Formula 1 – Nurburgring, la storia tra i monti dell'Eifel
Mazda al salone di New York: scoprila in diretta!
Memorial Bettega 2011

Si è conclusa ieri la 36esima edizione del Motor Show di Bologna.

Una manifestazione che potremmo definire “da urlo”. Nonostante la crisi economica e del settore automobilistico, l’edizione 2011 ha registrato numeri incredibili. Basti pensare che i dati non definitivi parlano di un incremento di pubblico del 10% rispetto all’edizione 2010.

Merito di una organizzazione impeccabile e dell’impegno e disponibilità delle case automobilistiche ad esporre auto per ogni esigenza.

Non sono mancate le gare che hanno animato la Mobil 1 Arena. Ieri si è concluso l’evento più noto del Motor Show: il Memorial Bettega.

La finale è stata estremamente combattuta. La vittoria è stata decisa solo dopo una doppia manche supplementare tra Petter Solberg e Andrea Dovizioso, che erano ancora in parità.

Inutile dire che Dovizioso, al suo debutto assoluto al Memorial Bettega, ha tenuto banco durante tutte le fasi del trofeo. In semifinale ha battuto persino Jari-Matti Latvala. Ma alla fine a vincere è stato Solberg. Una soddisfazione enorme per lui. Uno spettacolo incredibile per tutti gli spettatori del Motor Show 2011.

Appuntamento alla prossima edizione, dal 7 al 16 dicembre 2012

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Maserati festeggia il suo centesimo anniversario con un raduno a Modena. La Casa del Tridente, infatti, fu fondata il 1° dicembre 1914 a Bologna da Alfieri Maserati. Una storia fatta di successi, di periodi difficili e di tanto orgoglio: all'inizio sviluppava auto per gare su strada contando soltanto su 5 dipendenti, di cui 2 erano i fratelli di Alfieri Maserati: Ettore ed Ernesto. Il raduno Maserati 2014 è partito, come detto, da Modena insieme ai discendenti di Ettore ed Ernesto: Carlo e Alfieri Maserati. Le celebrazioni del 100° anniversario della fondazione della Maserati cominciano con questa prima giornata del programma ufficiale con un gran successo: più di 200 Maserati e oltre 500 collezionisti e clienti delle vetture del Tridente provenienti da 30 Paesi nei cinque continenti: 3500 GT, 5000 GT, A6GCS/53, Mexico, Ghibli, Sebring, Mistral, Quattroporte, Bora, Indy, Khamsin e anche il prototipo Boomerang, oltre ai modelli attuali. La flotta di Maserati di tutte le epoche si è riunita in piazza Grande: sullo sfondo la Ghirlandina, il celebre campanile della città emiliana. Si tratta di un evento dal respiro internazionale: gli Stati Uniti sono infatti il Paese numero 1 per unità vendute, la Cina segue (ma con un tasso di crescita maggiore). In Europa i risultati di Regno Unito, Germania e Italia sono pressoché identici. Forte interesse intorno al marchio anche in Australia e Giappone. Tutto è iniziato con la visita del capannone nel quale, in via de’ Pepoli, 1 (Bologna), fu fondata la Maserati per poi incontrare Carlo e Alfieri, i discendenti diretti di Ettore ed Ernesto.  Alfieri dichiara: "tra tante Case automobilistiche nate in Italia nel secolo scorso, solo poche hanno tagliato un traguardo così importante; Maserati ha un dna che racchiude genialità, innovazione e voglia di creare: cose uniche e diverse che ritroviamo anche nelle automobili di oggi". E poi tocca a Carlo, suo cugino: "100 anni fa nasceva Società Anonima Officine Alfieri Maserati; vorrei esprimere tutta la mia gratitudine a coloro che hanno reso possibile il successo di Maserati e di tendere verso nuovi traguardi. Il merito di questi successi viene anche dall'unità che ha sempre contraddistinto i membri della famiglia Maserati, oltre che - naturalmente - alle straordinarie prodezze tecniche, che ad esempio permisero di costruire una vettura racing in soli 6 mesi".
CONDIVIDI

Auto

Dal 18 al 21 settembre 2014 si terrà il 28° Gran Premio Nuvolari Un appuntamento attesissimo dai fan del grande Tazio Nuvolari, dagli appassionati di rare, preziose ed affascinanti auto d'epoca e dagli amanti delle città d'arte: si tratta del Gran Premio Nuvolari 2014 (28esima edizione) che si svolgerà dal 18 al 21 settembre 2014 tra Mantova, Rimini, Siena e tante meravigliose località. La scomparsa di Tazio Nuvolari, avvenuta l'11 agosto 1953, scosse il mondo intero per il valore umano e sportivo del grande pilota; ad esempio, commosse profondamente Renzo Castagneto, Aymo Maggi e Giovanni Canestrini - gli uomini della Mille Miglia: i tre che con Franco Mazzotti, scomparso durante la II Guerra Mondiale, avevano ideato e realizzato la "corsa più bella del mondo" -. Castagneto, il deus ex machina della Mille Miglia, ed i suoi amici erano autenticamente legati al pilota mantovano: non solo per l'affetto e la stima per l'uomo e l'ammirazione che provavano per il grande campione, ma anche per i sentimenti di riconoscenza che gli attribuivano, per essere stato tra coloro che, con le proprie gesta, avevano maggiormente contribuito all'inarrestabile crescita della loro creatura. Per onorarne la memoria, il percorso tradizionale della Mille Miglia venne modificato così da transitare per Mantova, sua città natale. Da allora, venne istituito il Gran Premio Nuvolari, da destinare al pilota più veloce e quindi da disputarsi sui lunghi rettilinei che percorrono la pianura Padana, partendo da Cremona e transitando per Mantova, fino al traguardo di Brescia. Oltre alle quattro edizioni storiche svoltesi dal 1954 al 1957 e volute dagli organizzatori della 1000 Miglia, oggi si sono disputate 23 rievocazioni del Gran Premio Nuvolari, sfida di regolarità internazionale riservata ad auto storiche. Dal 1991, i soci fondatori di Mantova Corse - Luca Bergamaschi, Marco Marani, Fabio Novelli e Claudio Rossi - continuano nella medesima opera tramandata dai leggendari fondatori della 1000 Miglia. Il fine, lo stesso: consentire ai piloti delle nuove generazioni di cimentarsi sulle vetture che scrissero la storia di quei giorni, rendendo omaggio al più grande, al più ardimentoso al più audace dei loro predecessori: il leggendario Tazio Nuvolari. Conferenza stampa a Mantova Il 13 settembre 2014, all’interno del Museo Tazio Nuvolari di Mantova, si è tenuta la conferenza stampa dove è stata annunciata la 28^ edizione del Gran Premio Nuvolari, una delle più importanti gare di regolarità dedicate alle auto d’epoca. Organizzata da Mantova Corse, dal Museo Tazio Nuvolari e dall'Aci, la manifestazione attira appassionati e neofiti provenienti da tutta Italia, ma anche dal resto del mondo. Il Gran Premio Nuvolari è da sempre simbolo di sana competizione e di spirito sportivo e rappresenta allo stesso tempo un’occasione imperdibile per ammirare e vivere appieno le bellezze artistico-culturali italiane, in un percorso che coinvolge alcune tra le città più belle, patrimonio dell’UNESCO. Alla conferenza stampa hanno presenziato i soci di Mantova Corse: Luca Bergamaschi, Marco Marani e Claudio Rossi che, oltre a illustrare le novità dell’edizione 2014 e le peculiarità del percorso, hanno reso noto l’elenco degli iscritti. A questa edizione, parteciperanno oltre 270 vetture, di cui 70 prestigiose d’anteguerra; buono il numero dei team italiani ai quali si affiancheranno i tantissimi provenienti dal resto dell’Europa: Svizzera, Germania, Polonia, Spagna, Francia, Belgio, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Lussemburgo, Olanda, Gran Bretagna e Austria. Da segnalare la presenza di equipaggi extra-europei con piloti provenienti da Russia, Australia e Argentina. Confermato anche per questa edizione il supporto di aziende prestigiose e autorevoli con Audi nelle vesti di main partner, Eberhard & Co., Etiqueta Negra polo & sportswear, e le più recenti Banca Generali e Ufi Filters. La 28^ edizione si svolgerà dal 18 al 21 settembre 2014 secondo i calendari di Federation Internationale de l’Automobile (F.I.A.), Federation Internationale Vehicules Anciens (F.I.V.A.), Commissione Sportiva Automobilistica Italiana (C.S.A.I.) e Automotoclub Storico Italiano (A.S.I.). Prossimo appuntamento venerdì 19 settembre alle ore 13, in piazza Sordello a Mantova per l’emozionante partenza delle auto. Le tappe del Gran Premio Nuvolari 2014 Ecco l'itinerario del Gran Premio Nuvolari 2014. [caption id="attachment_15792" align="aligncenter" width="800"] Ecco l'itinerario completo del Gran Premio Nuvolari 2014[/caption]
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Ad aggiudicarsi questa edizione 2014 della Coppa d'Oro delle Dolomiti è l’equipaggio Mozzi / Biacca su Triumph TR2 che, dopo aver già vinto la Mille Miglia 2014, prosegue una stagione sportiva ai vertici. Il podio della Coppa d'Oro delle Dolomiti 2014 La coppia mantovana si aggiudica il podio dopo un faticosissimo testa a testa di due giorni con i pluricampioni Cané / Galliani su Lancia Aprilia. Giuliano Canè, il più grande regolarista di tutti i tempi, vincitore di 10 Mille Miglia e 7 Coppe d’Oro delle Dolomiti, ha ceduto il passo a Giordano Mozzi nelle ultime tre prove di rientro a Cortina d’Ampezzo. Al terzo posto l’imprenditore bresciano Domenico Battagliola affiancato dal co-pilota Giacomo Salvalaggio su Austin Healey 100 BN1 del 1955. “Vincere nello stesso anno la Mille Miglia e la Coppa d’Oro delle Dolomiti è una gioia immensa”, spiega Giordano Mozzi dal podio. “Ad accomunare le due gare di regolarità sono sicuramente la grande difficoltà tecnica e la bellezza dei paesaggi attraversati”. Amareggiato per l’inattesa sconfitta Giuliano Canè: “È stata una gara bella e un duello appassionante con Mozzi - ammette - quest’anno possiamo dire che il testimone è passato di mano, ma non ho alcuna intenzione di abdicare; sempre con il fair play che caratterizza la manifestazione”. Coppa d'Oro 2014 anticipata: una scelta vincente C'era curiosità sui risultati di questo evento a causa dello spostamento di date: la Coppa d'Oro 2014 si è svolta venerdì 18 e sabato 19 luglio. Un bilancio positivo di questa 53° edizione della Coppa d'Oro - che il nostro Tazio Nuvolari definì “la Mille Miglia delle montagne” - viene espresso dal Presidente del Comitato Organizzatore Alessandro Casali: “la scelta di anticipare i giorni di gara, da settembre a luglio come nelle edizioni storiche, è stata vincente: abbiamo avuto un tempo splendido che ha agevolato i drivers su strade di montagna non semplici da affrontare e ha regalato panorami suggestivi. Va sottolineato, inoltre, che la Coppa d’Oro delle Dolomiti rappresenta non solo un importante evento sportivo, ma anche e soprattutto un volano economico per il territorio: nei quattro giorni di gara alberghi e ristoranti a Cortina hanno registrato il tutto esaurito e il Veneto e l’Alto Adige hanno potuto godere di visibilità nazionale e internazionale”.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv