Buche sulle strade: ASAPS chiede inchiesta nazionale
Formula 1: Briatore vince l'appello: tolta la radiazione
Solex, la bici a motore torna in Italia

Negli ultimi anni molti marchi storici sono tornati in auge con un grande successo. Pensiamo a Moncler, Mini e Vespa.

Da due anni è iniziato il rilancio del brand Solex, la bici a motore che per tanto tempo è stata l'antagonista del Mosquito. Nel dopo guerra Solex fu la scelta di grandi artisti internazionali, Steve McQueen e Brigitte Bardot, e negli anni '70 fu il segno distintivo di degli intellettuali alternativi.

Il ritorno sul mercato di Solex avviene con il lancio di nuovi modelli che puntano a farne il marchio della mobilità urbana eco-friendly a livello europeo.

La combinazione vincente si trova in tre caratterisitche distintive dei modelli Solex: tecnologia pulita, grazie ai motori elettrici, grande appeal, per via del marchio vintage e stiloso, linea ultracontemporanea, sviluppata inseime a Pininfarina.

E-Solex, Solexity e Velosolex sono i tre modelli che letteralmente aprono a “Nuove rotte”. Tutte quelle rotte e quegli spostamenti urbani di breve e medio raggio. Il motorino elettrico e la bicicletta a pedalata assista sono comodi, veloci, “total green” (non ibridi) ed economici. A questo Solex ha aggiunto l’esclusività del marchio e la linea assolutamente trendy.

Aggiungi ai preferiti
Stampa
PDF
Articoli Correlati

Accessori Auto

Le app più utili per interagire con l'auto, consigliate da Nuvolari L'utilizzo di smartphone e tablet - e delle cosiddette app - è in continuo aumento: la tecnologia si integra sempre più nelle nostre esistenze modificando ogni aspetto della vita quotidiana, dalla localizzazione all'accesso alle informazioni, dalla reperibilità alla condivisione di contenuti. In questo contesto, non potevano mancare decine e decine di app dedicate all'automobile: Nuvolari ha selezionato per voi le più utili. Non vi resta che scoprire quali sono le migliori app per l'auto e provarle! App per ritrovare la macchina Per alcuni non c'è solo il problema di trovare parcheggio, ma anche di ritrovare l'auto parcheggiata. Per entrambi i problemi, esistono - manco a dirlo - delle app che vi permetteranno di risolverli. Parkopedia Parcheggi (per iPhone, Android e Windows Phone) è una delle app più famose per la ricerca di parcheggi: l'app nasce con lo scopo di "mappare e classificare ogni posto auto nel mondo" e conta, ad oggi, oltre 30 milioni di posti auto in 45 paesi in tutto il mondo. Basta cercare i parcheggi più vicini, verificare orari di apertura, disponibilità di posti in tempo reale e prezzi e, infine, chiedere all'app di portarvi sin lì. Anche per ritrovare l'auto esistono decine di app: Augmented Car Finder (per iPhone) e Car Finder della Ulisse srl (per Android), ad esempio, memorizzano la posizione dell'auto. La prima fa parte delle app che utilizzano il GPS per far ciò: quando parcheggiamo l'auto, basterà dirlo all'app che memorizzerà la posizione e ci aiuterà a ritrovarla mostrandola sulla mappa o indicandoci la direzione con una freccia. La seconda, gratis e senza pubblicità, funziona invece utilizzando in sinergia GPS e bluetooth (se l'auto ne è provvista): tenendo lo smartphone in collegamento bluetooth con l'auto, l'app capirà quando l'avremo parcheggiata (spegnendo l'auto si spegne il bluetooth) e in tal modo ne memorizzerà la posizione. Potremo inoltre condividere la posizione con altre persone che utilizzano l'auto. App auto usate Sono disponibili su Google Play Store ed Apple App Store le app per utilizzare i migliori servizi di compravendita di automobili usate: AutoScout24, automobile.it, Subito.it, Kijiji ecc. La maggior parte di queste applicazioni offre servizi di ricerca avanzati, di filtering dei risultati e di localizzazione interattiva, oltre alla possibilità di contattare direttamente il venditore, magari telefonandogli: in fondo lo smartphone è pur sempre un telefono. e-Statement: app per constatazione amichevole Grazie a un'applicazione sarà possibile compilare la constatazione amichevole sul nostro device: realizzata dalla Euresa e disponibile in nove paesi dell'Unione Europea, fra cui l'Italia, e-Statement consentirà di digitalizzare e semplificare le procedure successive a un incidente. Sarà sufficiente scaricare l'app, installarla e compilare preventivamente alcuni dati (alcuni dati personali e identificativi tra cui il numero della patente e della polizza). L'app resterà sul nostro smartphone e potremo usarla in caso di incidente: l'utilizzatore verrà guidato passo passo nella compilazione direttamente sul telefono. Oltre alla comodità della digitalizzazione, l'app è anche fornita di funzioni cartografiche per disegnare l'incidente e dà la possibilità di utilizzare la fotocamera del dispositivo per integrare delle fotografie alla pratica. Tutto il materiale, al termine della procedura, verrà inviato tramite la connessione internet  alla propria compagnia di assicurazione e, in copia, alla propria casella di posta elettronica. Vuoi scaricare e-statement, l'app per la constatazione amichevole? Bisognerà aspettare: attualmente è disponibile una versione beta per le sole compagnie di assicurazione, gli utenti dovranno aspettare l'uscita ufficiale dell'app per la constatazione amichevole nel 2015 in Francia (per iOS e Android) e in Italia (per iOS, Android, BlackBerry e Windows Phone), e poi a seguire anche in altri paesi europei. App per la gestione dei costi dell'auto Si chiama "Veicoli - Gestione auto e moto" ed è un'app disponibile per Android che consente di gestire tutti i costi dei propri veicoli e tenerne traccia. In particolare, per ogni veicolo in nostro possesso, l'app permette di inserire una foto del veicolo e di gestire costi e scadenze di bollo, assicurazione e revisione, oltre a tracciare le spese relative al carburante. Potete scaricarla dal Google Play Store CLICCANDO QUI. Per Apple potreste provare Road Trip che, analogamente all'app per il sistema Google, consente di tracciare i costi dell'auto, fra cui anche i consumi di carburante dell'auto su base giornaliera o al chilometro e l'usura delle gomme, oltre a statistiche, grafici e promemoria per le scadenze di manutenzione. In tempi di crisi, segnaliamo anche Prezzi Benzina, l'app gratuita che segnala i distributori di benzina più vicini con i relativi prezzi. Disponibile per gli O.S. Android ed Apple e per gli smartphone Nokia, l'app è sempre aggiornata grazie alla logica 2.0: sono gli utenti stessi che segnalano prezzi e caratteristiche dei distributori per qualsiasi tipo di carburante (benzina, diesel, Gpl e metano). Se avete un'auto elettrica niente paura: c'è l'app di Enel Drive. Altre interessanti app per l'auto Naturalmente sarebbe impossibile elencare tutte le app utili, come l'immancabile Google Maps (che da quando ha acquisito Waze è in grado di fornire anche informazioni in tempo reale sul traffico). Vi piace ascoltare musica mentre siete alla guida? Potreste provare Play the Road, l'app sviluppata per Volkswagen, che imposta la musica in base al vostro stile di guida. Se siete tra quelli che guardano con sospetto le funzionalità del Telepass, temendo addebiti errati, potreste provare l'app Telepass dove visualizzare tutti i dati relativi al vostro utilizzo. E ancora, spaventati da Tutor e Autovelox? Molti navigatori offrono l'integrazione di segnalatori per questi dispositivi, inseriti nelle mappe come POI (point of interest), così da poter viaggiare tranquilli fino all'avviso del nostro navigatore su smartphone. Non mancano sull'argomento delle app dedicate appositamente agli autovelox: Autovelox! (per iPhone e Android), Autovelox Italia - CamSam (per iPhone, Android e Windows Mobile), Radardroid (Android),  iCoyote Europe (iPhone e, recentemente, anche Android). Per i possessori di iPhone 5, c'è da provare CarPlay: l'app che porta le principali funzionalità del telefono direttamente sul display dell'auto; è utilizzabile con la voce tramite Siri, il dispositivo vocale di Apple, oppure con i comandi che controllano normalmente il display dell'auto. Bisogna avere un'auto recente - e solo di alcune marche, come Ferrari, Volvo e Mercedes - oltre all'iPhone 5; se avete Android ed Audi, potete provare Audi Smart Display, che dovrebbe uscire a breve. Non potevano mancare, su Nuvolari, le app per le prestazioni del veicolo: velocità massima e media, distanza percorsa, grafici, notifiche per il superamento dei limiti di velocità sono solo alcune delle funzioni di SpeedView, un tachimetro digitale che funziona con il gps integrato nello smartphone. Per chi vuole ancora più parametri, magari provando l'auto in pista, è consigliata l'app per iPhone Dynolicious: accelerazione da zero a cento, cavalli, forza di gravità sui lati e sui freni possono essere testati e memorizzati, così da analizzare anche l'usura del veicolo nel tempo. In questo caleidoscopio di applicazioni, va ricordato che utilizzare il telefono mentre si è alla guida è molto pericoloso. Per coloro i quali non possono fare a meno di utilizzare lo smartphone anche in auto, è possibile scaricare app quali iCarConnect o Ultimate Car Dock, che riassumono le funzioni più importanti del telefono con scritte chiare ed enormi e il massimo dell'intuitività, con orario e batteria rimanente ben visibili, controlli vocali e widget (sempre giganti) personalizzabili e tanto altro ancora.
CONDIVIDI

News

Soltanto pochi giorni fa, vi abbiamo comunicato le novità che sarebbero state introdotte dal nuovo codice della strada, inerenti soprattutto alla possibilità di prendere l'autostrada per scooter e moto 125cc, oltre ad altre iniziative per favorire la viabilità dei ciclisti nelle città italiane. Bocciato il "senso unico eccetto bici" Ebbene, proprio relativamente alla circolazione dei ciclisti, la Camera ha bocciato il cosiddetto "senso unico eccetto bici" che renderebbe possibile per i ciclisti la circolazione contro mano su strade a senso unico (per i veicoli a motore). Andrea Colombo, Pierfrancesco Maran e Claudio Lubatti, assessori ai Trasporti di Bologna, Torino e Milano, scrivono al ministro delle Infrastrutture che "il senso unico eccetto bici, le case avanzate, la svolta continua a destra, l'apertura delle corsie dei mezzi pubblici alle biciclette, le zone 30 sono previsti da tempo in quasi tutti i paesi europei, dimostrando già empiricamente di essere efficaci per favorire l'utilizzo delle biciclette e per garantire la sicurezza dei ciclisti". Proseguono relativamente alla bocciatura avvenuta alla Camera: "ci auguriamo che la bocciatura avvenuta in sede di Commissione della Camera del senso unico eccetto bici non comprometta gli impegni presi dall'Italia in ambito europeo relativamente alla sostenibilità, ma consenta di analizzare lo sbaglio, in modo da raggiungere finalmente un voto favorevole nei passaggi successivi. Sarebbe un gesto responsabile e maturo". Sono in molti, tuttavia, a ritenere pericoloso - per i pedoni relativamente agli attraversamenti, per i guidatori e per gli stessi ciclisti - un provvedimento che consenta ad alcuni mezzi, siano pure non motorizzati, di viaggiare lecitamente contromano in una strada a senso unico.
CONDIVIDI

Auto

Per il campionato mondiale di Formula 1 2015 la Sauber sembra intenzionata a dare spazio a Simona de Silvestro, pilota svizzera entrata a far parte della scuderia di Hinwil all'inizio del 2014. Il profilo di Simona de Silvestro Simona de Silvestro, nata il 1 settembre del 1988, viene da Thun, Svizzera. Ha partecipato alla prima gara kart nel 1996: dopo 9 anni ha debuttato in Formula Renault e l'anno dopo negli USA in Formula BMW diventando la prima donna a salire sul podio ad Indianapolis. In tempi più recenti, ha corso per la KV Racing Technology nelle IZOD IndyCar Series. Nel corso della sua carriera, Simona de Silvestro si è guadagnata il soprannome "The Iron Maiden"; è stata anche vittima di un incidente nel 2011 che le ha provocato delle ustioni alle mani a causa dell'incendio dell'autovettura. La Sauber annuncia di averla ingaggiata nel febbraio 2014 e di aver previsto un anno di addestramento col team con l'obiettivo di iniziare a correre ufficialmente nel 2015. I test - con la Sauber 2012 - sono iniziati a Fiorano, nell'aprile 2014. Una donna per rilanciare la Formula 1 La Formula 1 non sta vivendo di certo i suoi tempi migliori: troppe regole e troppa tecnologia sembrano aver portato via l'agonismo e le emozioni da cardiopalmo che questo sport aveva sempre regalato ai suoi numerosi proseliti. Le critiche a questo sport sono aumentate in modo esponenziale e sono in molti a ritenere che la bravura del pilota sia ormai quasi ininfluente. Sembra, pertanto, che un eventuale sedile assegnato a Simona de Silvestro sia visto con grande favore dai vari sponsor e da coloro i quali curano le immagini dei brand e gli aspetti economici della competizione: una novità che potrebbe allargare il pubblico - composto prevalentemente da uomini - e portare un po' di nuova attenzione sulla Formula 1. Simona de Silvestro dovrà dimostrare in pista il proprio talento e la propria idoneità a sedere su una monoposto di F1 se vuole evitare facili luoghi comuni sull'inadeguatezza del gentil sesso agli sport motoristici. Ma anche se non dovesse riuscirci, ciò non sarà sufficiente a spostare l'attenzione dalla noiosità della Formula 1 che per alcuni è diventata "uno sport per femminucce". E di certo non per la presenza di una donna al volante.
CONDIVIDI
Segui Nuvolari su:

Via Tiburtina 924, 00156 Roma tel. +39 06.43224.1 fax +39 06.43224.777 - Via Boccaccio 4, 20123 Milano tel. +39 02 55410.829 fax +39 02.55410.734

www.ltmultimedia.tv - corporate@ltmultimedia.tv