Indy 500 2011 – Highlights della 500 miglia e foto
WakeBoard: Giorgia Gregorio campionessa Mondiale
Italiano Karting - attesa per la prova di Lonato il 7 Agosto

C’è grande attesa per la quarta prova del Campionato Italiano CSAI Karting in programma alla Pista South Garda Karting di Lonato dal 5 al 7 agosto, dove è prevista la presenza di un gran numero di piloti. D’altra parte il Campionato Italiano CSAI Karting si sta sempre più rivelando fucina di campioni e palcoscenico di belle gare, in un contesto di grande competitività per i piloti ma anche a livello tecnico per i team e le case presenti. Nelle tre delle sei gare finora disputate, sono state ben 450 le partecipazioni, con molti piloti provenienti anche dall’estero in rappresentanza di oltre 25 paesi.

I recenti appuntamenti di Sarno, Jesolo e Viterbo, hanno messo in evidenza tanti giovani promettenti in ognuna delle quattro categorie del Campionato, ora sotto osservazione con l’iniziativa CSAI e Ferrari Driver Academy per la selezione di nuovi talenti da individuare nel karting e in particolare nel campionato italiano. 

In ogni prova sono infatti selezionati tre giovani da avviare ad un percorso formativo, iniziativa che sarà ripetuta anche nel prossimo appuntamento del 7 agosto a Lonato.

Intanto a rivelarsi fra i più competitivi nella categoria giovanile KF3 in questa prima parte del campionato, è stato il pugliese Federico Pezzolla (Intrepid-Tm) del team Taglienti Kart, mattatore nella prima prova di Sarno e poi vincente anche  a Jesolo in gara-1 e a Viterbo in gara-2, fra l’altro spesso interprete di belle rimonte per la griglia invertita applicata fra le due finali di ogni prova.

In campionato Pezzolla ha così potuto assicurarsi un discreto margine sugli inseguitori, capitanati dal bresciano Luca Corberi (Tony Kart-Vortex) che ha all’attivo un successo in gara-2 a Jesolo. Fra i maggiori rivali di Pezzolla si è fatto notare anche il toscano Mattia Vita (DR-Parilla), al debutto in campionato a Viterbo e subito andato a podio in ambedue le finali, con una vittoria in gara-1 e un secondo posto in gara-2 conquistato alle spalle proprio di Pezzolla.

Fra gli altri giovani in evidenza nella categoria, anche Lorenzo Paggi (Tony Kart-Tm), terzo in campionato, il norvegese Oystein Helgheim (Parolin-Tm), Nicolò Balsamo (Birel-Bmb) e Antonio D’Angelo (Pcr-Parilla). Fra gli stranieri, in crescita anche il canadese Lance Stroll (Zanardi-Parilla) già da tempo inserito nel programma Ferrari Driver Academy.

Nella categoria superiore, la KF2, è l’avellinese Gianni Vigorito (Birel-Bmb) ad aver preso il sopravvento in campionato con due vittorie (Jesolo e Viterbo) e due secondi posti. All’inseguimento del pilota campano si è inserito il pescarese campione italiano in carica Alessio Santilli (Intrepid-Tm), vincitore di gara-2 a Viterbo e intenzionato al bis nel Tricolore. Fra i giovani in evidenza in questa categoria, anche il veneto Nicola Marcon (Tony Kart-Vortex), costretto però ad uno stop nella gara di Viterbo per un incidente in partenza con Matteo Gasparrini, altro giovane interessante ma per ora un po’ sfortunato.

Altri protagonisti in questa categoria sono Alberto Di Folco (Tony Kart-Vortex), quarto in campionato ma in attesa del responso del TNA per una squalifica tecnica a Sarno, e Roberto Manduchi (Parolin-Tm). Ma in KF2 c’è da aspettarsi l’inserimento di altri protagonisti, fra i quali Riccardo Cinti (Tony Kart-Bmb), fra i maggiori leader nella passata stagione.

Nella categoria con il cambio, la KZ2, è l’altoatesino Fabian Federer (Crg-Tm) ad essersi posto in testa al campionato con le due vittorie di Jesolo e Viterbo, oltre a rivelarsi in gran forma per aver vinto anche a metà giugno il Campionato Europeo della categoria e la “classica” della notturna dello scorso 9 luglio proprio sulla pista di Lonato. Ma Federer non potrà davvero cullarsi sugli allori, perché nella categoria la competitività è molto alta e sono in diversi a cercare il successo in campionato, a cominciare dalla coppia del team Formula K con il belga Yannick De Brabander e Antonio Piccioni, e l’altra coppia del team CKR, Marco Zanchetta e Alessandro Bressan, tutti protagonisti anche a livello internazionale.

Oltre a questi prim’attori, abbiamo anche Massimo Mazzali (Crg-Tm), Alessandro Giulietti (Tony Kart-Tm), Alberto Cavalieri (Intrepid-Tm), Francesco Celenta (CRG-Tm) e Marco Pizzuti (Birel-Tm) intenzionati a cogliere bei risultati e rendere ancora più avvincente la corsa al titolo.

Nella categoria più piccola, la 60 Mini, sono stati spesso i giovanissimi stranieri ad essersi  messi in evidenza, come il romeno Marco Dionisios (Top Kart-Lke) e ultimamente anche lo svizzero Gjergj Haxhiu (Hero-Lke), ma in questa categoria le classifiche di campionato sono di pertinenza esclusiva dei piloti italiani, e in testa alla graduatoria troviamo il campano Remigio Garofano (Top Kart-Lke) inseguito da Lorenzo Travisanutto (Tony Kart-Lke) e Luigi Angelillo (Top Kart-Parilla), tutti sempre in lotta per la vittoria. Fra i nuovi arrivati, anche il figlio del due volte campione del Mondo F1 Mika Hakkinen, Hugo, che a Viterbo è riuscito a qualificarsi in finale.

Il prossimo appuntamento del Campionato Italiano CSAI Karting è fissato per il 6-7 agosto alla Pista South Garda Karting di Lonato (Brescia). Diretta TV su Nuvolari domenica 7 agosto dalle ore 14,50.

Dal karting alla Ferrari Driver Academy

Nell’ambito del Campionato Italiano CSAI Karting, con l’ultima gara disputata a Viterbo lo scorso 3 luglio, è partita l’iniziativa della CSAI in collaborazione con la Ferrari Driver Academy diretta da Luca Baldisserri per selezionare i giovani più promettenti da avviare ad un percorso formativo verso l’automobilismo.

La selezione proseguirà anche nelle gare di Lonato (7 agosto), Sant’Egidio alla Vibrata (28 agosto) e Ortona (2 ottobre) ed è riservata ai ragazzi nati tra il 1995 e 1998, con la scelta di tre giovani per ogni appuntamento per un test psico-attitudinale a Fiorano e per alcuni anche la prova di una Formula ACI CSAI Abarth.

Tra i 12 ragazzi selezionati nelle quattro prove del campionato, ne verranno infine scelti tre che prenderanno parte ad uno stage di formazione della durata di quattro giorni presso l’Autodromo di Vallelunga con istruttori della Ferrari Drivers Academy e della Scuola Federale CSAI di Vallelunga.

Nella scorsa gara del Campionato Italiano CSAI Karting di Viterbo la selezionata è stata effettuata da Giancarlo Minardi (osservatore della CSAI), Luca Baldisserri (Ferrari Driver Academy) e alcuni responsabili della Scuola Federale. Alla fine, sui circa 160 piloti partecipanti alla gara di Viterbo, i primi tre selezionati di questa nuova iniziativa della CSAI sono stati Gianni Vigorito (15 anni, di Avellino), Alessio Santilli (16 anni, di Pescara) e Mattia Vita (14 anni di Lucca).

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Formula 1

Ha 2 anni il più giovane pilota del mondo che correrà in pista al Ferrari Racing Day di Sidney i prossimi 12 e 13 aprile. Piero Pascazio, pilota di 2 anni Il giovanissimo e talentuoso pilota si chiama Piero Pascazio ed è stato invitato alla manifestazione direttamente dalla Ferrari per la gioia di suo padre, che sogna di vederlo correre in Formula 1. Piero Pascazio ha solo due anni, ma ha già le carte per diventare un grande campione. Ferrari Racing Day di Sidney In occasione del Ferrari Racing Day di Sidney, Piero Pascazi guiderà un kart realizzato per appositamente per la sua statura e correrà su uno dei circuiti del Sidney Motorsports Park. A introdurre il giovanissimo pilota al mondo delle corse è stato suo padre, Joey Pascazio. Secondo lui è stato proprio il piccolo Piero a chiedergli di correre in pista dopo aver visto il suo primo Gran Premio di Formula 1 all'età di 1 anno. Sembra che al momento il bambino non sia interessato a nessun altro tipo di sport o, per meglio dire, gioco. Sarà Piero Pascazio la rivelazione della Formula 1 di domani?    
CONDIVIDI

Formula 1

L'Olimpo, il posto proprio degli dei nella mitologia greca, è stato più volte usato dalla mente di ognuno di noi per poter offrire agli eroi un luogo dove essere immortali. Ogni eroe ha una sua caratteristica, un suo valore ben espresso quando era in vita e che mostrava al mondo. Un posto nell'Olimpo delle corse spetta di diritto ad un piccolo canadese, Gilles Villeneuve, che racchiudeva dentro di sè il Furor dionisiaco; quel Furor proprio di chi vive di velocità; quel Furor che mise a disposizione del circus della Formula 1. GLI ESORDI- E' il 18 Gennaio del 1950 quando a St. Jean Richelieu, un piccolo paese del Quebec, nasce Joseph Gilles Henri Villeneuve. Fin da giovane è rapito dal fascino della velocità e, vivendo nel freddo Canada, comincia a correre con le motoslitte; un mezzo questo, che proprio per la stabilità precaria, avallata oltretutto dallo sfruttamento su un terreno innevato, aveva conferito al giovane Gilles una padronanza del mezzo in situazioni precarie che divenne negli anni a venire il suo marchio di fabbrica. Gilles era attratto dalla velocità: partecipò al campionato di Formula Ford, vincendolo, e l'anno successivo in Formula Atlantic. L'anno della svolta arriva però nel 1977 quando corse ancora in F.Atlantic, ma sopratutto partecipò al Gran Premio Trois Rivieres. L'APPRODO IN FORMULA 1- La prima svolta della carriera di Gilles Villeneuve arriva proprio in occasione di questa gara minore, dove però partecipavano diversi piloti di Formula1. Il giovane canadese vinse proprio davanti a James Hunt, campione del Mondo in carica. Proprio quest'ultimo lo propose a Teddy Mayer, allora Team Manager McLaren. Fu così che cominciò l'avventura di Villeneuve in Formula 1, in occasione del Gp di Gran Bretagna del 1977. Pur con una McLaren M23 decisamente poco competitiva, Villeneuve sorprende tutti gli addetti ai lavori: primo nel warm-up, nono in qualifica, 11esimo in gara, oltreutto con un falso problema ad una spia dell'acqua. Mayer però decise di non confermarlo in favore di Tambay. Eppure, quella 'bocciatura' si rivelò come la sua fortuna. FERRARI- Subito dopo l'appiedamento McLaren fu contattato da Ferrari che gli fece correre gli ultimi Gran Premi del 1977. Qui Villeneuve si fece conoscere per il suo grande, immenso coraggio, che fin troppe volte lo portarono ad andare oltre il limite, tanto che, dopo il Gran Premio del Giappone, gli fu dato il soprannome di 'Aviatore' dopo la spettacolare collisione con la Tyrrel Di Peterson, che lo fece letteralmente 'volare'. Enzo Ferrari è preoccupato: davvero questo talento, purista della velocità è pronto per portare i vessilli della Ferrari? LE PRIME AFFERMAZIONI E LA MATURITA'- Fortunatamente per Gilles, il Drake decide di tenerlo in squadra. Quel giovane canadese reca con se una scintilla propria dei campioni: il suo stile di guida derivante dalla guida in derapage delle motoslitta, unito alla passione ed alla voglia di imporsi, riesce ad entusiasmare le folle. Villeneuve diviene presto Gilles . E finalmente, al gran Premio del Canada del 1978, Villeneuve riesce ad ottenere la sua prima vittoria. L'ONESTA' VERSO SCHECKTER- Per il 1979 Ferrari ingaggia Jody Scheckter e chiede a Villeneuve di aiutarlo nella conquista del titolo. Detto fatto: Gilles mostra la sua maturità e la sua onesta, facendo da spalla al sudafricano che, a fine anno, si laureerà campione del mondo. Un campionato che, forse, Gilles avrebbe anche potuto vincere, ma che comunque lascerà agli annali uno dei duelli più emozionanti della storia della Formula 1: sul tracciato di Digione, Villeneuve ed Arnoux danno vita ad un complesso di coraggio, resistenza, estasi e passione in un duello ruota a ruota lungo tre giri. Sotto il traguardo è il canadese a pervalere; il Furor di Villeneuve ha avuto la meglio. ANNI DIFFICILI- Meno fortunati i due anni seguenti, con il 1980 trascorso con una F312 T5 decisamente poco competitiva. Villeneuve si danna l'anima e cerca sempre di trarre il meglio dalla vettura, ma i risultati non arrivano. Canovaccio simile nel 1981. Parlare di campionato a Maranello è utopia, sopratutto dopo le prime tre gare passate con tre ritiri. Ma Villeneuve mostra al mondo come i piloti, quei piloti che sanno esaltare le folle, possono regalare spettacolo e successi: a Montecarlo recupera 6 secondi in 4 giri alla Williams di Jones e vince per le vie del principato. In Spagna a Jarama, in piena crisi di grip, si tiene dietro 4 monoposto andando a conquistare la vittoria. IL TRADIMENTO DI IMOLA- 25 Aprile 1982, Autodromo di Imola. Il week-end di gara comincia in maniera angusta e turbolenta: le scuderie inglesi Lotus Brabham e McLaren non partecipano per protesta. Per le Ferrari è l'occasione giusta per una corsa in passerella: una doppietta facile sul circuito di casa. A facilitare la gara ci pensa anche la Renault di Arnoux che chiude precocemente la corsa a causa del cedimento della turbina. Tutto scritto quindi sembrerebbe, con Gilles Villeneuve primo seguito da Didier Pironi, suo compagno di squadra e amico nella vita. Inoltre, un ordine non scritto di scuderia, prevedeva che, nelle battute finali le posizioni sarebbero state congelate. Villeneuve sarebbe quindi rimasto tranquillamente davanti, Pironi dietro. Nelle corse però, nulla è scritto e nulla è deciso fin sotto la bandiera a scacchi. I due compagni di squadra ingaggiano un duello a suon di sorpassi. In Ferrari sono preoccupati: gettare al vento una doppietta, ad inizio campionato, sarebbe stata una vera e propria beffa. Per questo motivo, dalla pit-lane esce fuori un cartello con scritto 'Slow' per entrambi i piloti. Villeneuve segue le direttive del muretto box, Pironi no, passando il suo team-mate. Sotto la bandiera a scacchi la Ferrari #28 transita per prima. Villeneuve è furioso. Si sente preso in giro sia da 'quello là' come lo definirà in seguito, sia dalla squadra. Viene convinto a stento a salire sul podio, ma si percepisce come il rapporto tra i due si sia rotto. Un tradimento che non si aspettava, e per questo, molto doloroso. Lui, che aveva sempre rispettato i dettami, facendo conquistare il titolo a Scheckter, era accecato dalla nuova rivalità interna. E' con questo fuoco dentro che si arriva sul tracciato di Zolder quindici giorni dopo. ORE 13.52- In Ferrari il clima era avvelenato dalla rivalità tra i due. Durante le qualifiche del gran premio del Belgio, a Zolder, Pironi stacca il terzo tempo, mentre il canadese è solo sesto. Un affronto. Villeneuve, tirato e ombroso in volto decide di rientrare in pista. Mancano pochi minuti al termine delle qualifiche, sufficenti per poter tentare un'ultimo giro. Sono le 13.52, e Villeneuve sta rientrando ai box. E' in quinta piena mentre affronta la curva Terlamenbocht. Davanti a se la March di Jochen Mass. Un'incomprensione, il contatto, il volo. Alle ore 21.12 Gilles Villeneuve, con il suo Furor dionisiaco, con il suo dono che estasiava le folle, decise di effettuare il suo ultimo volo. Il piccolo aviatore era appena entrato nell'Olimpo, in quel posto nella mente di ognuno di noi dove gli eroi possono essere immortali.
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Si è tenuta lo scorso weekend a Firenze la prima edizione del “Florence Extreme Enduro Indoor”. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Motociclistica Fiorentina nel Mandela Forum e si è configurato come il primo dopo l’assegnazione a Firenze del premio città europea dello sport “European City of Sport 2012”. La serata è cominciata con un momento particolarmente commovente, ricordando il grandissimo campione finlandese Mika Ahola, morto prematuramente qualche giorno prima, a causa delle ferite riportate in una competizione in Spagna. Tuttavia dopo questo momento di riflessione dolore, sono cominciate le gare, intervallate anche da momenti di spettacolo e musica.  Ad aggiudicarsi questa prima edizione del “Florence Extreme Enduro Indoor” è stato lo spagnolo Cristobal Guerrero in KTM, con due vittorie e un quarto posto. Migliore tra gli italiani è stato Alex Salvini con Husqvarna, che ha conquistato la seconda posizione, mentre terzo si è classificato lo svedese Joakim Ljungren con Husaberg. Quarto il francese Rodrig Thain con HM Honda. La pista del Mandela Forum è stata una pista molto particolare, con un vasto ventaglio di difficoltà, inserite appositamente dall’organizzazione per conferire maggiore spettacolo alle competizioni, considerando che in soli 400 metri erano presenti ostacoli di varia natura, che di solito troviamo in tracciati di decine di kilometri. Oltre all’enduro classico, hanno trovato spazio all’interno della manifestazione anche il minienduro, minicross e le moto d’epoca. Nella Regolarità d’Epoca la vittoria nella categoria con moto fino al 1981 è andata ad un aretino ex campione del motocross, Alessandro Orbati, che ha preceduto i fiorentini Claudio Giachi e il più titolato nella storia toscana del motocross Furio Franceschi, che vanta ben 34 titoli. La vittoria per le moto costruite dall’anno 1982 in poi è andata ad Alessandro Tramelli. Nel Minienduro e Minicross la vittoria assoluta è andata al giovane Gabriele Fissi, seguito sul podio da Matteo Menchelli e Matteo Ciccarelli. Ancora un’affermazione con il Florence Extreme National Trophy, andata a Davide Soreca per essersi imposto nella Superfinale, davanti a Luca Gualdani e Mirco Giorgini.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv