Kitesnow, a vela sulla neve
Continental assume!
Patente di guida A e B: novità dal 19 gennaio 2013

Novità per la patente di guida dal 19 gennaio 2013.

Le novità per il conseguimento dei diversi tipi di patente riguardano principalmente l'età dei futuri guidatori, come previsto dal nuovo art. 115 del Codice della strada, e le categorie di patenti che secondo il nuovo art.116 del Codice della strada diventano 15.

Patente AM

La patente AM è necessaria per la guida di ciclomotori a 2 o 3 ruote e di quadricicli leggeri (cilindrata inferiore o uguale a 50 cm3 o potenza inferiore o uguale 4 kW, velocità inferiore o uguale a 45 km/h, massa a vuoto inferiore o uguale a 350 kg, escluse batterie). Questa patente può essere conseguita in Italia a partire dai 14 anni, ma è valida per guidare sul territorio UE e SEE solo dai 16 anni.  

Patente A1

La patente A1 è richiesta per la guida di motocicli di cilindrata inferiore e uguale a 125 cm3 o potenza inferiore o uguale 11 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,10 kW/kg e tricicli di potenza inferiore o uguale a 15 kW. La patente A1 può essere conseguita a partire dai 16 anni.

Patente A2

La patente A2 è necessaria per la guida di motocicli con potenza inferiore o uguale a 35 kW e rapporto potenza/massa inferiore o uguale a 0,20 kW/kg, che non derivino da una versione che che sia in grado di sviluppare più del doppio della potenza consentita e di tricicli di potenza inferiori oguali a 15 kW. Per conseguire la patente A2 occorre avere 18 anni.

Patente A

Se si consegue la patente A, si possono guidare motocicli senza nessuna limitazione oltre a tricicli di potenza inferiore a 15 kW, ma solo se il guidatore ha già compiuto 21 anni.

Si può conseguire la patente A in maniera graduale a partire dai 20 anni se si ha già una patente A2 da almeno 2 anni. In caso contrario si può conseguire la patente A a partire dai 24 anni. In ogni caso occorre superare la prova pratica di guida.

Patente B1

La patente B1 è necessaria per quadricicli non leggeri, con massa a vuoto inferiore o uguale a 400 kg o 550 kg se utilizzati per trasportare cose, ad esclusione delle batterie. la potenza nominale netta del quadriciclo deve essere pari o inferiore a 15 kW. La patente B1 può essere conseguita a 16 anni e non abilita alla guida di nessun motociclo.

Patente B

La patente B è necessaria per la guida di autovetture con fino a 9 posti passeggero e massa massima autorizzata minore o guale a 3.500 kg. È possibile conseguire la patente B a partire dai 18 anni.

Con la patente B si possono guidare anche altri veicoli:

  • rimorchio con massa autorizzata pari o minore a 750 kg
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg purchè nel complesso la massa si al massimo pari a 3.500 kg.
  • rimorchio con massa autorizzata maggiore a 750 kg e massa massima autorizzata maggiore di 3.500 kg ma inferiore o guale a 4.250 kg, a condizionare di superare un esame praticato su un mezzo specifico. Questa estensione della patente B prevede l'apposizione sulla patente del codice 96.

Patente BE

La Patente BE è necessaria per poter guidare dei veicoli complessi composti da motrice di categoria B e rimorchio con massa autorizzata maggiore di 750 kg ma pari al massimo a 3.500 kg. la massa massima autorizzata è pari o minore di 7.000 kg. La patente BE può essere conseguita dai 18 anni di età.

Validità

  • tutte le nuove categorie di patenti sono valide per la guida di veicoli della categoria AM
  • con la patente A2 si possono guidare i veicoli della categoria A1
  • con la patente A si possono guidare i veicoli compresi nella categoria A1 e A2
  • la patente B è valida per la guida di veicoli di categoria B1 e solo in Italia anche per la guida dei veicoli compresi nella patente A1 e i tricicli con potenza inferiore ai 15 kW, a condizione che si abbiamo almeno 21 anni. 
  • la patenti speciali AM, A1, A2, A, B1 e B sono valide colo per i veicoli con le caratteristiche indicate sulla patente stessa.

Inoltre dal 19 gennaio 2013:

  • la preparazione della prova tecnica relativa al conseguimento della patente AM non sarà più impartita dalle scuole. Ci si potrà quindi presentare all'esame da privatisti o frequentare un corso in una autoscuola.
  • può conseguire una patente di guida in Italia o rinnovarla chi ha residenza anagrafica in Italia, o un cittadino membro della UE o del SEE che risieda normalmente in Italia.
Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Moto

In una intervista (versione integrale) Valentino Rossi commenta la stagione trascorsa, la moto, i rivali e le prospettive per la MotoGP 2015. Il Dottore termina la sua 15^ stagione con un ottimo secondo piazzamento nella MotoGP 2014 nonostante un inizio difficile e conclude anche rinnovando il contratto con Movistar Yamaha MotoGP per altri due anni. Valentino, quindi, continuerà a correre almeno fino alla fine del 2016. Q: La stagione è finita. Come valuti il tuo rendimento?  VR: “Sono molto contento delle mie performance di questa stagione. Il bilancio è molto positivo. Devo ammetterlo: si trattava di una stagione fondamentale per decidere il mio futuro. L'anno scorso non ero molto contento e così stavo iniziando a pensare al ritiro. Il mio obiettivo è essere tra i primi e lottare per salire sul podio ad ogni gara. L'anno scorso questo non era sempre possibile. Finalmente quest'anno ciò è stato possibile. Ho fatto dei grossi cambiamenti all'inizio della stagione che per fortuna hanno funzionato e sono molto contento di ciò. Sono sempre stato forte nell'arco della stagione, ho potuto correre delle belle gare e delle battaglie avvincenti.” Q: Che ne pensi della M1 di quest'anno? All'inizio non andava molto bene, ma nella seconda parte della stagione sia tu che Jorge Lorenzo avete avuto dei buoni risultati.  VR: "La nostra M1 è migliorata molto durante la stagione, specialmente grazie all'ottimo lavoro svolto dai nostri tecnici. Silvano, Ramon e tutti gli ingegneri e i tecnici hanno lavorato bene: tutti insieme siamo riusciti a lavorare per migliorare la moto e renderla competitiva e vincente. Peccato non esserci riusciti prima: a conti fatti la maggior parte del distacco con Marc Marquez si è creato nella fase iniziale della stagione ma è diventato troppo difficile da recuperare. Se potessimo ricominciare la stagione adesso, le cose andrebbero diversamente. Ma va bene così: l'importante è che la moto è migliorata un sacco ed è competitiva adesso.” Q: Qual è stato il momento della stagione che ti ha reso più felice? VR: “Il momento più bello è stato con la vittoria a Misano, quando ho vinto davanti ai miei fan. Sono riuscito a tornare alla vittoria in Italia dopo 5 anni ed è stato magnifico. Porto nel cuore quella gara. Mi sono divertito molto e ho provato delle emozioni indescrivibili. Comunque, in realtà, la seconda vittoria è stata ancora più bella perché a Misano ero troppo gasato, a Phillip Island invece me la sono goduta di più.” Q: Nella seconda parte della stagione hai mandato un chiaro messaggio ai toi principali rivali. Vuoi dire qualcosa che metta più pressione ai tuoi avversari? E pensi che Yamaha ti possa aiutare a conquistare il decimo titolo del mondo? VR: “Io ci credo ancora, l'ho sempre detto. Dopo quest'anno ancora di più perché sono lì davanti. Siamo molto vicini ai nostri rivali ma sarà comunque difficile. Lorenzo sarà più forte l'anno prossimo e Marquez ha vinto il titolo con 13 vittorie contro le mie 2. Ha vinto undici volte più di me, una differenza abissale. Per colmare questo gap dobbiamo lavorare ancora meglio col team, con Silvano, e anche con Yamaha che deve darci una mano. Come detto, penso che Honda quest'anno - soprattutto all'inizio - fosse più competitiva di noi e la prima metà della stagione è stata una passeggiata per Marc. Se vogliamo rendergli la vita difficile dobbiamo fargli sentire il fiato sul collo.”
CONDIVIDI

Eventi Moto

All'EICMA 2014 trionfa Ducati Scrambler come "moto più bella del Salone". La netta maggioranza dei visitatori ha preferito lo Scrambler Ducati 2015 alla concorrenza. L'EICMA 2014 ha rappresentato un successo e l'evento è andato ben al di là delle aspettative: nonostante la crisi economica il numero di visitatori è cresciuto del 25% rispetto allo scorso anno. Un classico dell'EICMA è la scelta della "moto più bella del Salone" che viene eletta in base ai voti espressi dai visitatori della Fiera di Milano: gli oltre 10.000 votanti hanno eletto - un po' a sorpresa - Ducati Scrambler. [caption id="attachment_16380" align="alignnone" width="622"] Ducati Scrambler 2015 vince il premio di "Moto più bella del Salone" all'EICMA 2014[/caption]   Sebbene siano state le supersportive le vere protagoniste dell'EICMA, vince il Ducati Scrambler che, per giunta, non era un'anteprima assoluta essendo stata presentata a Colonia un po' di giorni prima. Eppure il suo aspetto vintage e affascinante è risultato per distacco il più bello per i visitatori con il 43% delle preferenze per Ducati Scrambler, ben oltre la seconda e la terza classificate messe insieme (MV Agusta Dragster RR col 15% e Yamaha R1 col 14%). Lo Scrambler Ducati pesa solo 170 kg con motore da 800 cm³ e 75 CV e sarà disponibile in Italia da febbraio 2015 a partire da 8.240 euro.
CONDIVIDI

Anteprime

Ducati presenta all'EICMA 2014 una Superbike, la nuova 1299 Panigale 2015, e una allround, la nuova Multistrada 1200 2015 che promettono di rivoluzionare i rispettivi settori. Si tratta di due novità assolute per Ducati che presenta all'EICMA 2014 - una delle più importanti vetrine mondiali delle due ruote - la nuova 1299 Panigale e la nuova Multistrada 1200. La prima mira a diventare il nuovo punto di riferimento per la categoria Superbike grazie ad un prestante motore Superquadro 1.285 di cilindrata con una potenza massima di 205 CV @ 10.500 giri e un'incredibile coppia di 144,6 Nm @ 8.750 giri per un peso di soli 166,5 kg. Il rapporto peso / potenza della Panigale stabilisce, infatti, un nuovo record con oltre 1,23 CV / kg. Ad integrare il tutto un'elettronica innovativa: Inertial Measurement Unit (IMU), Cornering ABS, Ducati Wheelie Control (DWC), Öhlins Smart EC (il sistema di controllo intelligente delle sospensioni) e il Ducati Quick Shift (DQS). La Multistrada 1200 è un allround che ha, invece, il nuovo motore Ducati Testastretta DVT (Desmodromic Variable Timing) da 160 CV, il primo con doppio variatore di fase per la distribuzione (DVT) che agisce in modo indipendente sia sull'albero a camme di aspirazione sia su quello di scarico, ottimizzando il rendimento a tutti i regimi e in tutte le condizioni di utilizzo. Anche con la Multistrada 1200 sono presenti innovazioni quali Inertial Measurement Unit (IMU), Cornering ABS, Ducati Wheelie Control (DWC), ecc. Non solo potenza e tecnica Anche l'usabilità e i comfort della 1299 Panigale e della Multistrada 1200 sono di primo livello: dal controllo elettronico della velocità personalizzabile al modulo Bluetooth, dai pulsanti al manubrio all'app per iOS e Android, Ducati presenta un prodotto completo e adatto a tutti. Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati Motor Holding, dichiara durante la presentazione che "il 2015 sarà per Ducati un anno fondamentale: gli appassionati Ducati potranno contare sia sul progresso tecnologico sia su un design innovativo. Una Superbike super-sportiva - la nuova Panigale 1299 - e una allround che praticamente cancella ogni compromesso tra prestazioni e morbidezza di funzionamento, peraltro con bassi consumi - la nuova Multistrada 1200 -. Immagini della nuova 1299 Panigale 2015 e della nuova Multistrada 1200 2015 Guarda le nostre photogallery per scoprire il design delle due nuove Ducati: Galleria fotografica nuova Ducati 1299 Panigale 2015 Galleria fotografica nuova Ducati Multistrada 1200 2015
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv