Audi Q5 – Quattro anelli per un SUV
Il primo pneumatico 100% rinnovabile entro il 2020
Rallylegend 2011

Con  la emozionante parata di Lancia Stratos e la sfida finale del Legend Show dopo quattro giorni a tutta passione rallistica, si è chiusa  la nona  edizione di Rallylegend. Un appuntamento che non ha eguali nel panorama internazionale, dedicato alla  leggendaria storia dei rally e ai suoi protagonisti di tutti i tempi. Quella del rally legend è una parata di vetture e piloti che hanno fatto e continuano a fare la storia di questa specialità.

Il finale ha superato ogni aspettativa: un applauso lungo, emozionante, mentre una ventina di meravigliose e rarissime Lancia Stratos percorrevano la prova spettacolo “The Legend”, con alla guida molti dei grandi campioni che le hanno rese indimenticabili.

Sandro Munari, Tony Fassina, Fabrizio Tabaton, Adartico Vudafieri, Federico Ormezzano, Alessandro Carrara e altri piloti e collezionisti hanno guidato le loro Lancia Stratos gruppo 4, nelle livree sportive più famose e affascinanti, nel grande giorno del “40° Lancia Stratos Anniversary”, tutti insieme, in una serie di giri della prova spettacolo. Un evento unico al mondo  che solo Rallylegend poteva proporre e che il folto pubblico presente, degno delle popolatissime gare di un tempo,  ha apprezzato molto.   

 Acclamatissimo anche  il  “Legend Show”, o meglio il “ 1° Rallylegend Superchallenge 2011”, dove alcuni campioni si sono sfidati al volante di Lancia 037, Audi Quattro S1 e S2, Peugeot 205 T16, Lancia Delta S4. Miki Biasion, con Beppe Volta a fianco, e la Lancia 037 nei colori Totip si sono aggiudicati la vittoria finale, ultimo fuoco d’artificio di un Rallylegend, ancora una volta, fantastico.

La chiusura della quattro giorni di corsa-spettacolo è al  Multieventi Sport Domus, per la presentazione e la elezione, da parte di una qualificata Giuria, del miglior esemplare rappresentativo, che è stato indicato, all’unanimità, nella mitica Lancia Stratos “vestita” Alitalia, ancora con i numeri 1 di Sandro Munari sugli sportelli.

Applausi meritati per  Vito Piarulli a capo dello staff insieme a Paolo Valli, che ha  lavorato duramente per la riuscita dell’evento: l’appuntamento è per l’ edizione 2012 del decennale. Per la quale gli organizzatori promettono  altre emozionanti sorprese…  

Di: Savina Confaloni

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Auto

Si svolge dal 24 al 27 aprile la quarta edizione di Terre di Canossa International Classic Cars Challenge, uno degli appuntamenti più importanti per tutti gli appassionati delle auto storiche e delle gare di regolarità. Per il 2014 gli organizzatori di Terre di Canossa hanno pianificato un percorso ricco di novità, prima fra tutte l'omaggio ai 100 anni del Comune di Forte dei Marmi, che è lo sponsor principale dell'evento, e poi i 500 anni delle mura di Lucca. La Terre di Canossa quest'anno attraverserà le province di Reggio Emilia, Lucca, Pisa, Massa e La Spezia per un itinerario fatto non solo di sport, ma anche di arte, cultura e gusto. Percorso La Terre di Canossa si svolgerà su un percorso di 550 km, nei quali ci saranno ben 75 prove cronometrate e due prove di media, utili per coloro che vogliano esercitarsi per la prossima Mille Miglia. Territorio La Terre di Canossa regalerà a tutti i suoi partecipanti un viaggio attraverso i meravigliosi paesaggi italiani. Le auto storiche attraverseranno i Castelli di Canossa, i paesi dell'Appennino, i borghi emiliani e toscani, Pisa, Lucca, Pietrasanta e il mare della Versilia e di La Spezia. Prodotti tipici La Terre di Canossa International Classic Cars Challenge 2014 sarà l'occasione per assaggiare i prodotti tipici e le ricette tradizionali, interpretate dai migliori chef della zona. Equipaggi Oltre agli italiani, la Terre di Canossa 2014 ha tra gli iscritti una grande quantità di equipaggi stranieri, provenienti da Russia, Giappone, Inghilterra, Olanda, Francia, Germania, Svizzera, Montecarlo. Le auto partecipanti alla competizione coprono un arco temporale che va dal 1927 al 1976, tra le quali la 6C 1750 Gran Sport del 1930 e la 1500 Super Sport del 1928, provenienti dal Museo Storico dell'Alfa Romeo. Programma Terre di Canossa 2014 24 aprile Giovedì 24 Aprile sarà riservata all'accoglienza  dei partecipanti a Reggio Emilia. Dopo aver fatto le verifiche tecniche e sportive e i test drive Maserati, ci sarà la serata inaugurale  nel Teatro Romolo Valli che aprirà con un tributo musicale a Puccini e Verdi. La cena di gala sarà allestita nella Sala Degli Specchi e preparata dallo Chef Gianni D'amato, premiato con due Stelle Michelin. 25 aprile Venerdì 25 Aprile la gara prenderà il via dalla Stazione Medio Padana di Reggio Emilia, progettata dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, come i 3 ponti a vela sull'Autostrada del Sole. Dopo la sfida sui Ponti di Calatrava gli equipaggi attraverseranno le colline reggiane con i castelli fatti costruire da Matilde di Canossa. Dopo il passaggio alla Pietra di Bismantova, i concorrenti arriveranno a Ligonchio per il pranzo al Rifugio dell’Aquila, che regala una vista senza eguali sulla Valle dell' Ozzola che fa parte del Parco Naturale dell’Appennino Tosco-Emiliano. Nel pomeriggio gli equipaggi affronteranno la difficile salita del Passo di Pradarena e  poi proseguiranno verso Careggine e il Passo del Vestito. Comincerà poi la discesa verso il mare della Versilia. Tutti i partecipanti si troveranno sulla spiaggia di Bambaissa per il beach party. 26 aprile Sabato 26 Aprile vedrà l'avvio della seconda tappa della Terre di Canossa, che si snoderà lungo le coste del Tirreno, attraverso i territori di Camaiore, Lucca, Calci, Pisa, Massaciuccoli, Villa Puccini, Pietrasanta. Gli equipaggi attraverseranno il centro di Lucca, passeranno davanti alla Certosa di Calci fino all'arrivo a Pietrasanta per la sfilata e l'aperitivo in Piazza del Duomo. La cena si svolgerà nel complesso di Sant'Agostino. 27 aprile Domenica 27 Aprile le vetture partiranno dal nuovo Pontile di Pietrasanta e proseguiranno verso Monte Marcello, Punta Bianca e La Spezia. Qui sfileranno nello storico Arsenale della Marina Militare. Dopo aver attraversato il Passo del Cerreto, gli equipaggi lasceranno la Liguria e faranno ritorno in Emilia. Qui saranno accolte nella Piazza del Duomo di Reggio Emilia da Savina Confaloni. La Sala del Tricolore, dove nel 1797 è nata la bandiera italiana, ospiterà la cerimonia di premiazione.
CONDIVIDI

Auto

Il Museo Ferrari di Maranello si allarga e apre la mostra California Dreaming. Il Museo Ferrari ha appena inaugurato il nuovo edificio che ospita l’ufficio informazioni e l’area divertimento. Area divertimento Un’area divertimento riservata a bambini, ragazzi e, perché no, adulti che potranno cimentarsi con delle vere Formula 1 trasformate in simulatori. La mostra California Dreaming La vera novità dell’anno è la mostra dal titolo California Dreaming che sarà ospitata al Museo Maranello per tutto il 2014 e che certamente riuscirà a superare il record di 32.000 visitatori paganti, registrato nel 2013. La mostra California Dreaming, che celebra non solo il debutto della California T a Ginevra, ma anche i 60 anni di Ferrari negli USA, si sviluppa in 5 sale del Museo Ferrari. Prima sala La prima sala è collocata al pian terreno ed è dedicata alle corse e celebra in particolare la pista di Laguna Seca con la sua famosa curva soprannominata cavatappi. In mostra la 312 di Mario Andretti, la 156 con la quale Phil Hill vinse il titolo mondiale, la T4 di Gilles Villeneuve e la 375 con la quale Alberto Ascari partecipò alla 500 Miglia di Indianapolis nel 1952 e la Ferrari realizzata per l’IndyCar degli anni’80 accanto alla sua derivata Alfa Romeo con telaio Lola. Nella seconda ala della prima sala si trovano le moto Yamaha e Ducati di Valentino Rossi e Casey Stoner con le quali diedero vita ad un memorabile duello con sorpasso proprio sulla curva del cavatappi di Laguna Seca. Non manca l’angolo delle rarità come la 712 Can Am, costruita per la Nordamericana del 1971, la 333 SP e il prototipo sportivo 330P che dominò il Mondiale Marche. Seconda sala Nella seconda sala il tema è la Ferrari nel cinema con le auto protagoniste dei film hollywoodiani e gli Oscar italiani. La passeggiata continua nell’allestimento che riproduce le famose Rodeo Drive e Beverly Hills dove troneggiano la California degli anni ’50 e la nuovissima T, contornate da una delle dieci 275 GTB4 NART, venduta all’asta a 25 milioni di dollari e dalle più classiche 250 America, Spider Pininfarina e SA Aperta. Campo da golf La sala successiva è stata trasformata in un campo da golf e rappresenta Pebble beach e il suo famoso Concorso d’Eleganza. Anche in questa sala le auto sono protagoniste: la 500 Superfast, la 330 America e la 400 Superamerica. In mostra anche la Ferrari trasformata in Burano protagonista del film Destino sull’asfalto con Kirk Douglas, la Thomassina, una 250 GT ispirata alla P4 realizzata dal designer americano Tom Meade e la Testa d’oro, realizzata su telaio Testarossa da Colani. Tecnologia Nell’ultima sala si parla di tecnologia con i volanti-computer dell’era Schumacher, il cambio F1 al volante, i freni carboceramici, i motori turbo di nuova generazione e la supercar La Ferrari.
CONDIVIDI

Eventi Auto

Tutto pronto per l' Ayrton Senna Tribute 1994-2014, dall' 1 al 4 maggio all'Autodromo di Imola. Sono passati 20 anni dal tragico incidente durante il Gran Premio di San Marino nel quale Ayrton Senna perse la vita, ma non si smorza l'ammirazione e il desiderio di celebrarlo. Il Tribute 1994-2014 per Ayrton Senna, organizzato da FormulaPassion.it è ricco di eventi e di ospiti che hanno fatto la storia della Formula 1 e non solo. E per celebrare degnamente Ayrton Senna non mancheranno durante le quattro giornate  delle competizioni in diverse discipline. Partita del cuore Memorial Senna Si parte con la partita del cuore Memorial Senna alle 18.00 dell'1 maggio. In questa partita giocheranno molti dei piloti che furono presenti ad un altro speciale incontro di calcio che si disputò a Pescara nel 1992. In quella partita Ayrton Senna segnò un goal. Kart, Run e Bike Memorial Senna Il 2 maggio si aprirà con il Kart Memorial Senna. La giornata del 4 maggio vedrà atleti di due diverse discipline impegnati rispettivamente al mattino per la gara podistica di 10 km Run Memorial Senna e nel pomeriggio nella gara ciclistica di 100 km Bike Memorial Senna. Correranno alla Run Memorial Senna anche il pluricampione Venanzio Ortis e il pilota Jarno Trulli, mentre per la Bike Memorial Senna è prevista la partecipazione del mito del ciclismo Francesco Moser. Fiat Chiribiri Da segnalare l'apertura della manifestazione alle 9.00 dell' 1 maggio con una parata di auto all'interno dell'autodromo di Imola, con in testa una Fiat Chiribiri.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv