Kitesnow, a vela sulla neve
Continental assume!
Patente di guida A e B: novità dal 19 gennaio 2013

Novità per la patente di guida dal 19 gennaio 2013.

Le novità per il conseguimento dei diversi tipi di patente riguardano principalmente l'età dei futuri guidatori, come previsto dal nuovo art. 115 del Codice della strada, e le categorie di patenti che secondo il nuovo art.116 del Codice della strada diventano 15.

Patente AM

La patente AM è necessaria per la guida di ciclomotori a 2 o 3 ruote e di quadricicli leggeri (cilindrata inferiore o uguale a 50 cm3 o potenza inferiore o uguale 4 kW, velocità inferiore o uguale a 45 km/h, massa a vuoto inferiore o uguale a 350 kg, escluse batterie). Questa patente può essere conseguita in Italia a partire dai 14 anni, ma è valida per guidare sul territorio UE e SEE solo dai 16 anni.  

Patente A1

La patente A1 è richiesta per la guida di motocicli di cilindrata inferiore e uguale a 125 cm3 o potenza inferiore o uguale 11 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,10 kW/kg e tricicli di potenza inferiore o uguale a 15 kW. La patente A1 può essere conseguita a partire dai 16 anni.

Patente A2

La patente A2 è necessaria per la guida di motocicli con potenza inferiore o uguale a 35 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,20 kW/kg, che non derivino da una versione che che sia in grado di sviluppare più del doppio della potenza consentita e di tricicli di potenza inferiori oguali a 15 kW. Per conseguire la patente A2 occorre avere 18 anni.

Patente A

Se si consegue la patente A, si possono guidare motocicli senza nessuna limitazione oltre a tricicli di potenza inferiore a 15 kW, ma solo se il guidatore ha già compiuto 21 anni.

Si può conseguire la patente A in maniera graduale a partire dai 20 anni se si ha già una patente A2 da almeno 2 anni. In caso contrario si può conseguire la patente A a partire dai 24 anni. In ogni caso occorre superare la prova pratica di guida.

Patente B1

La patente B1 è necessaria per quadricicli non leggeri, con massa a vuoto inferiore o uguale a 400 kg o 550 kg se utilizzati per trasportare cose, ad esclusione delle batterie. la potenza nominale netta del quadriciclo deve essere pari o inferiore a 15 kW. La patente B1 può essere conseguita a 16 anni e non abilita alla guida di nessun motociclo.

Patente B

La patente B è necessaria per la guida di autovetture con fino a 9 posti passeggero e massa massima autorizzata minore o guale a 3.500 kg. È possibile conseguire la patente B a partire dai 18 anni.

Con la patente B si possono guidare anche altri veicoli:

  • rimorchio con massa autorizzata pari o minore a 750 kg
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg purchè nel complesso la massa si al massimo pari a 3.500 kg.
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg e massa massima autorizzata maggiore di 3.500 kg ma inferiore o guale a 4.250 kg, a condizionare di superare un esame praticato su un mezzo specifico. Questa estensione della patente B prevede l'apposizione sulla patente del codice 96.

Patente BE

La Patente BE è necessaria per poter guidare dei veicoli complessi composti da motrice di categoria B e rimorchio con massa autorizzata maggiore di 750 kg ma pari al massimo a 3.500 kg. la massa massima autorizzata è pari o minore di 7.000 kg. La patente BE può essere conseguita dai 18 anni di età.

Validità

  • tutte le nuove categorie di patenti sono valide per la guida di veicoli della categoria AM
  • con la patente A2 si possono guidare i veicoli della categoria A1
  • con la patente A si possono guidare i veicoli compresi nella categoria A1 e A2
  • la patente B è valida per la guida di veicoli di categoria B1 e solo in Italia anche per la guida dei veicoli compresi nella patente A1 e i tricicli con potenza inferiore ai 15 kW, a condizione che si abbiamo almeno 21 anni. 
  • la patenti speciali AM, A1, A2, A, B1 e B sono valide colo per i veicoli con le caratteristiche indicate sulla patente stessa.

Inoltre dal 19 gennaio 2013:

  • la preparazione della prova tecnica relativa al conseguimento della patente AM non sarà più impartita dalle scuole. Ci si potrà quindi presentare all'esame da privatisti o frequentare un corso in una autoscuola.
  • può conseguire una patente di guida in Italia o rinnovarla chi ha residenza anagrafica in Italia, o un cittadino membro della UE o del SEE che risieda normalmente in Italia.
Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Eventi Moto

Panini Comics, in collaborazione con Gruppo Pritelli srl, ha realizzato un calendario per il 2015 dedicato a Marco Simoncelli, il grande campione di motociclismo tragicamente scomparso tre anni fa sul circuito di Sepang (Malesia). In edicola dall'11 settembre 2014 Il calendario Panini 2015 dedicato a Simoncelli sarà disponibile nelle edicole a partire da giovedì 11 settembre, alla vigilia della gara di MotoGP Misano Adriatico - Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, 13a prova del Motomondiale, che si svolgerà dal 12 al 14 settembre sul Misano World Circuit, il circuito intitolato proprio alla memoria del “Sic”. Il ricavato verrà in parte devoluto alla Fondazione Marco Simoncelli. Il calendario Panini dedicato al Sic propone una serie di immagini di grande impatto, che sintetizzano la straordinaria carriera sportiva di Marco Simoncelli nel circus del motomondiale. Ogni mese del 2015 è caratterizzato da due immagini. Sul verso, sono presenti le foto a colori del “Sic” tratte dalle sue gare della MotoGP negli anni 2010-2011 nei circuiti in Quatar, Malesia, Australia, Jerez, Valencia e anche Misano. Sul retro, invece, sono posizionate le foto in bianco e nero di alcuni momenti del backstage nei box, anche in compagnia del padre Paolo, degli amici e dello staff tecnico. Il calendario ha un formato orizzontale (42x27,9 cm), ha una tiratura di circa 55mila copie e sarà in vendita a 9,90 euro. Verrà presentato ufficialmente in una conferenza stampa al Misano World Circuit venerdì prossimo 12 settembre (Galleria Simoncelli, ore 18). “Siamo lieti che sia stata scelta la Panini per realizzare questo calendario, perché rinnova in maniera originale la memoria di questo grande campione e soprattutto per le meritevoli finalità sociali e umanitarie che sta perseguendo la Marco Simoncelli Fondazione Onlus, alla quale devolveremo parte del ricavato dell’operazione”, ha dichiarato Simone Airoldi, direttore Mercato Italia Publishing di Panini. “In passato, la nostra Azienda aveva già realizzato alcuni calendari nel mondo dei fumetti e del calcio. Siamo certi questo calendario sarà molto gradito ai numerosissimi fan del Sic e agli appassionati della MotoGP”.
CONDIVIDI

Moto

Dopo i servizi anti-traffico di car sharing e bike sharing, arriverà a Milano il primo servizio di moto sharing, precisamente si tratterà di piccoli scooter. Quando arriva Il servizio di moto sharing arriverà a Milano al più presto: l'intento è quello di iniziare l'Expo 2015 con tutte le infrastrutture e i moderni servizi anti-traffico già attivi ed efficienti. Entro la fine del 2014 verrà promulgato un bando per assegnare la fornitura del servizio; sembra che abbia già manifestato l'interesse a partecipare la Motit, società che offre il servizio in Spagna con degli scooter viola. Infatti, i servizi di moto sharing con scooter sono già attivi in altre città europee come Londra, Parigi e Barcellona: presumibilmente all'inizio del 2015, sarà possibile affittare uno scooter per gli spostamenti anche a Milano; la città di Piazza Affari, infatti, non vuole sfigurare nell'inevitabile confronto che faranno molti turisti stranieri con le altre città europee. Un'occasione per rilanciare l'immagine del nostro paese che appare sempre più sbiadita. Come funziona Molti sperano che il servizio di moto sharing venga effettuato con scooter elettrici. Per fruirne basterà iscriversi al servizio (l'abbonamento dovrebbe costare tra i 15 e i 25€) ed utilizzare un'app che permetterà di trovarne uno vicino. Lo scooter affittato col servizio di moto sharing potrà essere utilizzato fino al momento del bisogno, ad un prezzo di circa 25 centesimi al minuto, per poi essere parcheggiato in una delle postazioni predisposte. Si comincerebbe con alcune decine di scooter: sarà necessario del tempo affinché si raggiungano i numeri di bici ed auto in sharing a Milano (3.600 unità ciascuno), ma la comodità delle due ruote unite al motore (possibilmente elettrico) rende il moto sharing un candidato ideale a diventare il servizio numero 1 a Milano. Potrebbe, inoltre, essere il primo servizio a varcare i confini del Comune di Milano, allargandosi all'area della metropoli.
CONDIVIDI

Moto

Sono stati accolti con grande entusiasmo i cambiamenti nel nuovo codice della strada: su tutti spiccano la possibilità di viaggiare in autostrada con le moto 125cc e alcune migliorie alla circolazione urbana su due ruote. Forse è meglio aspettare che il nuovo codice della strada si trasformi in legge prima di esultare, tuttavia il testo unificato della legge delega per la riforma del codice della strada italiano è stato approvato in Commissione Trasporti della Camera il 22 luglio 2014 e ha cominciato un iter di valutazione sulla "qualità del testo", sulla "legittimità costituzionale" e altri processi che - se tutto andrà per il verso giusto - dovrebbero portare alla trasformazione in legge del nuovo codice della strada entro la fine del 2014. Nei probabili rimbalzi tra le Camere potrebbero esserci dei cambiamenti, ma la sostanza dovrebbe restare invariata. Le novità principali sono state diffuse (e richieste) dall'Ancma - l'Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, che riunisce le aziende italiane costruttrici di veicoli a 2 e a 3 ruote, di parti ed accessori -  e riguardano soprattutto i mezzi a due ruote. Scooter e moto 125cc in autostrada dal 2015 Quella delle moto 125cc in autostrada è certamente la novità più importante: dalla fine del 2014 o presumibilmente dal 2015, in Italia le moto 125cc potranno circolare liberamente in autostrada e in tangenziale se guidate da conducenti maggiorenni. In realtà non si tratta di una novità rivoluzionaria, ma di un allineamento al resto d'Europa, come specifica l'Ancma: "così l'Italia si allinea al resto d'Europa, dove questa limitazione non è mai esistita". Altre novità del codice della strada 2014/2015 È probabile che ci saranno anche novità attualmente ignote. Tuttavia, accanto alla possibilità di prendere l'autostrada con le moto 125cc, vi sarà quella per biciclette, ciclomotori e motocicli di circolare nelle corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici: una misura che, per Ancma, aumenterà la sicurezza dei mezzi a due ruote, separandoli dal traffico ordinario come avviene già a Londra. Inoltre, anche i conducenti di ciclomotori e motocicli verranno inquadrati con lo status di "utenti vulnerabili", mentre per favorire la circolazione in sicurezza di biciclette, ciclomotori e motoveicoli, verrà limitata il più possibile la presenza a bordo strada di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail. A tal proposito l'Ancma ha redatto, in collaborazione con il DISS (Dipartimento di Sicurezza Stradale) dell'Università di Parma, delle linee guida per progettisti e tecnici dell'urbanistica per realizzare infrastrutture in linea con gli standard di sicurezza comunitari. Un'altra novità riguarderà le biciclette: alcune disposizioni avranno l'effetto di incentivare l'utilizzo delle biciclette; viene inoltre introdotto un sistema di "marchiatura volontaria del telaio", che renderà più semplice alla forze dell’ordine l’identificazione e il recupero delle biciclette rubate: magari il protagonista del celeberrimo "Ladri di biciclette" - capolavoro del neorealismo italiano - avrebbe avuto più possibilità di ritrovare la sua. Chi è stato in città come Parigi o Londra, avrà subito notato l'integrazione impeccabile di servizi ed infrastrutture appositamente predisposti per i ciclisti: bike sharing con tessere contactless esistenti già da molti anni, piste ciclabili ben delimitate, segnali stradali chiari. Tutti elementi di una forte volontà delle amministrazioni pubbliche di stimolare la mobilità sostenibile: una sensazione di sicurezza e di integrazione che non può lasciare indifferenti i cittadini, i quali metabolizzano i servizi, li utilizzano e li rendono ancor più efficienti. Non possiamo che auspicare un successo simile in Italia - dove non mancano, comunque, città virtuose per i ciclisti -: la normativa sembra - finalmente - aver preso la direzione giusta.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv