso della safety car dovuto all'incidente di Mike Rockenfeller che si è schiantato contro Adrien Tambay che Martin ha avuto un po' di respiro per uno sprint finale durante il quale ha conquistato i secondi di vantaggio sul compagno di squadra BMW Bruno Spengler. Parla Maxime Martin, il vincitore del DTM 2014 al Moscow Raceway "È stata una giornata perfetta: prima pole, poi la prima vittoria nella mia quinta gara. Sono molto felice", ha detto Martin dopo la gara. "Non riesco a crederci ancora, è semplicemente incredibile", ha continuato Martin, "non ho mai prestato molta attenzione alla Formula Uno perché la guida in DTM è sempre stata il mio sogno, non ho mai guidato monoposto. E ora eccomi qui, con la prima vittoria targata col mio nome, è incredibile!". Martin spende qualche parola per i ringraziamenti: "vorrei ringraziare tutti nel team RMG, perché il pit stop è stato incredibile e la strategia perfetta. Tutti in BMW hanno fatto davvero un lavoro fantastico." Spengler e Ekstrom sul podio Mentre Spengler ha conquistato la seconda posizione con relativa tranquillità, l'ultimo posto sul podio è stato molto più combattuto. Tambay ha tenuto inizialmente la terza posizione, finché non è andato fuori gara tamponato da Rockenfeller. Ciò ha favorito Timo Glock, ma il pilota ex-Formula 1 ha perso il passo negli ultimi giri, permettendo a Mattias Ekstrom di rovinare la festa a BMW che manca per un soffio l'en plein del podio. Anche Marco Wittmann, leader della classifica, e Nico Muller sono riusciti a superare Glock, finendo rispettivamente quarto e quinto, mentre Glock finisce soltanto sesto. Arrivati a metà stagione, ecco la classifica aggiornata del DTM 2014 Classifica Piloti 1. Marco Wittmann (70 punti) 2. Mattias Ekström (50) 3. Edoardo Mortara (41) 4. Bruno Spengler (41) 5. Mike Rockenfeller (35) 6. Maxime Martin (33) 7. Christian Vietoris (31) 8. Adrien Tambay (28) 9. Miguel Molina (26) 10. Robert Wickens (25) 11. Jamie Green (24) 12. Timo Glock (18) 13. Augusto Farfus (15) 14. Pascal Wehrlein (14) 15. Paul di Resta (12) 16. Nico Müller (10) 17. Timo Scheider (9) 18. Martin Tomczyk (8) 19. Joey Hand (7) 20. António Félix da Costa (4) 21. Gary Paffett (4) Classifica a squadre 1. BMW Team RMG (103 punti) 2. Audi Sport Team Abt Sportsline (76) 3. Audi Sport Team Abt (69) 4. BMW Team Schnitzer (49) 5. Audi Sport Team Phoenix (44) 6. Original-Teile Mercedes AMG (43) 7. Audi Sport Team Rosberg (34) 8. EURONICS / FREE MAN'S WORLD Mercedes AMG (29) 9. BMW Team Mtek (22) 10. BMW Team RBM (22) 11. gooix Mercedes AMG (14). Classifica costruttori 1. Audi (223 punti) 2. BMW (196) Mercedes-Benz (86)
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

La gara di DTM che si correrà a Mosca domenica 13 luglio 2014 alle 13.30, trasmessa in diretta TV e streaming da Nuvolari, rappresenta il giro di boa della stagione di DTM. Il tracciato russo del DTM Il "Moscow Raceway", nei pressi della capitale russa Mosca, ospiterà per la seconda volta la gara del DTM dopo il debutto della serie automobilistica nel 2013. Un ritorno gradito dopo il successo dello scorso anno, quando ben 45.000 spettatori hanno affollato il circuito. I team del DTM, che stanno raggiungendo Mosca in questo momento, sono intenzionati a ripetere la formula vincente dello scorso anno con una corsa emozionante e spettacolare. I piloti percorreranno 3,93 km per ogni giro del "Moscow Raceway". La versione del del circuito di quest'anno è più lunga di 1,4 chilometri rispetto allo scorso anno: presenta un'affascinante combinazione di curve veloci e lente, così come un lungo rettilineo. Augusto Farfus del team BMW Nel 2013, Augusto Farfus arrivò terzo al volante della Castrol EDGE BMW M3 DTM ottenendo il primo di quattro podi consecutivi, che contribuirono alla sua stagione da runner-up nel Campionato Piloti. "Sono davvero impaziente di correre a Mosca, spero di replicare il buon risultato dell'anno scorso", ha detto Farfus. "Mi piace il circuito, dovremo essere al top della forma per avere successo in questa versione più lunga del tracciato. Speriamo di portare di nuovo a casa dei punti e un podio". Marco Wittmann leader in carica Dopo due vittorie (Hockenheim e Budapest), Marco Wittmann si presenta a Mosca come leader del Campionato Piloti con 58 punti. Anche se la recente corsa al Norisring non è andata secondo i piani per la BMW Motorsport, Wittmann è riuscito comunque ad ottenere un sesto posto che gli ha consentito di mantenere il suo vantaggio sui rivali. "Personalmente, il mio primo viaggio a Mosca, lo scorso anno, è stata una grande esperienza e non vedo l'ora di tornarci", ha detto Wittmann. "È vero, abbiamo faticato un po' sul circuito più corto nel 2013, ma credo che questa versione più lunga possa darci più soddisfazioni. Il mio obiettivo è quello di difendere il vantaggio in classifica piloti". Classifica piloti DTM dopo quattro delle dieci gare 1 Marco Wittmann (BMW) 58 punti 2 Edoardo Mortara (Audi) 39 punti 3 Mattias Ekström (Audi) 35 punti 4 Mike Rockenfeller (Audi) 35 punti 5 Adrien Tambay (Audi) 28 punti 6 Miguel Molina (Audi) 26 punti 7 Robert Wickens (Mercedes-Benz) 25 punti 8 Christian Vietoris (Mercedes-Benz) 25 punti 9 Jamie Green (Audi) 24 punti 10 Bruno Spengler (BMW) 23 punti 11 Augusto Farfus (BMW) 14 punti 12 Paul Di Resta (Mercedes-Benz) 12 punti 13 Pascal Wehrlein (Mercedes-Benz) 10 punti 14 Timo Glock (BMW) 10 punti 15 Timo Scheider (Audi) 9 punti 16 Maxime Martin (BMW) 8 punti 17 Martin Tomczyk (BMW) 8 punti 18 Joey Hand (BMW) 7 punti 19 António Félix da Costa (BMW) 4 punti 20 Gary Paffett (Mercedes-Benz) 4 punti Classifica costruttori DTM dopo quattro delle dieci gare 1 Audi 196 punti 2 BMW 132 punti 3 Mercedes-Benz 76 punti
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv