Ken Block: Adrenalina pura su quattro ruote…fumanti!
Il WRC 2012 riparte da Montecarlo
La FMI al Motor Bike Expo

La Federazione Motociclistica Italiana sarà presente anche quest’anno al Motor Bike Expo di Verona.

Sabato 21 gennaio alle 14.00 presso l’Auditorium Verdi ci sarà l’occasione di assistere alle premiazioni del CIV 2011 e degli altri campionati organizzati dalla FMI: Coppa Italia, MiniGP, Minimoto, Velocità in salita e Campionato Femminile. Inoltre per la prima volta ci sarà ancje la consegna premi per l’ Honda 125.

Sul podio saranno non solo i vincitori delle classifiche speciali, ma anche i piloti che hanno vinto i caschi tricolore. Ricordiamo infatti che la cerimonia di premiazione venne cancellata a seguito della scomparsa dell’indimenticabile Marco Simoncelli, avvenuta proprio nell’ultima giornata di gara del CIV al Mugello.

Paolo Sesti, presidente della Federazione Motociclistica Italiana, consegnerà i caschi tricolore 2011 a Niccolò Antonelli (Aprilia), 125 G.P. ad Alessandro Andreozzi (FTR), Moto 2, Berardino Lombardi (Yamaha), Stock 600, Danilo Petrucci (Ducati), Stock 1000, Ilario Dionisi (Honda), 600 Super Sport e Matteo Baiocco (Ducati), Superbike.

Saliranno sul gradino più alto del podio anche i vincitori della Coppa Italia 125 due tempi Michael Ruben Rinaldi (Aprilia) e della quattro tempi Luca Oppedisano (Kawaski), delle classi 600 e 1000 del Campionato Femminile, vinte rispettivamente dalla polacca Monika Jaworska (Yamaha) e da Letizia Marchetti (Ducati).

Toccherà poi ai giovanissimi campioni delle Minimoto: Simone Mazzola (Open A), Andrea Foriani (Open B), Gennaro Izzo (Junior A), Kevin Zannoni (Junior B), Mattia Casadei (Junior C) e Raffaele Fusco (SAV). Per la Mini G.P. indosseranno i caschi tricolori Nicolò Jarod Bulega (junior 50), Stefano Manzi (Senior 70) e Luca Marini (Mini G.P. 80).

Le premiazioni si chiuderanno con l’assegnazione dei sette titoli della Velocità in Salita: Marco Queirolo (Aprilia) 125 Open, Cristian Olcese (Yamaha) 250 Open, Stefano Nari (Triumph) 600 Stock, Stefano Manici (Triumph) Naked, Stefano Bonetti (Honda) 600 Open, Giuliano Covezzi (Aprilia) Supermotard e la coppia OzimoZanarini per i Sidecar.

 

 

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Circuiti - Moto

Il Tourist Trophy torna a grande richiesta in TV e in streaming su Nuvolari tutti i giorni alle 19.30 a partire da lunedì 7 luglio. La corsa motociclistica più pericolosa Il Tourist Trophy (abbreviato TT) è una corsa motociclistica diventata celebre a causa della sua pericolosità; si svolge sul circuito cittadino dello Snaefell Mountain Course (60,7 km), sull'isola di Man, tra case, muretti, pali della luce e condizioni climatiche spesso ostili. L'elevato numero di incidenti ha fatto discutere molto sull'opportunità di sospendere definitivamente il Tourist Trophy. Fino al 1976, infatti, fu valido nel Motomondiale come Gran Premio di Gran Bretagna; fu poi escluso dal calendario iridato proprio per questioni di sicurezza. Gli incidenti mortali del Tourist Trophy Il TT Isola di Man è stato teatro di numerosi incidenti mortali. Basti pensare che dal 1911 ad oggi, il numero di decessi sullo Snaefell Mountain Course è agghiacciante: ben 242 piloti in gara, 2 durante la parata storica, 2 ufficiali di gara, 2 spettatori e 1 passante. La prima vittima del tracciato fu l'inglese Victor Surridge: l'incidente si verificò in un tratto molto ripido presso Glen Helen, quando il motociclista tentò di superare un avversario andando largo e precipitando in un fosso. L'inchiesta stabilì che la morte di Victor Surridge probabilmente fu istantanea. Anche Joey Dunlop, pilota che detiene il maggior numero di vittorie con 26, è morto in gara nel 2000: è dedicata a lui la statua nell'immagine. Italiani morti sul tracciato della Snaefell Mountain Course Nella lunga lista di decessi figurano anche due italiani: Gilberto Parlotti nel 1972 - schiantatosi con la sua Morbidelli 125cc, sotto una pioggia incessante, alla sezione Verandah sulla A18 Mountain Road - e Marco Fattorelli nel 1988 - passeggero di sidecar morto dopo che Franco Martinel perse il controllo della sua Yamaha 750 a Gorse Lea vicino Greeba -. Fu proprio l'incidente di Gilberto ad essere determinante per la cancellazione dello Snaefell Mountain Course dal calendario del Motomondiale.
CONDIVIDI

Eventi Moto

Sabato 12 luglio 2014 presso l’Ippodromo V.S. Breda (via Ippodromo, 4) di Padova, dalle ore 16.00 alle ore 24.00, si terranno gli Internazionali d'Italia Supercross 2014 organizzati da SportEvents Italia. La prima edizione dell'evento ha mostrato di avere tutte le carte in regola per diventare un cult: gli Internazionali d'Italia Supercross proporranno anche quest'anno gli elementi di successo della scorsa edizione affinché l'evento si confermi unico nel suo genere. Sport, musica, spettacolo e tanto altro Gli Internazionali d'Italia Supercross 2014 saranno un evento all'insegna dello spettacolo: sport, musica, esibizioni e tanto altro saranno i protagonisti della serata che si svilupperà tra manches di supercross e di freestyle, garantendo uno spettacolo unico che manterrà il pubblico con il fiato costantemente sospeso. Non mancheranno aree ristoro e commerciali. Uno sport targato USA L'evento ospitato dall’ippodromo padovano punta anche ad allargare la notorietà del Supercross: uno sport proveniente dagli Stati Uniti caratterizzato da un'incredibile spettacolarità, il cui campionato riempie gli stadi molto più di quanto facciano gli eventi calcistici. Questi Internazionali d'Italia Supercross 2014 targati SportEvents si candidano per essere una svolta nel panorama provinciale, regionale e interregionale di questo sport: l’obiettivo è rendere Padova l'epicentro del panorama sportivo motocrossistico italiano. La spettacolarità del Supercross Alla base del successo di questo sport c'è senza dubbio la spettacolarità: circuiti artificiali ad alto tasso tecnico, all’interno di arene e stadi, danno agli spettatori un coinvolgimento superiore. Un altro aspetto positivo è la capacità di richiamare non solo gli appassionati, ma anche un gran numero di famiglie, curiosi e neofiti, garantendo una giornata di divertimento e spettacolo puri.
CONDIVIDI

News

Puntuale come ogni anno arriva il Tom Tom Traffic Index che rivela la classifica delle città più trafficate del mondo. Tom Tom Traffic Index Il TomTom Traffic Index è l’indice basato sul rilevamento dei dati di percorrenza reali, che vengono misurati  nell'arco dell’intera giornata. Ad essere rilevati sono i percorsi su tutte le strade urbane ed extraurbane di 180 città di tutto il mondo, delle quali 60 sono europee. In questo modo viene rivelata la percentuale di congestionamento delle diverse città attraverso più di 10 trilioni di misurazioni. Anche quest'anno sono due le città italiane che compaiono tra le prime 10 nella classifica delle città più trafficate del mondo. Si confermano infatti Palermo e Roma che per quanto riguarda il traffico non hanno nulla da invidiare a metropoli mondiali come Mosca, San Paolo, Los Angeles, Mexico City e Rio de Janeiro. Nella classifica europa, Palermo occupa la terza posizione, mentre a Roma spetta la quinta. Classifica delle città più trafficate d'Europa Mosca Instanbul Palermo Varsavia Roma Dublino Marsiglia Parigi Londra Atene Mosca non perde il suo primato di città più trafficata del mondo con un indice di congestione del 74%, addirittura 12 punti percentuali in più di Istanbul, che la segue al secondo posto. In pratica nell'ora di punta i tempi di percorrenza nelle strade di Mosca, cresce del 74% rispetto ad altri orari. I dati sono ancora più spaventosi se si prende in considerazione l'ora di punta della mattina, quando i tempi di percorrenza crescono del 111%, e quella della sera, dove si arriva ad un indice di congestione del 141%. Nella classifica delle città trafficate d'Europa spicca il miglioramento di Milano, che passa al 18° posto insieme a Berlino e migliora rispetto a Parigi, all' 8° posto, Londra, al 9° e Vienna al 16°. Bene Barcellona che si piazza al 28° posto con un indice di congestione del 25%, ma va ancora meglio per Madrid che occupa il 47° posto. Spagna e Nord Europa si dividono gli ultimi posti della classifica delle città più trafficate d'Europa grazie ai loro bassi indici di congestione. Malmo è la città con il più basso indice di congestione. 
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv