Freestyle – A lezione con i Daboot: il Cliffhanger
Il CIV torna a Imola dopo cinque anni
Nissan presenta i piloti per il 2012

Nissan ha presentato i 3 giovani piloti che parteciperanno alle tre gare di endurance più famose del mondo.

Si tratta di Luca Ordonez, Jason Tresson e Jann Mardenborough, vincitori delle prime tre edizioni di GT Academy.

Quello di GT Academy è ormai un percorso collaudato che permette di formare con successo i piloti e renderli capaci di affrontare le competizioni più importanti a livello internazionale.

Luca Ordonez è il più grande pilota uscito fino ad ora da GT Academy. Il ventiseienne spagnolo è entrato nel team Greaves Motorsport per partecipare alla European Le Mans Series. Con Tom Kimber-Smith e Alex Brundle parteciperà alla Zytek-Nissan LMP2. Alla 24 Ore di Le Mans, invece, correrà con Martin e Alex Brundle.

Chi ha davvero bruciato le tappe è il ventitreenne francese Jordan Tresson. Dopo aver vinto in GT Academy nel 2010, ha concluso la stagione del suo debutto con una vittoria nel campionato GT. Attualmente è pronto a salire nella classe LMP2 del nuovo FIA World Endurance Championship con Signatech Nissan.  Seguirà, poi, le orme di Ordonez partecipando alla 24 Ore di Le Mans, in estate.

Jann  Mardenborough, a soli vent’anni, è il pilota più giovane. Ha vinto la terza edizione di GT Academy solo pochi mesi fa ed è pronto ad affrontare la prossima stagione del Blancpain Endurance Series, che lo vedrà protagonista a bordo della nuova sportiva da corsa Nissan con specifiche GT3: la Nissan GT-R Nismo GT3.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Moto

Sono stati accolti con grande entusiasmo i cambiamenti nel nuovo codice della strada: su tutti spiccano la possibilità di viaggiare in autostrada con le moto 125cc e alcune migliorie alla circolazione urbana su due ruote. Forse è meglio aspettare che il nuovo codice della strada si trasformi in legge prima di esultare, tuttavia il testo unificato della legge delega per la riforma del codice della strada italiano è stato approvato in Commissione Trasporti della Camera il 22 luglio 2014 e ha cominciato un iter di valutazione sulla "qualità del testo", sulla "legittimità costituzionale" e altri processi che - se tutto andrà per il verso giusto - dovrebbero portare alla trasformazione in legge del nuovo codice della strada entro la fine del 2014. Nei probabili rimbalzi tra le Camere potrebbero esserci dei cambiamenti, ma la sostanza dovrebbe restare invariata. Le novità principali sono state diffuse (e richieste) dall'Ancma - l'Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, che riunisce le aziende italiane costruttrici di veicoli a 2 e a 3 ruote, di parti ed accessori -  e riguardano soprattutto i mezzi a due ruote. Scooter e moto 125cc in autostrada dal 2015 Quella delle moto 125cc in autostrada è certamente la novità più importante: dalla fine del 2014 o presumibilmente dal 2015, in Italia le moto 125cc potranno circolare liberamente in autostrada e in tangenziale se guidate da conducenti maggiorenni. In realtà non si tratta di una novità rivoluzionaria, ma di un allineamento al resto d'Europa, come specifica l'Ancma: "così l'Italia si allinea al resto d'Europa, dove questa limitazione non è mai esistita". Altre novità del codice della strada 2014/2015 È probabile che ci saranno anche novità attualmente ignote. Tuttavia, accanto alla possibilità di prendere l'autostrada con le moto 125cc, vi sarà quella per biciclette, ciclomotori e motocicli di circolare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici: una misura che, per Ancma, aumenterà la sicurezza dei mezzi a due ruote, separandoli dal traffico ordinario come avviene già a Londra. Inoltre, anche i conducenti di ciclomotori e motocicli verranno inquadrati con lo status di "utenti vulnerabili", mentre per favorire la circolazione in sicurezza di biciclette, ciclomotori e motoveicoli, verrà limitata il più possibile la presenza a bordo strada di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail. A tal proposito l'Ancma ha redatto, in collaborazione con il DISS (Dipartimento di Sicurezza Stradale) dell'Università di Parma, delle linee guida per progettisti e tecnici dell'urbanistica per realizzare infrastrutture in linea con gli standard di sicurezza comunitari. Un'altra novità riguarderà le biciclette: alcune disposizioni avranno l'effetto di incentivare l'utilizzo delle biciclette; viene inoltre introdotto un sistema di "marchiatura volontaria del telaio", che renderà più semplice alla forze dell’ordine l’identificazione e il recupero delle biciclette rubate: magari il protagonista del celeberrimo "Ladri di biciclette" - capolavoro del neorealismo italiano - avrebbe avuto più possibilità di ritrovare la sua. Chi è stato in città come Parigi o Londra, avrà subito notato l'integrazione impeccabile di servizi ed infrastrutture appositamente predisposti per i ciclisti: bike sharing con tessere contactless esistenti già da molti anni, piste ciclabili ben delimitate, segnali stradali chiari. Tutti elementi di una forte volontà delle amministrazioni pubbliche di stimolare la mobilità sostenibile: una sensazione di sicurezza e di integrazione che non può lasciare indifferenti i cittadini, i quali metabolizzano i servizi, li utilizzano e li rendono ancor più efficienti. Non possiamo che auspicare un successo simile in Italia - dove non mancano, comunque, città virtuose per i ciclisti -: la normativa sembra - finalmente - aver preso la direzione giusta.
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Le dirette di Nuvolari non si fermano neanche ad Agosto! I prossimi weekend saranno ricchi di appuntamenti con lo sport. Beach Volley e Basket saranno i protagonisti dei weekend di Nuvolari. Sabato 23 agosto dalle 10.55 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Semifinali Femminili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 14.40 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Finali bronzo e oro Femminili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata Domenica 24 agosto dalle 10.55 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Semifinali Maschili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 14.40 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Finali bronzo e oro Maschili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 17.00 FIBA 3x3 World Tour - Praga commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Lunedì 25 agosto dalle 19.15 Supercoppa di Turchia (da Manisa, Turchia): Fenerbahçe vs Galatasaray   commento di Luciano Cesaretti Sabato 30 agosto Campionato Italiano Beach Volley - Quarti di Finale Maschile e Femminile - Catania dalle 15.30 commento di Misa Urbano e Gianluca Scarlata FIBA 3x3 World Tour Losanna dalle 19.30 commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Domenica 31 agosto Campionato Italiano Beach Volley - Semifinali e Finali Finale Maschile e Femminile - Catania dalle 12.30 commento di Misa Urbano e Gianluca Scarlata
CONDIVIDI

Auto

Per il campionato mondiale di Formula 1 2015 la Sauber sembra intenzionata a dare spazio a Simona de Silvestro, pilota svizzera entrata a far parte della scuderia di Hinwil all'inizio del 2014. Il profilo di Simona de Silvestro Simona de Silvestro, nata il 1 settembre del 1988, viene da Thun, Svizzera. Ha partecipato alla prima gara kart nel 1996: dopo 9 anni ha debuttato in Formula Renault e l'anno dopo negli USA in Formula BMW diventando la prima donna a salire sul podio ad Indianapolis. In tempi più recenti, ha corso per la KV Racing Technology nelle IZOD IndyCar Series. Nel corso della sua carriera, Simona de Silvestro si è guadagnata il soprannome "The Iron Maiden"; è stata anche vittima di un incidente nel 2011 che le ha provocato delle ustioni alle mani a causa dell'incendio dell'autovettura. La Sauber annuncia di averla ingaggiata nel febbraio 2014 e di aver previsto un anno di addestramento col team con l'obiettivo di iniziare a correre ufficialmente nel 2015. I test - con la Sauber 2012 - sono iniziati a Fiorano, nell'aprile 2014. Una donna per rilanciare la Formula 1 La Formula 1 non sta vivendo di certo i suoi tempi migliori: troppe regole e troppa tecnologia sembrano aver portato via l'agonismo e le emozioni da cardiopalmo che questo sport aveva sempre regalato ai suoi numerosi proseliti. Le critiche a questo sport sono aumentate in modo esponenziale e sono in molti a ritenere che la bravura del pilota sia ormai quasi ininfluente. Sembra, pertanto, che un eventuale sedile assegnato a Simona de Silvestro sia visto con grande favore dai vari sponsor e da coloro i quali curano le immagini dei brand e gli aspetti economici della competizione: una novità che potrebbe allargare il pubblico - composto prevalentemente da uomini - e portare un po' di nuova attenzione sulla Formula 1. Simona de Silvestro dovrà dimostrare in pista il proprio talento e la propria idoneità a sedere su una monoposto di F1 se vuole evitare facili luoghi comuni sull'inadeguatezza del gentil sesso agli sport motoristici. Ma anche se non dovesse riuscirci, ciò non sarà sufficiente a spostare l'attenzione dalla noiosità della Formula 1 che per alcuni è diventata "uno sport per femminucce". E di certo non per la presenza di una donna al volante.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv