Il Campionato Italiano Prototipi ad Adria
MotoGp 2011 – Mugello, Qualifiche: Stoner prima della pioggia!
Presentata l'Audi R18

L'Audi ha svelato al mondo intero la sua R18, l'arma con cui proverà a difendere l'ultimo alloro conquistato alla 24 ore di Le Mans. L'R15 infatti, pur mostrandosi molto più affidabile della rivale di casa Peugeot, si è rivelata meno permormante.

Ecco allora una decisa evoluzione da parte della casa di Ingolstadt, che decide di seguire la linea degli avversari storici, realizzando una vettura coupè, dotata di tetto.

Questo perchè - sentendo anche le parole di Wolfgang Ullrich, capo di Audi Motorsport - le nuove regole hanno imposto questo cambiamento, non essendoci più il vantaggio del cambio-pilota con la vettura 'aperta'.

"Le regole dicono che hai bisogno di avere un tetto per essere competitivo. I cambi pilota sono sempre stati più facili in passato, ma con queste nuove regole è cambiato un pò tutto" ha detto Ullrich. "Inoltre la riduzione di cilindrata dei motori, passati da 5,5 litri a 3,7 per i turbodiesel, hanno reso molto importante l'efficienza aerodinamica".

A breve si comincerà con un ricco programma di test per portare avanti lo sviluppo della nuova arma Audi, il cui debutto avverrà durante la 1000 km di Spa, mentre la 12 Ore di Sebring sarà il canto del cigno per la vincente R15.

 

 

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Altri Campionati - Auto

La NASCAR Sprint Cup 2014, trasmessa da Nuvolari in TV e streaming gratuito, ha un funzionamento particolare: dopo le prime 26 gare si giunge alla cosiddetta Chase for the Sprint Cup, cioè "a caccia della Sprint Cup". Si tratta di una fase tipo play-off cui partecipano solo i 16 migliori piloti, sebbene alle gare prenderanno parte sempre tutte le 43 auto. A caccia della Sprint Cup 2014 La fase finale della NASCAR Sprint Cup Series si svolge nelle ultime 10 gare della competizione e vede la partecipazione dei migliori 16 piloti, chiamati ufficialmente NASCAR Sprint Cup Chase Grid. A questa griglia partecipano i 15 piloti con più vittorie nelle prime 26 gare purché si trovino nelle prime 30 posizioni della classifica generale e abbiano partecipato alle qualificazioni di tutte le corse. Il sedicesimo slot viene riservato al leader della classifica piloti dopo le 26 gare; se, come probabile, questo pilota rientra già tra i 15 con più vittorie, si passa al secondo classificato e così via finché non verrà assegnato anche il sedicesimo slot. Tutti i piloti della Chase Grid vedono il loro punteggio resettato a 2000 punti prima dell'inizio della Chase for the Sprint Cup, cui si aggiungono 3 punti per ogni vittoria ottenuta nelle prime 26 gare. Le 10 gare Chase 10 gare per decretare il campione. La fase Chase for the Sprint Cup 2014 è divisa in 4 round: i primi tre sono composti ciascuno da tre gare, mentre il quarto è composto dall'ultima gara - a Miami - e rappresenta la finalissima. Alla fine di ognuno dei primi 3 round verranno eliminati dal Chase i 4 piloti ultimi in classifica, mentre ogni pilota che vince una gara conquista di diritto il passaggio al round successivo. Ai piloti eliminati vengono riassegnati i punti secondo lo schema della fase regolare della Sprint Cup. I round del Chase Come detto, le ultime 10 gare sono divise in 4 round. Vediamoli in modo schematico: – Challenger Round (gare 27–29) Si comincia, dunque, con 16 piloti ognuno con 2,000 punti 3 di bonus per ogni vittoria nelle prime 26 gare. Al termine del round vengono eliminati gli ultimi 4 piloti in classifica). – Contender Round (gare 30–32) Si svolgono con 12 piloti, ognuno con 3,000 punti. – Eliminator Round (gare 33–35) I piloti sono diventati 8, ognuno con 4,000 punti. – NASCAR Sprint Cup Championship (gara finale) I rimanenti 4 piloti si contendono il titolo: inizieranno la gara con 5000 punti e colui che finirà la gara col miglior piazzamento sarà incoronato campione.
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Le dirette di Nuvolari non si fermano neanche ad Agosto! I prossimi weekend saranno ricchi di appuntamenti con lo sport. Beach Volley e Basket saranno i protagonisti dei weekend di Nuvolari. Sabato 23 agosto dalle 10.55 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Semifinali Femminili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 14.40 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Finali bronzo e oro Femminili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata Domenica 24 agosto dalle 10.55 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Semifinali Maschili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 14.40 FIBV Beach Volley Tour 2014 -  Finali bronzo e oro Maschili - Stare Janblonski (Polonia)  commento di Gianluca Scarlata dalle 17.00 FIBA 3x3 World Tour - Praga commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Lunedì 25 agosto dalle 19.15 Supercoppa di Turchia (da Manisa, Turchia): Fenerbahçe vs Galatasaray   commento di Luciano Cesaretti Sabato 30 agosto Campionato Italiano Beach Volley - Quarti di Finale Maschile e Femminile - Catania dalle 15.30 commento di Misa Urbano e Gianluca Scarlata FIBA 3x3 World Tour Losanna dalle 19.30 commento di Fabrizio Fabbri ed Edoardo Caianiello Domenica 31 agosto Campionato Italiano Beach Volley - Semifinali e Finali Finale Maschile e Femminile - Catania dalle 12.30 commento di Misa Urbano e Gianluca Scarlata
CONDIVIDI

Altri Campionati - Auto

Marco Wittmann vince al  Red Bull Ring di Spielberg (Austria) la sesta tappa del DTM 2014 allungando il suo vantaggio nella classifica generale. Questa sul circuito austriaco di Spielberg, trasmessa in diretta da Nuvolari domenica 3 agosto, è la terza vittoria per il tedesco Marco Wittmann che si porta a +39 sullo svedese Mattias Ekström. La corsa a Spielberg (Austria) del DTM 2014 Quella del  Red Bull Ring a Spielberg in Austria è stata una tappa molto controversa del DTM 2014: la BMW riesce addirittura a piazzare un poker assicurandosi le prime quattro posizioni. Dietro Wittmann, infatti, arrivano Augusto Farfus, Timo Glock e Martin Tomczyk. A rendere controversa la gara è stata una penalità inflitta al pilota Mercedes Robert Wickens che ha ricevuto la bandiera nera per non aver rispettato la drive-through, così come una drive-through è scattata per Jamie Green, pilota che è stato anche in testa per 4 giri prima di aver ricevuto la penalità per essersi fermato al pit stop con un giro di ritardo rispetto a quelli consentiti. È stata una questione di tempo perché il canadese della Mercedes, partito in pole position, fosse raggiunto e superato: è stata una lotta avvincente che ha permesso ai primi otto piloti di rimanere vicini. Farfus ha guidato l'attacco con tutte le proprie forze senza riuscire a superare Wickens. Il brasiliano si è fermato al pit stop appena possibile, sperando di approfittare della pausa del canadese: nei giri successivi si sono fermati tutti gli altri e i box affollati hanno provocato l'unsafe release di Wickens. La battaglia, tuttavia, è continuata in pista con Jamie Green emrso a sorpresa dalla girandola di pit stop al comando prima di ottenere la penalità per aver percorso oltre il 50% della pista sulle sue gomme. Un evitabile errore di comunicazione. Wickens riusciva a tenere a bada Farfus, ma c'era ancora la penalità da scontare: la Mercedes stava ancora discutendo del fatto con gli stewards, contestando l'unsafe release, tuttavia, terminati i tre giri utili per scontare la penalità, Wickens ha avuto la bandiera nera che l'ha costretto al ritiro. Farfus ha preso il comando e l'ha lentamente ceduto al leader della classifica piloti Marco Wittmann. Ecco i primi 10 piloti della gara del  Red Bull Ring a Spielberg (Austria) di questo DTM 2014  01 Marco Wittmann 02 Augusto Farfus Jr. +3.298 03 Timo Glock +5.391 04 Martin Tomczyk +6.237 05 Timo Scheider +6.666 06 Adrien Tambay +12.213 07 Mattias Ekström +14.046 08 Jamie Green +14.456 09 Christian Vietoris +15.224 10 Bruno Spengler +15.782
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv