Ken Block: Adrenalina pura su quattro ruote…fumanti!
Il WRC 2012 riparte da Montecarlo
La FMI al Motor Bike Expo

La Federazione Motociclistica Italiana sarà presente anche quest’anno al Motor Bike Expo di Verona.

Sabato 21 gennaio alle 14.00 presso l’Auditorium Verdi ci sarà l’occasione di assistere alle premiazioni del CIV 2011 e degli altri campionati organizzati dalla FMI: Coppa Italia, MiniGP, Minimoto, Velocità in salita e Campionato Femminile. Inoltre per la prima volta ci sarà ancje la consegna premi per l’ Honda 125.

Sul podio saranno non solo i vincitori delle classifiche speciali, ma anche i piloti che hanno vinto i caschi tricolore. Ricordiamo infatti che la cerimonia di premiazione venne cancellata a seguito della scomparsa dell’indimenticabile Marco Simoncelli, avvenuta proprio nell’ultima giornata di gara del CIV al Mugello.

Paolo Sesti, presidente della Federazione Motociclistica Italiana, consegnerà i caschi tricolore 2011 a Niccolò Antonelli (Aprilia), 125 G.P. ad Alessandro Andreozzi (FTR), Moto 2, Berardino Lombardi (Yamaha), Stock 600, Danilo Petrucci (Ducati), Stock 1000, Ilario Dionisi (Honda), 600 Super Sport e Matteo Baiocco (Ducati), Superbike.

Saliranno sul gradino più alto del podio anche i vincitori della Coppa Italia 125 due tempi Michael Ruben Rinaldi (Aprilia) e della quattro tempi Luca Oppedisano (Kawaski), delle classi 600 e 1000 del Campionato Femminile, vinte rispettivamente dalla polacca Monika Jaworska (Yamaha) e da Letizia Marchetti (Ducati).

Toccherà poi ai giovanissimi campioni delle Minimoto: Simone Mazzola (Open A), Andrea Foriani (Open B), Gennaro Izzo (Junior A), Kevin Zannoni (Junior B), Mattia Casadei (Junior C) e Raffaele Fusco (SAV). Per la Mini G.P. indosseranno i caschi tricolori Nicolò Jarod Bulega (junior 50), Stefano Manzi (Senior 70) e Luca Marini (Mini G.P. 80).

Le premiazioni si chiuderanno con l’assegnazione dei sette titoli della Velocità in Salita: Marco Queirolo (Aprilia) 125 Open, Cristian Olcese (Yamaha) 250 Open, Stefano Nari (Triumph) 600 Stock, Stefano Manici (Triumph) Naked, Stefano Bonetti (Honda) 600 Open, Giuliano Covezzi (Aprilia) Supermotard e la coppia OzimoZanarini per i Sidecar.

 

 

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Moto

Sono stati accolti con grande entusiasmo i cambiamenti nel nuovo codice della strada: su tutti spiccano la possibilità di viaggiare in autostrada con le moto 125cc e alcune migliorie alla circolazione urbana su due ruote. Forse è meglio aspettare che il nuovo codice della strada si trasformi in legge prima di esultare, tuttavia il testo unificato della legge delega per la riforma del codice della strada italiano è stato approvato in Commissione Trasporti della Camera il 22 luglio 2014 e ha cominciato un iter di valutazione sulla "qualità del testo", sulla "legittimità costituzionale" e altri processi che - se tutto andrà per il verso giusto - dovrebbero portare alla trasformazione in legge del nuovo codice della strada entro la fine del 2014. Nei probabili rimbalzi tra le Camere potrebbero esserci dei cambiamenti, ma la sostanza dovrebbe restare invariata. Le novità principali sono state diffuse (e richieste) dall'Ancma - l'Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, che riunisce le aziende italiane costruttrici di veicoli a 2 e a 3 ruote, di parti ed accessori -  e riguardano soprattutto i mezzi a due ruote. Scooter e moto 125cc in autostrada dal 2015 Quella delle moto 125cc in autostrada è certamente la novità più importante: dalla fine del 2014 o presumibilmente dal 2015, in Italia le moto 125cc potranno circolare liberamente in autostrada e in tangenziale se guidate da conducenti maggiorenni. In realtà non si tratta di una novità rivoluzionaria, ma di un allineamento al resto d'Europa, come specifica l'Ancma: "così l'Italia si allinea al resto d'Europa, dove questa limitazione non è mai esistita". Altre novità del codice della strada 2014/2015 È probabile che ci saranno anche novità attualmente ignote. Tuttavia, accanto alla possibilità di prendere l'autostrada con le moto 125cc, vi sarà quella per biciclette, ciclomotori e motocicli di circolare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici: una misura che, per Ancma, aumenterà la sicurezza dei mezzi a due ruote, separandoli dal traffico ordinario come avviene già a Londra. Inoltre, anche i conducenti di ciclomotori e motocicli verranno inquadrati con lo status di "utenti vulnerabili", mentre per favorire la circolazione in sicurezza di biciclette, ciclomotori e motoveicoli, verrà limitata il più possibile la presenza a bordo strada di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail. A tal proposito l'Ancma ha redatto, in collaborazione con il DISS (Dipartimento di Sicurezza Stradale) dell'Università di Parma, delle linee guida per progettisti e tecnici dell'urbanistica per realizzare infrastrutture in linea con gli standard di sicurezza comunitari. Un'altra novità riguarderà le biciclette: alcune disposizioni avranno l'effetto di incentivare l'utilizzo delle biciclette; viene inoltre introdotto un sistema di "marchiatura volontaria del telaio", che renderà più semplice alla forze dell’ordine l’identificazione e il recupero delle biciclette rubate: magari il protagonista del celeberrimo "Ladri di biciclette" - capolavoro del neorealismo italiano - avrebbe avuto più possibilità di ritrovare la sua. Chi è stato in città come Parigi o Londra, avrà subito notato l'integrazione impeccabile di servizi ed infrastrutture appositamente predisposti per i ciclisti: bike sharing con tessere contactless esistenti già da molti anni, piste ciclabili ben delimitate, segnali stradali chiari. Tutti elementi di una forte volontà delle amministrazioni pubbliche di stimolare la mobilità sostenibile: una sensazione di sicurezza e di integrazione che non può lasciare indifferenti i cittadini, i quali metabolizzano i servizi, li utilizzano e li rendono ancor più efficienti. Non possiamo che auspicare un successo simile in Italia - dove non mancano, comunque, città virtuose per i ciclisti -: la normativa sembra - finalmente - aver preso la direzione giusta.
CONDIVIDI

Altri Sport

Gli eventi sportivi live prossimamente in onda su Nuvolari e Italia Smart Venerdì 5 settembre dalle 16.45: Europei di Basket 3x3 - in diretta da Bucarest la cerimonia di apertura e gli incontri ad eliminazione (maschili e femminili) commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Sabato 6 settembre dalle 17.00: Europei di Basket 3x3 - in diretta da Bucarest gli incontri ad eliminazione e i quarti di finale (maschili e femminili) commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Domenica 7 settembre dalle 16.00: Europei di Basket 3x3 - in diretta da Bucarest le semifinali (maschili e femminili) dalle 19.00: Europei di Basket 3x3 - in diretta da Bucarest le finali (maschili e femminili) commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello ________________________________________ Gli appuntamenti in diretta di Nuvolari sono visibili su digitale terrestre (canale 224), Tivùsat (canale 44) e in streaming su Italia Smart (previa registrazione gratuita). Scopri più informazioni sulle dirette nei nostri articoli: FIVB Beach volley FIBA 33
CONDIVIDI

Circuiti - Moto

Il Tourist Trophy torna a grande richiesta in TV e in streaming su Nuvolari tutti i giorni alle 19.30 a partire da lunedì 7 luglio. La corsa motociclistica più pericolosa Il Tourist Trophy (abbreviato TT) è una corsa motociclistica diventata celebre a causa della sua pericolosità; si svolge sul circuito cittadino dello Snaefell Mountain Course (60,7 km), sull'isola di Man, tra case, muretti, pali della luce e condizioni climatiche spesso ostili. L'elevato numero di incidenti ha fatto discutere molto sull'opportunità di sospendere definitivamente il Tourist Trophy. Fino al 1976, infatti, fu valido nel Motomondiale come Gran Premio di Gran Bretagna; fu poi escluso dal calendario iridato proprio per questioni di sicurezza. Gli incidenti mortali del Tourist Trophy Il TT Isola di Man è stato teatro di numerosi incidenti mortali. Basti pensare che dal 1911 ad oggi, il numero di decessi sullo Snaefell Mountain Course è agghiacciante: ben 242 piloti in gara, 2 durante la parata storica, 2 ufficiali di gara, 2 spettatori e 1 passante. La prima vittima del tracciato fu l'inglese Victor Surridge: l'incidente si verificò in un tratto molto ripido presso Glen Helen, quando il motociclista tentò di superare un avversario andando largo e precipitando in un fosso. L'inchiesta stabilì che la morte di Victor Surridge probabilmente fu istantanea. Anche Joey Dunlop, pilota che detiene il maggior numero di vittorie con 26, è morto in gara nel 2000: è dedicata a lui la statua nell'immagine. Italiani morti sul tracciato della Snaefell Mountain Course Nella lunga lista di decessi figurano anche due italiani: Gilberto Parlotti nel 1972 - schiantatosi con la sua Morbidelli 125cc, sotto una pioggia incessante, alla sezione Verandah sulla A18 Mountain Road - e Marco Fattorelli nel 1988 - passeggero di sidecar morto dopo che Franco Martinel perse il controllo della sua Yamaha 750 a Gorse Lea vicino Greeba -. Fu proprio l'incidente di Gilberto ad essere determinante per la cancellazione dello Snaefell Mountain Course dal calendario del Motomondiale.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv