Kitesnow, a vela sulla neve
Continental assume!
Patente di guida A e B: novità dal 19 gennaio 2013

Novità per la patente di guida dal 19 gennaio 2013.

Le novità per il conseguimento dei diversi tipi di patente riguardano principalmente l'età dei futuri guidatori, come previsto dal nuovo art. 115 del Codice della strada, e le categorie di patenti che secondo il nuovo art.116 del Codice della strada diventano 15.

Patente AM

La patente AM è necessaria per la guida di ciclomotori a 2 o 3 ruote e di quadricicli leggeri (cilindrata inferiore o uguale a 50 cm3 o potenza inferiore o uguale 4 kW, velocità inferiore o uguale a 45 km/h, massa a vuoto inferiore o uguale a 350 kg, escluse batterie). Questa patente può essere conseguita in Italia a partire dai 14 anni, ma è valida per guidare sul territorio UE e SEE solo dai 16 anni.  

Patente A1

La patente A1 è richiesta per la guida di motocicli di cilindrata inferiore e uguale a 125 cm3 o potenza inferiore o uguale 11 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,10 kW/kg e tricicli di potenza inferiore o uguale a 15 kW. La patente A1 può essere conseguita a partire dai 16 anni.

Patente A2

La patente A2 è necessaria per la guida di motocicli con potenza inferiore o uguale a 35 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,20 kW/kg, che non derivino da una versione che che sia in grado di sviluppare più del doppio della potenza consentita e di tricicli di potenza inferiori oguali a 15 kW. Per conseguire la patente A2 occorre avere 18 anni.

Patente A

Se si consegue la patente A, si possono guidare motocicli senza nessuna limitazione oltre a tricicli di potenza inferiore a 15 kW, ma solo se il guidatore ha già compiuto 21 anni.

Si può conseguire la patente A in maniera graduale a partire dai 20 anni se si ha già una patente A2 da almeno 2 anni. In caso contrario si può conseguire la patente A a partire dai 24 anni. In ogni caso occorre superare la prova pratica di guida.

Patente B1

La patente B1 è necessaria per quadricicli non leggeri, con massa a vuoto inferiore o uguale a 400 kg o 550 kg se utilizzati per trasportare cose, ad esclusione delle batterie. la potenza nominale netta del quadriciclo deve essere pari o inferiore a 15 kW. La patente B1 può essere conseguita a 16 anni e non abilita alla guida di nessun motociclo.

Patente B

La patente B è necessaria per la guida di autovetture con fino a 9 posti passeggero e massa massima autorizzata minore o guale a 3.500 kg. È possibile conseguire la patente B a partire dai 18 anni.

Con la patente B si possono guidare anche altri veicoli:

  • rimorchio con massa autorizzata pari o minore a 750 kg
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg purchè nel complesso la massa si al massimo pari a 3.500 kg.
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg e massa massima autorizzata maggiore di 3.500 kg ma inferiore o guale a 4.250 kg, a condizionare di superare un esame praticato su un mezzo specifico. Questa estensione della patente B prevede l'apposizione sulla patente del codice 96.

Patente BE

La Patente BE è necessaria per poter guidare dei veicoli complessi composti da motrice di categoria B e rimorchio con massa autorizzata maggiore di 750 kg ma pari al massimo a 3.500 kg. la massa massima autorizzata è pari o minore di 7.000 kg. La patente BE può essere conseguita dai 18 anni di età.

Validità

  • tutte le nuove categorie di patenti sono valide per la guida di veicoli della categoria AM
  • con la patente A2 si possono guidare i veicoli della categoria A1
  • con la patente A si possono guidare i veicoli compresi nella categoria A1 e A2
  • la patente B è valida per la guida di veicoli di categoria B1 e solo in Italia anche per la guida dei veicoli compresi nella patente A1 e i tricicli con potenza inferiore ai 15 kW, a condizione che si abbiamo almeno 21 anni. 
  • la patenti speciali AM, A1, A2, A, B1 e B sono valide colo per i veicoli con le caratteristiche indicate sulla patente stessa.

Inoltre dal 19 gennaio 2013:

  • la preparazione della prova tecnica relativa al conseguimento della patente AM non sarà più impartita dalle scuole. Ci si potrà quindi presentare all'esame da privatisti o frequentare un corso in una autoscuola.
  • può conseguire una patente di guida in Italia o rinnovarla chi ha residenza anagrafica in Italia, o un cittadino membro della UE o del SEE che risieda normalmente in Italia.
Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Moto

Era tra i padri fondatori della Bimota: progettista e designer, la sua matita aveva disegnato anche la Ducati 916 e la MV Agusta F4 Lutto nel mondo del motociclismo per la scomparsa del designer Massimo Tamburini. Aveva 71 anni e un male incurabile se l’è portato via nel giro di pochi mesi. Aveva una passione infinita per il mondo delle due ruote, Massimo Tamburini: la sua carriera era iniziata nel lontano 1971, quando, appena diciannovenne, aveva sviluppato la sua prima special su base MV Agusta. Quattro anni più tardi, era già tra i padri fondatori di Bimota: lo storico marcio riminese, infatti, è l’acronimo delle iniziali di tre cognomi: Bianchi, Morri e, appunto, Tamburini, che in Bimota rimase per venti anni. Il suo talento lo portò poi a diventare responsabile del design del gruppo Cagiva/Ducati, quando era nelle mani della famiglia Castiglioni, con cui collaborò per quasi tutto il resto della sua carriera. Sua è la Ducati 851, la prima moto italiana a vincere un mondiale Superbike, come anche la Ducati 916, che ha letteralmente dato inizio all'epoca delle moto sportive contemporanee. A lui si deve anche la rinascita della MV Agusta: moto come la F4 e la Brutale hanno aperto un nuovo capitolo della storia di quest'azienda e hanno dato una spinta alla crescita del marchio assieme a Claudio Castiglioni, anche lui scomparso di recente. Massimo Tamburini si è sempre distinto per l’innata capacità di unire passione, arte e tecnica: sapeva trasformare in realtà le moto che nascevano dai sogni, coniugando la bellezza oggettiva alle esigenze di produzione delle Case motociclistiche. “Tutti noi di Bimota riconosciamo a te, il genio, l’eccellenza, la ricerca della perfezione sin nel più piccolo dettaglio, l’essere un faro illuminante per generazioni di motociclisti”, così scrive lo staff della Casa riminese in una lettera aperta a Massimo Tamburini. “Hai scritto un pezzo importante nella storia del motociclismo italiano e mondiale e noi vogliamo che tu sappia che porteremo avanti il tuo sogno per continuare ad emozionare, come ogni tuo progetto ha fatto in tutti questi anni. Domenica prossima saremo in pista ad Aragona, in Spagna, perchè Bimota torna a correre. In fondo eri proprio tu a dire…’nata per correre’!” Nella sua livrea bianca e rossa, la Bimota BB3, infatti, è pronta per debuttare nel mondiale Superbike nella tappa di Aragon, in calendario il 13 aprile, con i piloti Ayrton Badovini e Christian Iddon, con un team belga guidato da Francois Batta. Di: Fiammetta La Guidara  
CONDIVIDI

Auto

In viaggio in Italia con veicolo con targa straniera? Finalmente le multe prese in Italia si pagheranno. Gli stranieri che viaggeranno in Italia con le loro auto e verranno multati a seguito di una infrazione del Codice della Strada da ora in avanti dovranno pagare le contravvenzioni. Direttiva 2044/82/UE L'Italia si è infatti adeguata alla direttiva 2044/82/UE intesa ad agevolare lo scambio transfrontaliero sulle infrazioni in materia di sicurezza stradale con il il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, nr. 37, entrato in vigore il 22 marzo. Il decreto prevede l'istituzione dei "punti di contatto" degli Stati che dovranno scambiarsi tutti i dati relativi ai veicoli, dall'immatricolazione alle informazioni sui proprietari. Violazioni contestate Le violazioni al Codice della Strada che potranno essere contestate ai cittadini della Unione Europea sono: eccesso di velocità mancato arresto davanti al semaforo rosso mancato uso delle cinture di sicurezza guida in stato di ebbrezza guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti circolazione su corsie riservate uso scorretto del telefono mobile o di qualsiasi altro dispositivo durante la guida Come funziona Una volta che è stata emessa la multa, la polizia stradale invierà telematicamente la richieste dei dati sul veicolo e sul proprietario al punto di contatto nazionale. In Italia il punto di contatto sarà la Direzione generale per la Motorizzazione che si occuperà di inviare le richieste al punto di contatto nazionale dello Stato interessato. Non tutti sono d'accordo. Danimarca, Irlanda e Regno Unito hanno annunciato che non aderiranno alla direttiva 2044/82/UE.
CONDIVIDI

Moto

Dall' 1 aprile 2014 è in vigore lo stop a moto e motorini a 4 tempi Euro 1 all'interno della ZTL dell'anello ferroviario di Roma. Residenti all'interno dell'anello ferroviario Il divieto di circolazione delle moto e dei motorini Euro 1 è rivolto anche ai possessori che risiedono all'interno della ZTL dell'anello ferroviario ed è in vigore dal lunedì al venerdì. Si può circolare liberamente durante il weekend e in caso di festività infrasettimanali. Ordinanza sindacale 46 del 28 marzo 2014 Scade con l'ordinanza sindacale 46 del 28 marzo 2014 l'ultima deroga prevista dal Comune di Roma per le moto e i motorini Euro 1. Già dal novembre 2013 i possessori di tali veicoli residenti al di fuori dell'anello ferroviario avevano il divieto di utilizzo. Proteste In molti hanno protestato per questo provvedimento sostenendo che chi va in moto inquina meno. Lo ha fatto anche ANCMA sottolineando come le emissioni di CO2 dei veicoli a due ruote incidano solo per il 5% sull'inquinamento totale delle città italiane. Anche l'amministrazione di Milano ha deciso di far circolare liberamente nella ZTL tutti i tipi di motoveicoli con diminuzioni notevoli dei livelli di inquinamento. L'attuale situazione economica degli italiani renderà inoltre impossibile per molti l'acquisto di un nuovo motoveicolo con il conseguente ricorso all'automobile che, si sa, fa crescere traffico e inquinamento. Sanzione Attenzione! La sanzione per chi verrà scoperto a circolare in sbafo al divieto, dovrà pagare una sanzione dell'importo di 155 euro (art.7 - comma 13 bis Codice della Strada)
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv