Freestyle – A lezione con i Daboot: il Cliffhanger
Il CIV torna a Imola dopo cinque anni
Nissan presenta i piloti per il 2012

Nissan ha presentato i 3 giovani piloti che parteciperanno alle tre gare di endurance più famose del mondo.

Si tratta di Luca Ordonez, Jason Tresson e Jann Mardenborough, vincitori delle prime tre edizioni di GT Academy.

Quello di GT Academy è ormai un percorso collaudato che permette di formare con successo i piloti e renderli capaci di affrontare le competizioni più importanti a livello internazionale.

Luca Ordonez è il più grande pilota uscito fino ad ora da GT Academy. Il ventiseienne spagnolo è entrato nel team Greaves Motorsport per partecipare alla European Le Mans Series. Con Tom Kimber-Smith e Alex Brundle parteciperà alla Zytek-Nissan LMP2. Alla 24 Ore di Le Mans, invece, correrà con Martin e Alex Brundle.

Chi ha davvero bruciato le tappe è il ventitreenne francese Jordan Tresson. Dopo aver vinto in GT Academy nel 2010, ha concluso la stagione del suo debutto con una vittoria nel campionato GT. Attualmente è pronto a salire nella classe LMP2 del nuovo FIA World Endurance Championship con Signatech Nissan.  Seguirà, poi, le orme di Ordonez partecipando alla 24 Ore di Le Mans, in estate.

Jann  Mardenborough, a soli vent’anni, è il pilota più giovane. Ha vinto la terza edizione di GT Academy solo pochi mesi fa ed è pronto ad affrontare la prossima stagione del Blancpain Endurance Series, che lo vedrà protagonista a bordo della nuova sportiva da corsa Nissan con specifiche GT3: la Nissan GT-R Nismo GT3.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Il Museo Ferrari di Maranello si allarga e apre la mostra California Dreaming. Il Museo Ferrari ha appena inaugurato il nuovo edificio che ospita l’ufficio informazioni e l’area divertimento. Area divertimento Un’area divertimento riservata a bambini, ragazzi e, perché no, adulti che potranno cimentarsi con delle vere Formula 1 trasformate in simulatori. La mostra California Dreaming La vera novità dell’anno è la mostra dal titolo California Dreaming che sarà ospitata al Museo Maranello per tutto il 2014 e che certamente riuscirà a superare il record di 32.000 visitatori paganti, registrato nel 2013. La mostra California Dreaming, che celebra non solo il debutto della California T a Ginevra, ma anche i 60 anni di Ferrari negli USA, si sviluppa in 5 sale del Museo Ferrari. Prima sala La prima sala è collocata al pian terreno ed è dedicata alle corse e celebra in particolare la pista di Laguna Seca con la sua famosa curva soprannominata cavatappi. In mostra la 312 di Mario Andretti, la 156 con la quale Phil Hill vinse il titolo mondiale, la T4 di Gilles Villeneuve e la 375 con la quale Alberto Ascari partecipò alla 500 Miglia di Indianapolis nel 1952 e la Ferrari realizzata per l’IndyCar degli anni’80 accanto alla sua derivata Alfa Romeo con telaio Lola. Nella seconda ala della prima sala si trovano le moto Yamaha e Ducati di Valentino Rossi e Casey Stoner con le quali diedero vita ad un memorabile duello con sorpasso proprio sulla curva del cavatappi di Laguna Seca. Non manca l’angolo delle rarità come la 712 Can Am, costruita per la Nordamericana del 1971, la 333 SP e il prototipo sportivo 330P che dominò il Mondiale Marche. Seconda sala Nella seconda sala il tema è la Ferrari nel cinema con le auto protagoniste dei film hollywoodiani e gli Oscar italiani. La passeggiata continua nell’allestimento che riproduce le famose Rodeo Drive e Beverly Hills dove troneggiano la California degli anni ’50 e la nuovissima T, contornate da una delle dieci 275 GTB4 NART, venduta all’asta a 25 milioni di dollari e dalle più classiche 250 America, Spider Pininfarina e SA Aperta. Campo da golf La sala successiva è stata trasformata in un campo da golf e rappresenta Pebble beach e il suo famoso Concorso d’Eleganza. Anche in questa sala le auto sono protagoniste: la 500 Superfast, la 330 America e la 400 Superamerica. In mostra anche la Ferrari trasformata in Burano protagonista del film Destino sull’asfalto con Kirk Douglas, la Thomassina, una 250 GT ispirata alla P4 realizzata dal designer americano Tom Meade e la Testa d’oro, realizzata su telaio Testarossa da Colani. Tecnologia Nell’ultima sala si parla di tecnologia con i volanti-computer dell’era Schumacher, il cambio F1 al volante, i freni carboceramici, i motori turbo di nuova generazione e la supercar La Ferrari.
CONDIVIDI

Auto

Stefano Domenicali lascia la Ferrari. Alla fine Stefano Domenicali si è dimesso dal suo incarico da team principal di Scuderia Ferrari. Il suo posto sarà preso da Marco Mattiacci. Le parole di Stefano Domenicali "Ci sono particolari momenti nella vita professionale di ognuno di noi in cui ci vuole il coraggio di prendere decisioni difficili e anche molto sofferte. È ora di attuare un cambiamento importante. Da capo, mi assumo la responsabilità,  come ho sempre fatto, della situazione che stiamo vivendo. Si tratta di una scelta presa con la volontà di fare qualcosa per dare una scossa al nostro ambiente e per il bene di questo gruppo, a cui sono molto legato. Ringrazio di cuore tutte le donne e gli uomini della squadra, i piloti e i partner per il magnifico rapporto avuto in questi anni. A tutti auguro che presto si possa tornare ai livelli che la Ferrari merita. Infine, vorrei fare l’ultimo ringraziamento al nostro Presidente per avermi sempre sostenuto e un saluto a tutti i tifosi con il rammarico di non aver raccolto quanto duramente seminato in questi anni". Malcontento dei tifosi Ferrari Luca Montezemolo aveva già preso posizione dopo gli insuccessi della Ferrari nell'avvio del Campionato Mondiale di Formula 1 2014: è arrivato il momento di cambiare. Ma Stefano Domenicali non ha atteso e ha deciso di dimettersi anche alla luce del malcontento dei tifosi che lo ritengono la causa principale degli insuccessi della Ferrari.  
CONDIVIDI

Auto

RC Auto con copertura aggiuntiva per il 56% degli italiani al volante. La ricerca del portale Facile.it ha evidenziato come in questo ultimo periodo sia cresciuto il numero di richieste di coperture aggiuntive al momento del rinnovo della polizza RC Auto. Sono stati analizzati 1.000.000 di preventivi arrivati nell'ultimo bimestre che hanno evidenziato tutte le coperture aggiuntive alla polizza base che sono state richieste dagli automobilisti. Le coperture aggiuntive maggiormente richieste sono l'infortunio al conducente richiesta dal 47,4%, l'assistenza stradale richiesta dal 41,1% , la tutela legale e i tradizionali furto e incendio. Regioni Da notare che le coperture assicurative aggiuntive sono state richieste maggiormente nelle regioni del Nord Italia. In Lombardia il 72% degli automobilisti ha optato per coperture aggiuntive. Seguono nella classifica il Trentino Alto Adige con il 66% e la Liguria con il 61%. Non va così nel Sud Italia, dove sono veramente in pochi a richiedere delle coperture aggiuntive della RC Auto: in Campania il 16% degli automobilisti, in Puglia e Calabria il 15%.  Ricordiamo però che in molte città di queste regioni le tariffe delle RC Auto sono già molto alte e disincentivano gli automobilisti a cercare ulteriori coperture. Categorie professionali Tra le categorie professionali sono agenti di commercio, imprenditori e dirigenti ad acquistare le coperture aggiuntive alla RC Auto. A preoccuparsi di meno sembrano essere gli appartenenti alle forze armate, che si attestano dietro a pensionati e disoccupati. Uomini e donne Quasi nessuna differenza tra uomini e donne, anche se queste ultime sono più interessate degli uomini alla copertura assicurativa in caso di infortunio al conducente (48,4% contro 46,7%) e all'assistenza stradale (42,1% contro il 40,6%).  
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv