Ken Block: Adrenalina pura su quattro ruote…fumanti!
Il WRC 2012 riparte da Montecarlo
La FMI al Motor Bike Expo

La Federazione Motociclistica Italiana sarà presente anche quest’anno al Motor Bike Expo di Verona.

Sabato 21 gennaio alle 14.00 presso l’Auditorium Verdi ci sarà l’occasione di assistere alle premiazioni del CIV 2011 e degli altri campionati organizzati dalla FMI: Coppa Italia, MiniGP, Minimoto, Velocità in salita e Campionato Femminile. Inoltre per la prima volta ci sarà ancje la consegna premi per l’ Honda 125.

Sul podio saranno non solo i vincitori delle classifiche speciali, ma anche i piloti che hanno vinto i caschi tricolore. Ricordiamo infatti che la cerimonia di premiazione venne cancellata a seguito della scomparsa dell’indimenticabile Marco Simoncelli, avvenuta proprio nell’ultima giornata di gara del CIV al Mugello.

Paolo Sesti, presidente della Federazione Motociclistica Italiana, consegnerà i caschi tricolore 2011 a Niccolò Antonelli (Aprilia), 125 G.P. ad Alessandro Andreozzi (FTR), Moto 2, Berardino Lombardi (Yamaha), Stock 600, Danilo Petrucci (Ducati), Stock 1000, Ilario Dionisi (Honda), 600 Super Sport e Matteo Baiocco (Ducati), Superbike.

Saliranno sul gradino più alto del podio anche i vincitori della Coppa Italia 125 due tempi Michael Ruben Rinaldi (Aprilia) e della quattro tempi Luca Oppedisano (Kawaski), delle classi 600 e 1000 del Campionato Femminile, vinte rispettivamente dalla polacca Monika Jaworska (Yamaha) e da Letizia Marchetti (Ducati).

Toccherà poi ai giovanissimi campioni delle Minimoto: Simone Mazzola (Open A), Andrea Foriani (Open B), Gennaro Izzo (Junior A), Kevin Zannoni (Junior B), Mattia Casadei (Junior C) e Raffaele Fusco (SAV). Per la Mini G.P. indosseranno i caschi tricolori Nicolò Jarod Bulega (junior 50), Stefano Manzi (Senior 70) e Luca Marini (Mini G.P. 80).

Le premiazioni si chiuderanno con l’assegnazione dei sette titoli della Velocità in Salita: Marco Queirolo (Aprilia) 125 Open, Cristian Olcese (Yamaha) 250 Open, Stefano Nari (Triumph) 600 Stock, Stefano Manici (Triumph) Naked, Stefano Bonetti (Honda) 600 Open, Giuliano Covezzi (Aprilia) Supermotard e la coppia OzimoZanarini per i Sidecar.

 

 

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Anteprime

MV Agusta F3 800 AGO arriva nelle concessionarie a maggio 2014. La nuova F3 800 è nata per celebrare le incredibili imprese del mito del motociclismo Giacomo Agostini. La presenza del tricolore, dell'oro e del numero 1 fanno della F3 800 una fedele replica delle moto di quel periodo, ma con tutta la tecnologia più evoluta. [caption id="attachment_14609" align="alignnone" width="300"] MV Agusta F3 800 AGO[/caption] Tecnologia Grazie ai comandi al manubrio, il pilota può selezionare una delle tre tipologie di erogazione preimpostate. La gestione elettronica integrale è garantita dal sistema MVICS che permette al pilota di controllare completamente il processo e di godere di tutte le caratteristiche tecniche della F3 800 sia su strada che in pista. La F3 800 AGO, come accade per le moto da corsa, permette di scegliere anche il rapporto tra angolo di rotazione del gas e apertura del corpo farfallato. Poggiapiedi in lega di alluminio Ma sono i dettagli che rendono unica la MV Agusta F3 800, come i poggiapiedi in lega di alluminio ricavata dal pieno e  altri particolari anch'essi in alluminio. Parafanghi in fibra di carbonio Sia il parafango anteriore che quello posteriore sono in fibra di carbonio e conferiscono alla F3 800 un aspetto estremamente racing. I cerchi sapientemente forgiati permettono di diminuire di 2 kg il peso della F3 800 rispetto alla versione di serie. 300 esemplari Saranno solo 300 le MV Agusta F3 800 prodotte e in vendita da maggio 2014. Su ognuna sarà presente una targa d'argento con la numerazione progressiva e il serbatoio porterà la firma autografa di Giacomo Agostini. Prezzo MV Agusta F3 800 sarà in vendita a 23.900 euro.
CONDIVIDI

Moto

Ducati presenta la prima moto equipaggiata con il sistema di sicurezza wireless D-air. Si tratta della Ducati Multistrada D-Air, dotata di sistema wireless per collegarsi alle giacche da moto D-air di Dainese dotate di airbag. Come è fatto D-air? La giacca D-air protegge schiena, clavicole e torace grazie a due sacchi di 12 litri ad alta pressione e due generatori di gas a freddo che sono stati integrati nella fodera. La presenza degli airbag fa pesare la giacca solo 1,5 kg in più di una giacca normale, ma garantisce il massimo assorbimento della forza d'urto. Basta pensare che in caso di caduta la trasmissione della forza d'impatto sul corpo si riduce del 72% rispetto ad un normale para-schiena e dell'89% rispetto ad un protettore per il torace. Come funziona D-air? Bastano solo 45 millisecondi per attivare dopo un impatto o una caduta per strada la giacca D-air. La Ducati Multistrada 1200 S Touring sarà collegata con un sistema wireless alla giacca D-air indossata dal motociclista. Nei primi 12 millisecondi si attiva il procedimento per l'apertura e rappresenta il tempo necessario per capire se si è in presenza di un incidente potenzialmente pericoloso oppure di un incidente a bassa velocità oppure solo di una caduta della moto da ferma. A 25 millisecondi inizia l'espansione dei sacchi e dopo altri 20 millisecondi, allo scoccare dei 45 millisecondi, si apre l'airbag. Il sistema D-air si attiva anche in caso di scivolata, nel momento in cui si tocca terra, per evitare l'impatto con eventuali oggetti presenti. Prezzi D-air La Ducati Multistrada D-air sarà disponibile sul mercato a partire dal mese di maggio a circa 21.000 euro, il sistema wireless costa 700 euro, mentre le giacche D-air partiranno da un prezzo di 700 euro per i gilet fino ad arrivare a 1.400 euro per le giacche.  
CONDIVIDI

Altri Campionati - Moto

Tony Cairoli ha siglato una doppietta in Brasile portando a 30 punti il suo vantaggio in testa al campionato Tony Cairoli  e la sua KTM si sono rivelati ancora una volta imbattibili a Beto Carrero, nella regione di Santa Catarina ,in Brasile, dove sul circuito disegnato da Hermann Tilke, collocato all’interno del più grande parco tematico del Sud America, si è disputata la terza prova del mondiale MXGP. Il siciliano ha dominato entrambe le manche e ha portato a 30 punti il vantaggio sull’inseguitore francese Gautier Paulin (KRT Kawasaki Racing) e sul belga Jeremy Van Horebeek (Yamaha Motocross) che lo seguono appaiati. Si tratta della 65° vittoria in carriera per il pilota che ora è pronto per replicare il 12 e 13 aprile ad Arco di Trento dove si correrà il 2° GP Trentino, quarta prova del mondiale. “In Brasile mi sono davvero divertito, rispetto alle prove la pista era molto più tecnica e la pioggia non ha fatto che migliorare le cose”, ha commentato Cairoli “In queste condizioni riesco a guidare come voglio e a fare la differenza. Adesso arriva il GP Trentino, è la prima gara in Europa e si corre in Italia. E’ un appuntamento importantissimo per il quale mi sto preparando da tempo. So che la pista è stata alllungata, smossa e lavorata come piace a me. E’ noto che io non amo il terreno duro, ma il fascino di questa gara tra le Alpi è unico“. Nella classe MX2 in Brasile ha vinto a sorpresa lo svizzero Arnaud Tonus (Kawasaki), davanti all’olandese Coldenhoff (Suzuki). Anche per il ginevrino l’appuntamento di Arco di Trento è praticamente la gara di casa. Il due volte campione del mondo Jeffrey Herlings ha saltato invece la trasferta brasiliana per un infortunio ad una spalla subito in una gara del campionato olandese, ma sarà al via del GP Trentino. Di: Fiammetta La Guidara
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv